Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
One Last Breath Review - Almost A Breath Of Fresh Air

Recensione di One Last Breath – Quasi una boccata d’aria fresca

Tempo di lettura: 4 minuti
One Last Breath Review - Almost A Breath Of Fresh Air

One Last Breath è un breve puzzle platform 2.5D tanto bello quanto terrificante, con una grafica che ricorda molto Inside di Playdead. Vesti i panni della dea della terra Gaia, guidandola in un ambiente post-apocalittico mentre cerca di riportare la vita su una Terra devastata da decenni di inquinamento e avidità da parte dell’umanità. L’ho provato in anteprima al Tokyo Game Show dell’anno scorso e sono rimasto colpito dall’accuratezza dei puzzle, ma non sono sicuro che funzioni allo stesso livello di una versione completa.

Il ritmo e la tensione sono fattori determinanti per la riuscita o meno di One Last Breath. In parte perché è abbastanza breve da poter essere finito in una sola seduta – io l’ho fatto – ma anche perché il gioco è spesso un’esperienza stressante e spaventosa. Il mondo del gioco è pieno di strane e spaventose creature aliene che non puoi combattere, quindi devi evitarle, intrappolarle o sfuggirgli.

Si aggirano sullo sfondo della maggior parte delle ambientazioni e a volte ti individuano e iniziano a dirigersi verso di te. Se ti prendono, sei spacciato. Hai presente la sensazione che provi quando stai giocando a The Last of Us e senti un clicker e all’improvviso la musica cambia e ti rendi conto di essere in grave pericolo? È così, ma senza armi.

Gaia getting caught by a monster

Più i mostri si avvicinano a te, più Gaia respira forte e più le creature ringhiano. Questi incontri sono caratterizzati da un ottimo sound design che rende le bestie ancora più terrificanti. Il gioco può diventare molto teso, ma è fantastico e coinvolgente. I momenti di sicurezza in cui risolvi gli enigmi sono particolarmente soddisfacenti tra i periodi di pericolo. Purtroppo, negli ultimi capitoli, questi incontri si fanno sempre più rari, facendo calare la tensione.

Essere catturati da questi mostri o sbagliare un salto durante un gioco di piattaforme porta naturalmente alla morte. Gaia urla mentre muore e il suono è fastidioso. Questo è un problema, perché, per scelta, in One Last Breath si muore spesso. Il gioco non ti spiega i comandi o le meccaniche, ma ti permette di capirli attraverso tentativi ed errori. Questo funziona abbastanza bene, soprattutto perché i punti di salvataggio sono ben posizionati e la morte non ti fa perdere troppo tempo. Tuttavia, sentire quell’urlo straziante ogni volta che morivo ha iniziato a farmi saltare i denti.

Gli enigmi e i platform sono adeguati. I poteri di Gaia le permettono di controllare l’ambiente in determinati punti, creando percorsi con gli alberi o dondolando attraverso i vuoti con le liane, e una nuova meccanica viene introdotta più avanti nel gioco. La tattilità è buona, soprattutto se si gioca su PS5 con un controller DualSense.

Gaia jumping off a ledge to escape a monster

Ma ci sono molti difetti che si evidenziano man mano che si gioca. Uno di questi è che c’è un sacco di blocchi da spingere, il che andrebbe bene se non fosse che ci vuole un’eternità. Poche cose sono più frustranti in un gioco come questo del sapere esattamente come risolvere un enigma con una sola occhiata, ma dover impiegare un minuto intero per realizzarlo perché il movimento è lento.

Un altro grande problema è che non è necessario comprendere a fondo le meccaniche del gioco per risolvere gli enigmi. Spesso penso: “Probabilmente quell’oggetto è lì perché devo fare questo”. Quel blocco è lì perché posso spingerlo verso la sporgenza più alta. Quella leva è lì perché devo tirarla. Quell’interruttore deve essere premuto. Il gioco è piuttosto forte nel promuovere la sperimentazione nelle prime parti del gioco, ma gli enigmi sembrano più routinari più si va avanti nel gioco.

Gaia collapsed, surrounded by deer

Questo potrebbe essere perdonato se la narrazione fosse forte, ma non è così. One Last Breath si basa interamente sulla narrazione ambientale, ritraendo un mondo fatiscente e pieno di tecnologia abbandonata. La natura si sta riprendendo il mondo, ma è chiaro che stiamo guardando una Terra priva di esseri umani. Ti muovi silenziosamente tra uffici e case abbandonate, fabbriche e segherie. Attraversi un campo e guardi il fuoco piovere dal cielo. È bello e desolante.

Ma non è chiaro perché Gaia sia lì e cosa stia cercando di fare. Vediamo che è ovviamente legata alla natura attraverso il gameplay e la trama, ma non sappiamo che sia Gaia o che stia cercando di riportare la natura nel mondo solo dal gioco. Quello che vediamo è che una specie di ninfa dei boschi è stata sputata dalla terra e si è avventurata, ma non è chiaro se stia solo cercando di sopravvivere o se ci sia un posto che sta cercando di raggiungere fino alla fine. Quando finalmente ci si arriva, l’unica cosa che resta da provare è l’insoddisfazione.

Nel corso del gioco, puoi anche avventurarti fuori dal sentiero battuto per liberare degli animali come una sorta di collezionabili. Se li liberi tutti, potrai accedere a un caveau verso la fine del gioco. Non sono riuscito a liberarli tutti e quindi non ho potuto accedere al caveau. Avrei voluto tornare ai livelli precedenti per completarlo, ma il gioco non ti dice in quali livelli hai perso i collezionabili e non volevo rigiocare l’intero gioco.

Il gioco manca anche di un po’ di pulizia, anche se molti di questi aspetti possono essere risolti dopo il lancio. Il comportamento dei mostri non è sempre sensato: a volte per risolvere i puzzle è necessario rimuovere i blocchi che ti separano da loro, ma non corrono subito ad attaccarti. È possibile agganciare gli animali che ti passano accanto nel mondo. Il platforming è a volte un po’ complicato. Gli obiettivi sono scritti male e ho riscontrato almeno un bug che mi ha costretto a ricominciare dall’ultimo checkpoint.

Dato che il gioco è così breve, penso che valga comunque la pena provarlo. Quando il gioco ha successo, brilla e il gameplay è fluido e interessante. Potresti sbatterci un po’ la testa, ma le soluzioni sono sempre di buon senso ed è incredibile riuscire a risolvere qualcosa da soli. Ti avverto che probabilmente il finale del gioco non sarà particolarmente soddisfacente, ma se riesci a non pensarci, One Last Breath ha qualcosa da offrire.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti