Cerca
Close this search box.
Helldivers 2 Has The Best Tutorial Since Half-Life

Helldivers 2 ha il miglior tutorial dai tempi di Half-Life

Tempo di lettura: 3 minuti
Helldivers 2 Has The Best Tutorial Since Half-Life

Ti avvicini a un’interfaccia olografica che ronza di vita mentre una donna in tuta HEV ti dà il benvenuto al corso di formazione. Sei nuovo e prima di sporcarti le mani con gli esperimenti ultraterreni della storia di Half-Life, devi conoscere le basi. Per uno scienziato che lavora in una struttura top-secret nel sottosuolo del New Mexico, lontano dai sentieri battuti, questo significa maneggiare una pistola, immergersi sotto tubi giganti e imparare a usare uno zaino da salto all’avanguardia. È un po’ estremo per una testa d’uovo, ma non vorrai crollare sotto la pressione.

L’apertura di Half-Life è un brillante giro in tram attraverso una struttura per mostrare che non si tratta di un altro sparatutto ad arena con una trama vaga che mette insieme stanze piene di demoni, ma di un mondo vivo e pulsante. Tuttavia, il protagonista è ancora una tela bianca che può sconfiggere ostacoli insormontabili nonostante sia una persona del tutto ordinaria con la coda di cavallo. Il corso di formazione dà a questa apertura un contesto e una sostanza maggiori. È preparato e sa come maneggiare un arsenale di prim’ordine, quindi non c’è da stupirsi che prenda subito in mano un piede di porco e si dia da fare con quegli headcrab.

Vediamo dove è andata a finire una delle tute HEV mancanti, impariamo i trucchi del gioco e vediamo un altro lato di Black Mesa prima che venga assediata da un esercito alieno in fuga. Ti permette di scrutare il tono satirico prima che il mondo crolli, preparandoti sia alla storia che ai pulsanti da premere. È il modo in cui un tutorial dovrebbe essere: un’introduzione organica piuttosto che una serie di lezioni che ti accompagnano chiaramente dirette dagli sviluppatori.

Helldivers 2 è il tutorial più vicino a catturare lo spirito di Half-Life da 26 anni a questa parte. Chiaramente ispirato a Starship Troopers, lo sforzo bellico contro lo sciame di insetti sta sfuggendo di mano e c’è un disperato bisogno di soldati. Non c’è tempo per dedicare anni all’addestramento dei migliori, quindi i novellini vengono lanciati in percorsi a ostacoli disordinati, affrontando le nozioni di base e sperando che siano sufficienti.

Mentre in Half-Life gli scienziati sbirciano dalle finestre, scarabocchiando appunti mentre Gordon fallisce lo stesso salto per dieci volte, in Helldivers 2 il sergente addestratore urla i comandi come in una parodia esagerata di Full Metal Jacket. Il tono è quello di una chiara satira del complesso militare-industriale, che prende in giro la spavalderia machista della vita del soldato.

Ci viene presentato un compagno di squadra di cartone che, con un luccichio negli occhi di cartone, si dice felice di conoscerci. Per poi saltare in aria pochi istanti dopo, mentre l’istruttore di esercitazione ci insegna allegramente che i nostri amici moriranno .

a group of acid terminids, denoted by their green coloring, in helldivers 2

Un tutorial potrebbe cadere troppo facilmente nella trappola di impartire comandi come un robot, dicendoci che X fa Y e facendocelo fare tre volte per completare una quota. Ben fatto, hai imparato qualcosa. Ma Helldivers 2 sfrutta questo momento per insegnarci a rianimare i compagni caduti chiamando i rinforzi e, allo stesso tempo, per preparare il terreno per il suo mondo.

Ecco la tua VERA lezione, soldato: i compagni di squadra possono morire e moriranno sempre tragicamente.

L’insensibilità con cui i responsabili mandano a morire in prima linea innumerevoli novellini, dicendoci di farcene una ragione e di seppellire i nostri sentimenti, ti fa capire immediatamente la personalità di Helldiver 2. Come in Half-Life, anche in Helldiver 2 siamo un gruppo di persone che si sentono in colpa. Come in Half-Life, impariamo a conoscere il mondo tanto quanto le meccaniche e questo è molto più memorabile di un pop-up che ci dice cosa fare.

Il sergente porta molto sul tavolo, proprio come faceva la Gina olografica, dicendo che questa corsa a ostacoli è decisamente realistica e ci addestra assolutamente per la realtà, perché gli insetti alieni stanno fermi e sono tenuti in recinti in modo da avere il tempo di scagliare granate contro di loro. È un livello di autoconsapevolezza che si adatta alla narrazione di Helldivers 2, in linea con le cutscene e i notiziari disseminati nella storia.

L’ultima cosa che vuoi da un tutorial è annoiarti. Dovrebbe facilitare l’ingresso nel gioco ma anche divertire, altrimenti è una faticaccia in cui si viene trascinati prima di arrivare all’azione. Come in ogni altra cosa nella vita, la prima impressione di un gioco è fondamentale e una lentezza paternalistica non infonde speranza. Ma a distanza di anni, ho un bel ricordo del tutorial di Half-Life e non ho dubbi che conserverò la mia prima volta sul percorso a ostacoli di Helldivers 2, perché entrambi hanno reso il banale una parte interessante dei loro mondi.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti