Cerca
Close this search box.

Recensione di Remnant 2 – uno sparatutto in terza persona eclettico ma sempre gratificante

Tempo di lettura: 7 minuti
Remnant 2 è un ambizioso sequel pieno di sorprese deliziose e mortali.

Non ti annoierai mai in Remnant 2: non ti troverai mai in un mondo o in un nemico abbastanza a lungo da stancarti. Quando pensi di aver iniziato a stancarti degli strati di Yaesha, ti ritroverai in un Labirinto in cui la pietra è senziente e le belle vasche dei portali non sono in grado di catapultarti verso la morte. E quando penserai di averne avuto abbastanza, potrai esplorare i vicoli di Losomn, dove cockney armati di pistola e lupi mannari – beh, credo che siano lupi mannari; qui la vita reale e quella ultraterrena camminano fianco a fianco – si aggirano per le strade acciottolate, con i volti seminascosti dalla luce tremolante delle torce. In seguito, verrai inseguito in un paesaggio sabbioso alieno da robot ingombranti e piccoli UFO e visiterai un mondo grigio e cinereo in cui l’unico colore è il sangue versato, che sia il tuo o il loro.

È molto diverso dallo scenario post-apocalittico, ormai troppo utilizzato, in cui ci si trova all’inizio, ed è stata una bella sorpresa visto che mi ero perso l’originale Remnant e non avevo idea di cosa mi aspettasse.

Non posso dirti come inizierà la partita perché ogni partita è unica e inizia in uno dei tre piani distinti descritti sopra, ognuno dei quali è generato proceduralmente. Non tutte le ambientazioni sono personalizzate – se rigiochi un dungeon, per esempio, potresti trovare più somiglianze che differenze – ma è abbastanza; abbastanza da far sembrare questo mondo unico da esplorare.

Ecco un trailer co-op di Remnant 2 che lo mostra in azione.Guarda su YouTube

Oltre allo stile, c’è anche la sostanza. Per quanto i mondi siano deliziosamente dettagliati e divertenti da esplorare, anche il gioco delle armi è altrettanto gratificante. Alcuni descrivono Remnant 2 come uno sparatutto, ma non è assolutamente così. dopo 25 ore e quattro mondi, sto ancora usando le mie armi di partenza, anche se arricchite con alcuni potenziamenti e alt-fire che aggiungono un delizioso livello di assurdità al gioco. Anche la mia armatura è composta principalmente dagli stessi fili con cui sono arrivato. Ma non c’è niente di male in questo. La personalizzazione non si ottiene raccogliendo e scartando il bottino, ma grazie alla pletora di modi in cui puoi armeggiare con i tuoi strumenti, aggiungendo mod e mutazioni mondo per mondo, boss per boss, sperimentando e migliorando fino a trovare il mix perfetto per il lavoro da svolgere. E, naturalmente, rotolando lontano dai pericoli… e rotolando molto e molto.

All’inizio ci sono quattro classi, chiamate archetipi, tra cui una con un compagno cane AI che mi sono rifiutato di usare nel caso in cui il cane venisse ferito o ucciso o respirato in qualche modo. Ce n’è anche un quinto, il Pistolero, per i pre-ordinatori, anche se ho passato la maggior parte del tempo a perfezionare il combattimento a distanza (leggi: codardo) come Cacciatore, anche se non so come avrei superato la prima decina di ore se non fosse stato per il mio compagno che giocava come Medico. Il gioco è difficile, certo, ed è incredibilmente facile essere sopraffatti anche dai nemici più innocui. Si può dire che abbiamo imparato a nostre spese a non abbassare mai la guardia.


You gaze out over the crimson glades and ruins of Yaesha in Remnant 2.

In Remnant 2, shadows of circles and icons sit on a concrete floor. A pop-up informs us we've secured the Sagittarius long gun.

You gaze down at a ruined labyrinth where stones, lasers, and crystals pepper the sky in Remnant 2.

Your character looks intently at a white fragment as an unknown character stands in front of you and a giant eyeball looks over your shoulder, in a Remnant 2 cutscene.
Immagine: Gearbox Publishing / Eurogamer

L’azione cooperativa è uno dei punti di forza di Remnant 2, tra l’altro. Sono sempre alla ricerca di sparatutto corposi in cui io e la mia squadra di fuoco possiamo perderci, quindi la decisione di Gunfire di permettere di giocare l’intera campagna con uno o due amici, oltre che in solitaria, è molto apprezzata. Dovrai però essere cortese: i drop di munizioni sono unici, quindi se ne raccoglierai un po’, spariranno per i tuoi amici, ma sembra che la maggior parte degli altri bottini sia condivisa equamente. (Il che è un bene, visto che sono stato ingiustamente accusato di essere un “folletto del bottino”).


Remant 2 screenshot showing you stand in a sewer, on top of hundreds and hundreds of skeletal remains.

A giant blue elfen creature towers over you in Remnant 2. Her halo glows.
Immagine: Gearbox Publishing / Eurogamer

Giocando in modo naturale sbloccherai archetipi e punti tratto aggiuntivi, che a loro volta potranno essere utilizzati per potenziare i numerosi tratti che acquisirai. Ce ne sono miliardi. Questo rende sorprendentemente difficile perfezionare la tua solita struttura da RPG, anche perché alcuni, come lo Scholar, non si sbloccano prima di aver terminato la campagna. Alcuni li riconoscerai da altre offerte simili ai Souls – vita, potere mod, difesa e così via – e altri no. In ogni caso, più giocherai e più potrai aumentare il livello di ognuno.

