Cerca
Close this search box.

Star Wars Jedi: Survivor su PC è ancora il peggior port per PC tripla A del 2023

Tempo di lettura: 4 minuti

Quando Star Wars Jedi: Survivor è stato lanciato, abbiamo descritto la sua versione per PC come il peggior port tripla A che avessimo mai visto nel 2023. Da allora, però, sono state distribuite diverse patch e nell’ultima revisione è stata regalata ai giocatori di console un’intera rivisitazione della modalità a 60fps. Come se l’è cavata la versione per PC?

Abbiamo parlato di diversi miglioramenti iterativi delle prestazioni nel corso del mese nelle patch precedenti, ma questa è potenzialmente più incisiva. Finalmente è stato aggiunto il DLSS di Nvidia, insieme a un’implementazione piuttosto scarsa dell’FSR 2 di AMD. Purtroppo le prestazioni non sono ancora sufficienti e numerosi problemi non sono stati risolti. Jedi: Survivor è ancora il peggior port tripla A del 2023.

Partiamo dall’inizio. Proprio come la versione di lancio, Jedi: Survivor si avvia ogni volta con una fase di precompilazione degli shader. Si presenta ogni volta che si carica il gioco, anche se non sembra fare nulla dopo il primo avvio: un inutile attrito per l’utente che assomiglia molto a un bug, ancora presente cinque mesi dopo il debutto del gioco. La cosa particolarmente strana è che se il gioco sta effettivamente effettuando il pre-caching degli shader, non sta facendo un lavoro particolarmente buono. Star Wars Jedi: Survivor presenta ancora una serie di balbettii nella compilazione degli shader durante il gioco.

</x></x>https://www.youtube.com/watch?v=lsskwVyPoxs
Il nostro ultimo sguardo a Star Wars Jedi: Survivor su PC mostra alcuni piccoli miglioramenti, oltre alla gradita aggiunta dell’upscaling DLSS – ma i problemi di base che abbiamo notato devono ancora essere affrontati in modo completo.

Per quanto riguarda l’esperienza utente, i menu del gioco sono cambiati – in parte. Il mouse funziona in modo più uniforme, a differenza del lancio, e ora è possibile uscire dal gioco, per esempio. Tuttavia, non funziona ancora correttamente. Ad esempio, è impossibile cambiare la risoluzione dello schermo del gioco con la tastiera e il mouse. Cliccare su una nuova risoluzione non funziona e nemmeno premere lo spazio sulla tastiera come richiesto dal gioco. È sorprendente che solo l’uso di un game pad ti permetta di navigare completamente nel sistema di menu.

E i menu sono ancora pessimi in termini di funzionalità come lo erano al momento del lancio. Non ci sono descrizioni valide di ciò che fanno le opzioni o delle implicazioni in termini di prestazioni della loro selezione. Non ci sono nemmeno immagini di anteprima che dimostrino esattamente cosa comporta la modifica di un’opzione. Tuttavia, almeno l’attivazione e la disattivazione dell’RT non compromettono più le prestazioni, ma anche in questo caso l’impostazione del menu non è neanche lontanamente all’altezza di un gioco tripla A.

Anche la qualità dell’immagine era pessima al momento del lancio, con le implementazioni TAA e FSR 2 del gioco eccezionalmente scadenti. Questo è ancora il caso, ma i possessori di GPU RTX possono ora utilizzare il DLSS – anche se l’Intel XeSS non è stato portato alla festa, nonostante i plug-in di Unreal Engine siano disponibili per farlo. Il DLSS fa miracoli per la qualità dell’immagine del gioco: qualsiasi oggetto in movimento ora conserva effettivamente i dettagli invece di essere seguito da sbavature, pixelature e disocclusioni. Anche le particelle non sono più solo macchie sfocate con FSR 2, mentre l’effetto ghosting è notevolmente migliorato. È stata integrata anche la generazione di fotogrammi DLSS 3.

</x></x>https://www.youtube.com/watch?v=uI6eAVvvmg0
La recensione originale di Alex Battaglia sul lancio della sconvolgente versione per PC di Jedi: Survivor.

In gioco, tuttavia, le prestazioni sono ancora difficili da ottenere. Il traversal stutter si fa sentire indipendentemente dalle impostazioni o dall’hardware, la CPU è ancora ampiamente sottoutilizzata e, naturalmente, c’è lo stutter nella compilazione degli shader. Se guardi il video qui sopra, vedrai che ho testato il gioco su più patch con le impostazioni più basse, notando miglioramenti graduali nel tempo. Su un Ryzen 5 3600, il gioco ora gira circa il 25% più veloce in scenari con CPU limitata. Sfortunatamente, con impostazioni più elevate e RT abilitato, le prestazioni sono pessime come al momento del lancio. Il mio PC con Core i9 12900K e RTX 4090 non è ancora in grado di far girare il gioco a un minimo di 60fps per tutta l’esperienza.

La generazione di fotogrammi di DLSS 3 può aiutare? Assolutamente sì, in quanto eccelle in scenari con CPU limitata, ma il punto è che la generazione di fotogrammi richiede comunque un buon frame-times in ingresso per offrire una presentazione fluida in uscita. Gli input di Jedi: Survivor sono ancora molto irregolari, il che rende praticamente impossibile un frame-pacing pulito in uscita. Jedi: Survivor ha anche una riproduzione delle animazioni non funzionante: i picchi di tempo provocano una momentanea accelerazione del motore di gioco che si traduce in un’improvvisa “sbandata” in avanti dell’animazione, cosa che accade anche se si riesce a bloccare il gioco a 60 fotogrammi al secondo.

È difficile da descrivere in un testo, ma guarda il video e capirai cosa intendo. Indipendentemente da ciò che fai in Jedi: Survivor, la fluidità delle animazioni misurate internamente si rompe e le animazioni e le telecamere balbettano in modo fastidioso. Anche bloccando il gioco esternamente a 30fps perfettamente cadenzati, è possibile vedere come questo comportamento si verifichi ancora su un 12900K.

</x></x>https://www.youtube.com/watch?v=LH_HbgzUKBU
Le versioni per console hanno i loro problemi, ma il gioco ha sempre avuto meno problemi rispetto alla versione per PC e l’ultima patch offre alcuni miglioramenti degni di nota.

Ci sono altre cose di cui potrei parlare, come il fatto che il gioco presenta dei lampi bianchi quando si ruota la telecamera a causa di un’eccessiva riduzione della geometria sui bordi della telecamera, o il fatto che l’implementazione della generazione di fotogrammi DLSS 3 mescola e sfoca gli elementi dell’interfaccia utente, un problema di artefatto che Nvidia ha risolto mesi fa.

In conclusione, anche sul mio sistema di gioco di fascia alta, la CPU è limitata con impostazioni grafiche ragionevoli e soprattutto con il ray tracing. Su un vecchio processore di fascia media, il gioco è ancora un disastro. Tecnicamente il gioco è migliore, ma non ha molta importanza se i problemi principali presenti fin dal lancio non sono stati risolti.

Le note della patch non menzionano ulteriori aggiornamenti, ma sappiamo che lo sviluppo del gioco continua: le versioni per console last-gen sono in arrivo, dopotutto. Forse si tratta di una speranza vana, ma la versione PC di Star Wars Jedi: Survivor non può essere lasciata in questo stato. Non è ancora adatta allo scopo.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti