Cerca
Close this search box.

Monster Hunter Now non è, per fortuna, un pay to win, ma è comunque un gioco da ragazzi

Tempo di lettura: 4 minuti

Se sei stato morso dal virus di Monster Hunter Now, quasi sicuramente ti sei anche scontrato con il muro della progressione che si presenta relativamente presto nella tua esperienza di gioco. Grazie alla progressione glaciale, ai tassi di caduta bizzarri e agli oggetti aggressivamente limitati, molti online definiscono il gioco “Pay To Win”. Non sono d’accordo, però. Alcuni aspetti del gioco possono essere velocizzati pagando, certo, ma il vero problema di Monster Hunter Now è la scala dei danni e il bilanciamento, e non si tratta di qualcosa che puoi semplicemente superare pagando.

Il gioco inizia in modo abbastanza semplice: caccia, potenzia, risciacqua, ripeti. Proprio come nei giochi di Monster Hunter. Tuttavia, quando inizi a scalare i gradi di cacciatore, avrai accesso a incontri più complicati, da mostri a tre stelle a mostri a cinque stelle, e le cose iniziano a farsi più complicate. All’inizio, a meno che tu non abbia un’ottima dose di fortuna in un incontro, sarai in grado di affrontare quasi tutti i combattimenti senza pensarci. È facile e veloce, un modo piacevole per abituarsi ai combattimenti da 75 secondi e ai comandi touch.

Ma quando Rathians, Diablos e altri mostri iniziano a comparire, il gioco rallenta. Molto in basso. Le armature di alto livello, necessarie per combattere queste nuove minacce, richiedono una quantità oscena di grinding per essere realizzate. Anche rompendo la coda di un Anjanath, ad esempio, non è garantito che la coda cada. E per far salire di livello una spada di fuoco, che ti serve per finire un Paolumu a cinque stelle nel tempo limite, hai bisogno di molti di questi oggetti.


Monster Hunter Now promotional picture showing two huge computer generated monsters, battling it out with a real-life city in the background.
Dove andiamo, ora? | Crediti immagine: VG247/Niantic

In questo caso, il meraviglioso e avvincente ciclo di gioco su cui Monster Hunter ha fatto leva per generazioni si esaurisce. Grazie alle sconcertanti tabelle dei bottini e alla ridicola scalatura del gioco, puoi trovarti di fronte a una missione urgente e venire completamente massacrato dai mostri… anche se il valore della tua armatura è 310, anziché il 318 raccomandato. Quindi, per poterla migliorare, devi andare a caccia. Bene, dopotutto è questo il gioco. Ma dopo una settimana di passeggiate dedicate ad Anjanath e a Rathian, sono riuscito a “sovraccaricare” la mia armatura solo di una frazione del necessario. E, per i dubbiosi, spendere soldi per questo non renderebbe nemmeno più facile il grinding.

In Monster Hunter Now puoi spendere cinque cose: pozioni (che curano metà della tua salute), paintball (che permettono di cacciare mostri selvatici ovunque per 48 ore), Wander Orbs (raddoppiano l’area con cui puoi interagire in natura), Zenny (valuta necessaria per potenziare gli oggetti), Carving Knife (usato per raddoppiare le ricompense della caccia).

Di questi, l’unica cosa che influisce davvero sull’efficienza della progressione sono i Coltelli da intaglio. Se, ad esempio, stai cercando di ottenere le suddette code e ti capita di ottenerne tre da una caccia – sei fortunato – puoi usare uno di questi coltelli per portarle a sei. Al momento, queste risorse sono sufficienti per metà di un livello di un’arma. A circa 3,50€ l’una. No, grazie. Questo è l’unico elemento a pagamento di Monster Hunter Now e, anche se fa schifo, non è l’ostacolo più grande che la maggior parte dei giocatori deve affrontare.


A selection of Monsters that will come in the launch version of Monster Hunter Now, presented in a grid.
Tutti questi mostri, così pochi pezzi da raccogliere. | Immagine: NIANTIC

Il problema è che per ottenere ricompense di caccia decenti da mostri difficili sono necessarie due cose: un gioco quasi perfetto e una fortuna apparentemente perfetta. Non farsi schiacciare da un Diablos in un colpo solo e ottenere solo ricompense di basso livello per il proprio impegno… questo non rientra nella fantasia di potere che la serie principale è così brava a mettere in atto. In Rise, per esempio, arrivare alla vittoria contro un Rathalos e poi ottenere un “Rubino Rathalos” una volta ogni 20 cacce diventa noioso… ma almeno ci sono altre cose che puoi fare per progredire. In Monster Hunter Now, c’è un muro imponente di mostri a cinque stelle che ho visto rimbalzare come una lama spuntata su una pelle spessa. Perché non c’è alcun incentivo; non c’è alcun incoraggiamento a progredire e a morire, ancora e ancora, perché sei troppo poco potente per fare qualcosa.

Il Reddit di Monster Hunter è pieno di lamentele come questa (e un post in particolare mi ha ispirato a scrivere questo). In un certo senso, credo che sia una cosa positiva: un gioco per cellulari che non è stato progettato esclusivamente per spillarti soldi? Immagina! Ma il rovescio della medaglia è che molti giocatori si spingono a definirlo “ingiocabile” a causa dell’aggressività del sistema di controllo e dell’esiguità dei drop rate.

Mi piace Monster Hunter Now e voglio continuare a giocare. E spendere! Sono il tipo di giocatore che mette da parte circa 15€ al mese per qualsiasi gioco freemium stia giocando in quel momento, e spero davvero che Niantic abbia i mezzi per risolvere questi problemi prima che, inevitabilmente, mi allontani e spenda i miei soldi altrove a ottobre.


Se vuoi un aiuto per accelerare i tuoi progressi in Monster Hunter Now, puoi consultare la nostra pagina dei codici per Monster Hunter Now. Non si sa mai, potrebbe essere utile.

Leggi di più su www.vg247.com

Potrebbero interessarti