Queste non sono le uniche chicche nella tua cassetta degli attrezzi. Le reliquie, come le fiaschette di Bloodborne, sono intercambiabili ma, come per le armi, non ho voluto abbandonare il mio Cuore di Drago originale che ripristina la vita dopo averlo potenziato un paio di volte. È un bene, quindi, che il suo potere possa essere ulteriormente potenziato dai frammenti di reliquia che vi inserisci. Anche in questo caso ce ne sono a miliardi, ma a differenza degli anelli e degli amuleti che puoi equipaggiare – tutti geniali e che mi hanno fatto venire voglia di correre in giro con cinque anelli per dito, come un Mr. T dei poveri – i frammenti di reliquia offrono dei potenziamenti molto modesti e alcuni sono molto migliori di altri.


The ruins of a once-great castle in Remnant 2. Banners hang in tatters and rubble litters the ground.

A hulking beast holding an ice-green lantern glares at you in Remnant 2. Its other hand clings to a spear.
Immagine: Gearbox Publishing / Eurogamer

All’interno di ogni mondo troverai anche dei dungeon, identificabili grazie al tenue bagliore dorato delle loro porte. Quelli rotondi sono percorsi secondari, ma vale quasi sempre la pena di esplorarli, mentre quelli quadrati ti terranno ben saldo sulla strada del tuo obiettivo principale. Indipendentemente da dove sceglierai di esplorare, comunque, ci saranno nemici a bizzeffe e un delizioso mix di combattimenti con i boss da affrontare. In genere non sono un fan di queste battaglie – mi dispiace se questo ti allarma/irrita/infastidisce – ma ammetto che la gioia di non sapere mai cosa ti aspetta, al di là della cortina fumosa, è stata curiosamente esaltante. È vero, un paio di volte mi sono sembrate un po’ banali, ma ci sono battaglie davvero epiche con incontri sorprendentemente memorabili (non guarderò mai più il Cubo Companion di Portal nello stesso modo).

“Completa un mondo, cioè raggiungi l’obiettivo, e sbloccherai la Modalità Avventura, una meccanica intelligente che ti permette di rigiocare le mappe completate per coltivare senza influenzare i progressi della storia. Ti permette anche di rigiocare i combattimenti con i boss, anche se alcuni sono stati abbastanza difficili e/o frustranti da farmi sperare di non incontrarli mai più: Nightweaver, mi riferisco a te.

Tuttavia, mentre i mondi di Remnant 2 sono stellari, non lo è la sua narrazione. Non mi è mai importato nulla del Padiglione 13 o dei suoi abitanti: sono tutti facsimili di personalità già viste migliaia di volte e, dato il poco tempo che trascorri in loro compagnia, è difficile creare un legame significativo con loro. Alcuni personaggi ti vengono presentati come se avessero un impatto significativo su di te e sul tuo viaggio, per poi non vederli più. Altri mi sembra di averli scoperti del tutto per caso e solo quando ho avuto qualche momento di tranquillità per sorbirmi i loro insopportabilmente lunghi monologhi. Alla fine, concentrerai i tuoi viaggi verso casa su due o tre personaggi chiave – il tizio che potenzia le tue armi, per esempio, e la burbera ragazza che può creare mod per le tue armi – e non sarà peggio per te. Non credo sia casuale che questi due personaggi siano i più vicini all’inquietante pietra rossa – pensa ai falò di Dark Souls – che usi per viaggiare nei mondi e salvare i tuoi progressi.


A giant behemoth boss fight is in action. A fleshy, sinewy creature hovers in front of you in Remnant 2.

A gun aims at a flying machine in a grey, sterile world of Remnant 2. A pop-up for the new amulet

In an Alien-esque corridor of Remnant 2, you aim at a hulking, dark humanoid figure in front of you.

The Hunter's special ability enables enemies to glow red in Remnant 2 - four such creatures are in front of you, moving between dead, grey roots.
Immagine: Gearbox Publishing / Eurogamer

Una storia poco brillante non è però la fine del mondo, perché tutto il resto – i diversi regni, i combattimenti, gli enigmi; sì, anche quelli più astrusi – sono favolosamente avvincenti e, come un rintocco di orologio, ogni mezz’ora circa uno di noi gridava “Che diavolo è quello?”, dopo essersi imbattuto in un nemico particolare che non avevamo mai affrontato prima. Il merito di Remnant 2 è anche quello di bilanciare mirabilmente l’eccellente gioco d’armi di uno sparatutto live-service senza richiedere lo stesso tempo: probabilmente finirai la tua prima partita in 18-20 ore circa.

La cosa migliore? Forse ho finito la campagna, ma so di non essere affatto vicino al completamento del gioco e non vedo l’ora di vederne altri. Abbiamo scoperto solo una manciata di segreti di Remnant 2 durante il nostro primo playthrough e ci sono molti enigmi, oggetti da collezione e forzieri da risolvere, raccogliere e sbloccare. Forse la penserei diversamente se avessi investito decine di ore nei suoi predecessori, ma al momento l’unica cosa che voglio fare è tornare lì ed esplorare… e questo non può che essere un buon segno, no?

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti