Cerca
Close this search box.

La recensione di Alan Wake 2: un nuovo classico dell’horror

Tempo di lettura: 6 minuti

Devo ammettere che ho avuto dei problemi con l’Alan Wake originale. La narrazione e l’atmosfera erano forti, ma la linearità e la ripetitività dell’azione mi hanno reso cauto quando Remedy ha annunciato un sequel. Nella nostra recensione di Alan Wake 2, non posso dire che le ossa dell’originale non siano presenti, ma ciò che ottieni in questo ambizioso sequel è un’esperienza ampliata, migliorata, selvaggiamente reimmaginata e, in definitiva, uno dei migliori giochi dell’anno.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Alan Wake 2 riprende 13 anni dopo l’originale, che lasciava il povero Alan intrappolato nel Luogo Oscuro. La storia si evolve, tuttavia, a partire da un’agente dell’FBI di nome Saga Anderson, mentre lei e il suo partner Alex Casey, che misteriosamente condivide il nome di uno dei personaggi immaginari di Alan, indagano su una serie di omicidi di culto che hanno scosso l’altrimenti idilliaca cittadina di Bright Falls. Quello che segue è una narrazione tortuosa e contorta che porta le premesse dell’originale a nuovi livelli.

Alan Wake 2 review 2

Strutturalmente, Alan Wake 2 è diviso in due. Inizi il gioco nei panni di Saga che esplora Bright Falls e le aree circostanti prima di passare ad Alan. Alla fine otterrai la possibilità di saltare avanti e indietro tra i due, in quanto hanno le loro storie separate che dovrai portare a termine. Nella realtà giocherai per lo più nei panni di Saga, mentre il tempo di Alan lo trascorrerai nel Luogo Oscuro. In ogni caso, le aree sono ampie e persistenti e puoi rivisitarle per cercare oggetti da collezione o enigmi che potrebbero esserti sfuggiti durante il viaggio iniziale.

Nei panni di Saga, puoi esplorare diverse aree autonome di Bright Falls, raccogliendo pagine di manoscritti strappati. Dopo averne raccolte un numero sufficiente, puoi spendere per potenziare il tuo arsenale, che include un fucile a pompa, una balestra e un fucile. Ci sono anche dei puzzle di filastrocche da trovare che ti ricompensano con dei ciondoli che, una volta equipaggiati, ti garantiscono vari potenziamenti. Queste mappe sono di natura più rurale e ricordano le ambientazioni del primo gioco.

Alan Wake 2 review 3

Le sezioni di Alan, invece, si concentrano su un’unica area interconnessa: La versione da incubo di New York City di The Dark Place, che si sviluppa tra strade lugubri e interni infestati. Con la tua torcia elettrica potrai individuare delle frecce gialle che ti condurranno alle Parole del Potere, potenziamenti permanenti che migliorano la tua sopravvivenza e le tue capacità di combattimento. Indipendentemente dal personaggio che stai interpretando, il design dei livelli di Alan Wake 2 è uniformemente eccellente, con innumerevoli luoghi unici e memorabili che chiedono di essere esplorati con attenzione.

Il combattimento di Alan Wake 2 è in apparenza molto simile a quello del primo gioco, anche se si avvicina molto di più al regno del survival horror. Anche i nemici più deboli possono essere molto pericolosi, poiché a difficoltà normale provocano una discreta quantità di danni e si teletrasportano in velocità. A differenza del primo gioco, qui c’è una discreta varietà di nemici e gli incontri sono tesi e snervanti. I “Taken”, come vengono chiamati, hanno un aspetto molto diverso nella realtà rispetto a quello che hanno in The Dark Place. I primi sanguinano in modo grottesco, con i proiettili che strappano la carne dalle ossa, mentre le varianti del secondo hanno una qualità onirica. Con un tocco particolarmente efficace, i Taken di The Dark Place sono figure ombrose che possono mimetizzarsi nell’ambiente, tenendoti sempre all’erta.

Alan Wake 2 review 4

Per la maggior parte, dovrai ancora stordire i Taken con una carica di torcia per renderli vulnerabili, ma alcuni sono dotati di nuclei rossi incandescenti che puoi sparare per infliggere danni extra. C’è una buona varietà di armi, inoltre Saga e Alan hanno ciascuno il proprio arsenale. Ad esempio, Saga ha una pistola, mentre Alan ha un revolver. La cosa più importante è che queste armi sono potenti da sparare, con una buona dose di calcio e alcuni effetti gore che ne esaltano l’impatto. Entrambi i personaggi hanno anche un’abilità di schivata che garantisce l’invincibilità, utile quando sei in difficoltà. In tutti i casi, Alan Wake 2 è semplicemente fantastico da giocare, ma la differenza principale rispetto al suo predecessore è che il combattimento non è il fulcro del gioco. Al contrario, condivide la scena con le meccaniche dei giochi d’avventura.

Saga deve trovare oggetti, interrogare persone e poi entrare nel suo Posto della Mente per mettere indizi su una lavagna e dedurre le motivazioni di un soggetto, il tutto per capire quale sarà la sua prossima mossa. Anche la deduzione degli indizi sulla lavagna è molto più intrigante di quanto avessi previsto. Dal momento che Alan è uno scrittore, cerca di trovare degli echi nei luoghi per trarne ispirazione, che poi utilizza per modificare i dettagli di una determinata area. Per esempio, aprirà diverse strade impostando la hall di un hotel come la scena di un’infestazione o di un violento omicidio.

Tra le diverse mappe, i collezionabili e gli stili di gioco presenti in Saga e Alan, è stato fatto un ottimo lavoro per far sentire entrambi i personaggi distinti l’uno dall’altro. C’è una differenza così marcata nella presentazione e negli stili di gioco tra i due, sia che si ascolti il monologo di Saga mentre riflette nel suo Luogo della Mente, sia che si guardi un filmato in diretta nei panni di Alan.

Alan Wake 2 review 5

Questa giustapposizione era già presente in Control e nell’Alan Wake originale, ma il sequel si spinge oltre, disseminando clip in live-action con grande effetto. Anche questi filmati sono ben girati e diretti. Non voglio rovinare nulla, ma molti di questi filmati portano ad alcune delle sequenze più bizzarre e uniche che abbia mai visto in un videogioco. La grafica è incontaminata, con ambienti atmosferici e lussureggianti colorati di rosso dal sole al tramonto o inondati di neon dalle luci della città. Nel complesso, la presentazione di Alan Wake 2 è spesso mozzafiato.

Gli attori fanno un ottimo lavoro con le innumerevoli battute di dialogo del gioco e il design del suono è impressionante su tutta la linea. Vale la pena ricordare che questo è l’unico gioco che abbia mai visto con un filtro per l’iperacusia, che serve a tenere lontani i suoni da determinate gamme di frequenza per proteggere i giocatori con sensibilità uditive. Avendo una sensibilità di questo tipo, non so dirti quanto l’abbia apprezzato.

Alan Wake 2 è un gioco davvero ambizioso e vasto, con molti più segreti e sorprese dietro le quinte di quanto si possa immaginare. La tua avventura può facilmente durare una dozzina di ore o più se hai voglia di esplorare tutti gli angoli e le fessure e, sebbene il completamento al 100% comporti la necessità di setacciare le mappe alla ricerca di oggetti da collezione, l’enfasi del gioco sulle zone dettagliate, al di sopra di qualsiasi design open-world, lo aiuta a evitare la banalità della lista di controllo. Al momento non è prevista una modalità New Game Plus, ma ci si aspetta che arrivi in un secondo momento.

Alan Wake 2 review 7

Sebbene Alan Wake 2 si avvicini in modo allettante alla perfezione dei giochi horror, ci sono alcuni problemi che potrebbero essere risolti con il tempo, tra cui un mix di bug minori e più gravi. A volte mi capitava di aprire dei contenitori per trovare dei rifornimenti, ma questi si spostavano in una posizione che non mi permetteva di raccoglierli. Anche una battaglia contro un boss è stata in qualche modo rovinata dalla rottura di un trigger di avanzamento, che mi ha costretto a combattere di nuovo. In altri momenti, poi, mi sono bloccato sul posto dopo aver lasciato il Luogo della Mente.

Aggiungo anche che, a volte, può essere un po’ più difficile di quanto vorrei capire quale sia il passo successivo per progredire. E sì, i requisiti di sistema di Alan Wake 2 sono molto esigenti. Con una 3090 e una 5700x, il gioco a ultra (senza ray-tracing) mi lasciava spesso il framerate a 40. Per la prima volta con questo sistema, ho dovuto attivare l’upscaling, che mi ha permesso di raggiungere i 60 fps.

La buona notizia è che nulla di tutto ciò è in grado di far deragliare Alan Wake 2. Il gioco non è solo fantasioso, ma anche divertente. Il gioco è ambizioso e progettato in modo impeccabile, ma è anche incredibilmente costante nella sua qualità, come pochi giochi riescono a fare. Con un gameplay eccezionale, una creatività che non manca mai e una storia oscura e tortuosa, questo gioco è semplicemente un’esperienza da non perdere, sia che tu sia appassionato di horror, di azione o di avventura. Remedy ha assolutamente superato se stessa con Alan Wake 2, realizzando un gioco davvero notevole.

Recensione in breve di Alan Wake 2

Alan Wake 2 è una meraviglia, che offre un gameplay intenso, una storia tortuosa e oscura e molti più segreti e sorprese di quanto tu possa immaginare. Remedy ha superato se stessa, offrendo un’esperienza davvero notevole.

Leggi di più su www.pcgamesn.com

Potrebbero interessarti