Cerca
Close this search box.

Il messaggio di cui Disney e Bob Iger devono preoccuparsi non è quello della “wokeness”

Tempo di lettura: 4 minuti

Bob Iger dice che il pubblico vuole l’intrattenimento più che i messaggi, ma il messaggio di Disney va oltre il progressismo sociale

Il principio “Go woke, go broke” è sempre stato una bestia capricciosa. Viene usata proprio ora, mentre parliamo, per spiegare perché The Marvels è il peggior incasso dell’era MCU della Marvel, ma il primo film della serie, l’altrettanto “woke” Captain Marvel, ha fatto più di un miliardo. È stato usato come una clava contro Mario per aver trasformato la Principessa Peach in una guerriera senza paura, poi, quando anche questo film ha superato il miliardo, la gente ha deciso che in realtà non era per niente “woke” e che era la prova che i film non devono essere così “woke”. Persino Wish, un film che non parla di nulla, è stato etichettato con questo slogan e Frozen 2 (che, come hai capito, ha guadagnato più di un miliardo), ha un ambientalismo moderatissimo pur essendo il più esplicito possibile con le sue tematiche queer, tra cui Elsa che scappa a vivere nei boschi con la sua ragazza.

Ora l’amministratore delegato della Disney Bob Iger è intervenuto.

Intervenendo al DealBook Summit del New York Times, con frammenti chiave del suo discorso postati su Twitter da Alex Sherman della CNBC, Iger ha detto che i film dovrebbero “intrattenere prima di tutto, non [spingere] messaggi”, aggiungendo che, sebbene “i messaggi positivi per il mondo” facciano parte dell’immagine di Disney, non dovrebbero essere l’obiettivo principale. È un “go woke, go broke” con qualsiasi altro nome, ma è un po’ più vicino al problema rispetto a quel grido di guerra online.

I tuoi film devono essere buoni, è l’ABC del cinema. Il problema è che alcuni lamentosi professionisti online pensano che qualsiasi cosa possa qualificare un film come “woke” escluda automaticamente che sia buono, e nel caso di Captain Marvel, The Super Mario Bros. Movie e Frozen 2 (e Black Panther, e Barbie, e Star Wars: The Force Awakens…), sembra che il pubblico non sia d’accordo.

Non fraintendermi, c’è sicuramente un problema con la politica progressista moderna che vede il bene come nemico del perfetto e che considera problematici i tentativi sinceri di mostrare il la complessità realistico, inducendo alcuni creatori a usare una mano più pesante nel loro messaggio –  Jade King su The Gamer ha recentemente parlato a lungo con ND Stevenson e Molly Ostertag proprio di questo problema. È giusto dire che l’arte senza fede dietro è inutile, ma lo è anche la fede senza arte. A volte un bel robot è solo un bel robot.

Questo non vuol dire che io sia d’accordo con Iger, di per sé. Semplicemente, non credo che abbia torto nel modo in cui la maggior parte delle persone pensa che abbia torto. La folla di coloro che dicono: “Se sei sveglio, sei al verde” lo vede come una vittoria, mentre gli altri fanno quello che ho appena fatto io e sottolineano come molti film, tra virgolette, sulla gioventù facciano il botto al botteghino. Ma soprattutto, la “messaggistica” ha una qualche correlazione con i successi e i fallimenti di Disney?

Non fraintendetemi, The Marvels è un flop. Con tre protagoniste femminili, due delle quali sono donne di colore, e uno sguardo alla vita musulmana in America, è un film “woke” nel senso mediatico del termine. Ma anche Ant-Man and the Wasp: Quantumania, che non ha alcun messaggio woke ed è diretto da un uomo bianco, ha fatto flop, non superando i 500 milioni di dollari. Anche La Sirenetta ha raggiunto a malapena i 500 milioni di dollari, un risultato ben lontano dal miliardo del remake live-action de Il Re Leone, e anche in questo caso non ha alcun messaggio di cui parlare. Non c’è nessuna svolta femminista nell’originale, è solo l’originale. Lei scambia la sua voce con un uomo che ha appena conosciuto e poi lo sposa. È nera, ma se questo è il livello di messaggio di cui stiamo parlando, allora tanto vale licenziarsi e andare a casa.

Allo stesso modo, questa è l’unica accusa possibile di cattiveria che si può muovere a Wish, che sta floppando con recensioni pessime – in netto contrasto con l’estremamente woke Turning Red, che è stato un successo di streaming dopo che Disney, spaventata dal pubblico pandemico, lo ha ritirato dalle sale. Lightyear ha suscitato molte polemiche per una scena estremamente piccola, ma si trattava di due donne che si baciavano sullo sfondo per un secondo, e il film è stato recensito molto male. Ancora una volta, non è un pasticcio avere persone di colore, donne o gay nei film (vedi Black Panther, Barbie e Bohemian Rhapsody per altri esempi di grandi successi).

Il messaggio può essere di grana grossa. Baymax della Disney mostrava un uomo trans che comprava degli assorbenti e sapevamo che era trans perché indossava una bandiera trans sulla camicia. Beh, l’intera maglietta era una bandiera trans. All’epoca pensai che fosse una cosa dolce, con il cuore al posto giusto, ma mi rendo conto che è molto goffa. Ma una scena dello show di Baymax non definisce la Disney moderna. Le ragioni della serie di fallimenti della Disney sono molto più semplici.

In primo luogo, è un problema di qualità. I sequel live-action hanno scottato il pubblico troppo spesso e il marketing de La Sirenetta, le cui immagini sembravano una nebbia grigia (oltre ll’uso sbagliato delle capacità canore di Halle Bailey), ha fatto sì che la gente non si presentasse. Anche il marketing di Wish è andato male, con i critici che hanno criticato il finale (che è ancora peggio di quanto si dice) e la totale mancanza di sostanza del film, che ha fatto sì che si affidasse alle motivazioni dell’antagonista, pubblicizzate così male che la gente ha finito per dargli ragione.

Con The Marvels, oltre al film originale, dovevi guardare anche tre diverse serie televisive, per non parlare della stanchezza generale di stare al passo con il MCU in generale. Quando è stato rivelato, ho scritto che la wokeness non sarebbe stata la ragione del fallimento, e lo confermo. Nel 2024, Marvel sta puntando tutto sul film Deadpool 3 e, sebbene non sia un film di successo, si tratta di una commedia vietata ai minori che fa leva sulla nostalgia di due generazioni diverse: è un grosso rischio.

L’altro problema è che Disney ha addestrato il suo pubblico ad aspettare. Per sostenere Disney Plus nella sua corsa per raggiungere Amazon Prime e Netflix, molti film (come Encanto e Turning Red, entrambi grandi successi di pubblico) sono stati accorciati o cancellati dalle sale cinematografiche per potenziare la piattaforma di streaming. Mentre film come Avatar: La Via dell’Acqua possono offrire un’esperienza imperdibile nelle sale cinematografiche, per offerte di qualità inferiore il pubblico è stato addestrato ad aspettare qualche settimana per vederli a casa, dove gli snack sono gratuiti e le pause bagno sono abbondanti.

Bob Iger potrebbe pensare che l’intrattenimento debba prevalere sui messaggi, ma il messaggio più importante che la Disney ha trasmesso al pubblico è “aspetta che sia su Disney Plus”. È questo messaggio, e non qualsiasi cosa legata all’intrattenimento, che la Disney deve affrontare se vuole tornare a incassare un miliardo di dollari.

Potrebbero interessarti