Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Vehicle Horror Survival In Pacific Drive

Survival horror in auto con Pacific Drive

Tempo di lettura: 3 minuti
Vehicle Horror Survival In Pacific Drive

Questa è la mia auto. Ce ne sono molte simili, ma questa è la mia. È importante che tu crei un legame personale con il tuo mezzo di trasporto in Pacific Drive: dopo tutto, è collegato a te tramite un potere ultraterreno noto come Remnant. È anche la tua unica protezione contro la dura Zona di Esclusione Olimpica, l’ambientazione apocalittica di questo gioco di sopravvivenza roguelike con veicoli horror di Ironwood Studios.

Non viene definito un roguelike. Anche durante la mia anteprima alla Gamescom 2023, il termine non è stato utilizzato, nemmeno lontanamente come “avventura” e “sopravvivenza”, eppure il gioco presenta forti elementi roguelike. Con la tua auto fai dei giri per raccogliere risorse e completare delle missioni. Le mappe sono diverse ogni volta, ma alcune parti vengono riutilizzate, come i garage, i laboratori scientifici abbandonati e i veicoli distrutti. All’inizio ero preoccupato per la ripetizione di questi elementi, ma in realtà forniscono una sorta di familiarità di base. Sai cosa cercare e come affrontare ogni scenario. È anche probabile che il paesaggio progredisca con l’avanzare del gioco.

Durante ogni corsa, puoi raccogliere risorse, oggetti cosmetici e altri ninnoli o materiali rari che ti saranno utili in seguito. Il paesaggio è un luogo violento, disseminato di edifici da saccheggiare, obiettivi da completare e anomalie (cariche elettriche, geyser verdi incandescenti che sgorgano dalla terra e materia in bilico che fa volare la tua auto nella foresta se ti avvicini troppo) da evitare. Alla fine del percorso, dovrai afferrare le cariche di Anchor per poter tornare al tuo garage (per saperne di più, tra un attimo) e, una volta attivato il portale di uscita, il mondo inizierà a rimpicciolirsi, non diversamente dall’anello di chiusura di una battaglia reale. Dovrai raggiungere il portale, una colonna di luce verde incandescente, prima che l’anello si chiuda. Fidati di me. La tua auto è un amico fragile.

Nel garage, che funziona come un rifugio con moduli aggiornabili, puoi riparare il tuo veicolo con il mastice magico e installare nuove postazioni di lavoro, come un riciclatore di materiali o una postazione per la cosmesi e la cura dei dettagli per dare un tocco in più alle tue ruote. Le cose non sono così profonde dal punto di vista tecnico e meccanico come in giochi come My Summer Car o The Long Drive, ma c’è una soddisfazione generale quando si avvitano nuove portiere o si aggiornano i fari. La manutenzione del veicolo è stata semplificata, ma non di molto.

Pacific Drive (3)

Mentre stai guidando, raccogliendo bottini e migliorando la tua auto, c’è un senso di disagio pervasivo. Sia che si tratti delle voci disparate che provengono dalla radio della tua auto, sia che si tratti dei gorgoglianti droni volanti che gemono nel vento, Pacific Drive è inquietantemente spaventoso. Non ho avuto un jumpscare, non ho visto un mostro di qualsiasi tipo e non ho avuto alcun tipo di incontro con un’anomalia: gli alberi scuri e gli edifici in rovina sono sufficienti per me. Anche i manichini da crash test sono sparsi in giro, congelati sul posto come le vittime di Pompei. Girare un angolo e vederne uno con le mani alzate sul viso mi ha fatto indietreggiare un paio di volte.

La tua auto è come un caldo faro. Possiede una radio, che trasmette per lo più musica autorizzata, e diventa sempre più fioca più ci si allontana da essa. Spesso mi capitava di guidare un po’ più vicino a un edificio o a un’ancora per poter ascoltare la musica mentre lavoravo, piuttosto che ascoltare il silenzio penetrante, il gorgoglio delle anomalie o gli alberi che scricchiolavano in lontananza. Il fatto che io abbia instaurato una rapida relazione simbiotica con la mia auto è una prova della costruzione del mondo di gioco: è proprio questo lo scopo dell’intero gioco, per quanto ne so.

Pacific Drive (4)

Il mio principale problema con Pacific Drive è che diventa ripetitivo. Durante le prime due ore, le missioni e la narrazione erano abbastanza solide da spingermi ad andare avanti, così come la scoperta di nuovi materiali, potenziamenti per la mia auto e oggetti cosmetici. Ciò che mi preoccupa è che il gioco perda il suo ritmo: saccheggiare un’altra stazione di servizio abbandonata con uno zaino identico sul bancone e cassette degli attrezzi copiate e incollate nel retrobottega potrebbe diventare noioso. Spero che l’esperienza completa continui a cambiare e a innovare le promettenti basi che ho intravisto in questa anteprima.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti