Cerca
Close this search box.
Dragon Quest Monsters: The Dark Prince review: a new challenger

Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro è divertente abbastanza da offrire ai fan frustrati da Pokémon un’alternativa solida

Tempo di lettura: 5 minuti
Dragon Quest Monsters: The Dark Prince review: a new challenger

 

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Pro

  • Divertente combattimento a turni
  • Design affascinante dei mostri
  • Sistema di fusione coinvolgente
  • Ambienti variati

Contro

  • Problemi di prestazioni, cali di frame rate
  • Un po’ di grind
  • Mancanza di evoluzione e innovazione

La serie Dragon Quest non ha mai raggiunto gli stessi livelli di popolarità che i suoi fratelli Square Enix, Final Fantasy, hanno goduto al di fuori del Giappone. Lo stesso vale per la sua serie spinoff, Dragon Quest Monsters, che molti giocatori considerano un concorrente del dominante franchise di Pokémon. Infatti, l’ultimo gioco di Dragon Quest Monsters, il Joker 3 del 2016 per il 3DS, non ha mai lasciato il Giappone. È un’area di nicchia.

Ora, sette anni dopo, Square Enix è finalmente tornata con un nuovo capitolo della serie. Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro. Come i suoi predecessori, è uno spinoff di combattimenti tra mostri a turni in cui i giocatori catturano le colorate creature principali del franchise e le usano per combattere contro le proprie. In un’epoca in cui la serie principale dei RPG di Pokémon riceve critiche dai fan frustrati, potrebbe essere l’alternativa che i giocatori stanno cercando.

Pur non portando maggiore attenzione alla serie spinoff. come ha fatto il favoloso Dragon Quest XI del 2018 per il franchise principale, Il Principe Oscuro offre comunque abbastanza divertimento con il suo coinvolgente sistema di creazione dei mostri e i piacevoli combattimenti a turni. È solo penalizzato da una presentazione problematica e da molto grinding che probabilmente gli impediranno di sfruttare appieno il momento di debolezza di Pokémon.

Tempi più luminosi per il Principe Oscuro

Il Principe Oscuro segue un giovane ibrido umano e mostro di nome Psaro prima che diventasse la minaccia del Macellatore che era in Dragon Quest IV: I Capitoli dei Prescelti. Nutre un odio per gli esseri umani a causa del trattamento riservatogli per la sua discendenza mista, ma l’ultima volontà della madre umana morente era che fosse una persona buona. Di conseguenza, si presenta davanti alla porta di casa del padre e viene demolito.

Lui gli infligge quindi una maledizione che lo rende incapace di fare del male ad altri mostri. È un modo intelligente per la storia giustificare il suo gameplay; Psaro deve ora addomesticare i mostri per farli combattere per lui e vendicarsi del padre. Il tono più cupo e pieno di vendetta è contrapposto allo stile artistico cartoonesco per cui è noto il franchise più ampio di Dragon Quest. Questo conferisce al Principe Oscuro una voce unica tutta sua.

Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro Psaro
Anche se è collegato a un vecchio gioco, funziona bene come storia indipendente poiché i giocatori non devono necessariamente aver giocato a Dragon Quest IV per capire cosa succede in Il Principe Oscuro. Tuttavia, i fan di lunga data di Dragon Quest e coloro che hanno giocato a Dragon Quest IV apprezzeranno il collegamento a un capitolo principale.

Un mondo di mostri

Il ciclo di gioco generale per Il Principe Oscuro è in qualche modo simile a quello di Pokémon. Mentre Pokémon fa sì che i giocatori sconfiggano forti Leader di Palestra e collezionino i loro distintivi, Psaro gira per varie aree aperte durante l’avventura incontrando mostri da reclutare o combattere. La situazione culmina in uno scontro con il boss in stile torneo e aumenta la reputazione di Psaro. Potrebbe sembrare noioso sulla carta, ma ho trovato stranamente soddisfacente la ripetizione mentre esploravo il mondo.

È sempre emozionante trovare nuovi mostri che potrei aggiungere al mio roster.

Aiuta anche il fatto che le aree aperte abbiano una vasta gamma di ambientazioni. Il Cerchio della Capricciosità è una bellissima, sebbene contraddittoria, fusione di deserto, foresta e acqua, mentre il Cerchio dell’Indulgenza è composto interamente da torta. Il costante cambiamento di scenario aiuta a mantenere la freschezza dell’esplorazione in tutto il percorso.

L’hardware Nintendo Switch mostra la sua età nell’esplorazione; i visivi non sono davvero migliori di quelli di Pokémon Scarlet e Violet. Ha problemi di prestazioni simili al suo contemporaneo di cattura mostri. I tempi di caricamento sono lunghi e ci sono cali evidenti dei fotogrammi durante l’esplorazione. I menu impiegano un secondo o due per comparire premendo il tasto giusto. Tutti questi problemi ostacolano davvero l’esperienza di gioco complessiva, privandola di un livello di rifinitura molto necessario.

Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro Indulgenza

Creare più mostri

Il tratto distintivo del gameplay de Il Principe Oscuro è il suo meccanismo di sintesi dei mostri estremamente divertente, simile al sistema di fusione di Persona in cui i giocatori accoppiano i mostri per crearne di nuovi. Sperimentare con diverse creature è sempre emozionante, poiché scopro costantemente nuovi mostri, alcuni dei quali possono essere trovati solo tramite fusione. Il sistema mi incentiva a continuare a creare nuovi mostri anche perché i Talenti possono essere ereditati dal mostro materiale di fusione (i mostri catturati in natura contengono solo i loro Talenti naturali). È un bel compromesso tra la semplice fusione di Persona e l’articolata e strategica riproduzione di Pokémon.

Vorrei che non fosse così creativamente sicuro.

Quando i mostri salgono di livello, occasionalmente guadagnano Punti Talento (TP) che possono essere spesi per aumentare determinate statistiche o imparare nuovi movimenti. Quando passano i Talenti, il discendente recupera alcuni Punti Talento precedentemente investiti, dando al nuovo mostro un vantaggio di partenza al livello uno.

Adoro giocare con il sistema di fusione e provare a trovare modi per creare mostri veramente potenti e sbilanciati che potrebbero sopraffare le minacce dei primi livelli di gioco. È un’altra caratteristica che ha contribuito a ridurre la quantità di grinding che ho fatto poiché ho capito che semplicemente livellare il mio party esistente non era il modo migliore per diventare più forte. Dovevo lavorare in modo più intelligente e adottare un approccio più misurato nello sviluppare il mio team.

Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro
Sono contento di vedere il ritorno della serie spinoff Dragon Quest Monsters con un nuovo capitolo, anche se vorrei che non fosse così creativamente sicuro. Si gioca troppo come i capitoli precedenti, e la mancanza di evoluzione e i problemi di prestazioni sono deludenti. Anche se non si distacca troppo dai suoi predecessori, il ciclo di gioco e il sistema di fusione dei mostri sono sempre coinvolgenti. Dragon Quest Monsters: Il Principe Oscuro non spodesterà presto Pokémon dal suo trono, ma è comunque un’alternativa divertente per l’allenatore che ha già catturato tutti.

Leggi di più su www.digitaltrends.com

Potrebbero interessarti