Cerca
Close this search box.
NieR creator Yoko Taro in his trademark Emil mask from the games

Il produttore della serie NieR dice che sta facendo qualcosa con i creativi chiave: ‘Potrebbe essere NieR, potrebbe non essere NieR’

Tempo di lettura: 2 minuti
NieR creator Yoko Taro in his trademark Emil mask from the games

L’ultimo numero della celebre rivista giapponese Famitsu contiene un’intervista con Yosuke Saito, dirigente di Square Enix e produttore della serie NieR(grazie a Gematsu), in cui rivela che stanno rimettendo insieme il gruppo. Forse. Forse. Forse non avrebbe dovuto dire nulla.

L’elemento più interessante della notizia per i fan di NieR è la citazione dei nomi, con Saito che fa riferimento al direttore della serie Yoko Taro e al compositore Keiichi Okabe. Quella che segue è una traduzione automatica di Saito che parla di questo progetto futuro:

“È da un po’ di tempo che parlo di voler fare qualcosa con Yoko-san e Okabe-san. Avrò qualcosa di più completo da dire in un futuro non troppo lontano, quindi rimanete sintonizzati. Potrebbe essere NieR, potrebbe non essere NieR [ride]. Questo è tutto ciò che posso dire per ora”

Raramente un “[ride]” ha fatto un lavoro così pesante. Saito ha poi fatto riferimento a un altro progetto di Square Enix a cui sta attualmente lavorando, iniziato “con il desiderio di creare qualcosa che non esiste ancora nel mondo” e che “si è rivelato piuttosto interessante. Non vedo l’ora di poterlo presentare”

Nel corso del tempo la serie NieR si è guadagnata un enorme seguito e recentemente è stato annunciato che NieR: Automata, sviluppato da Platinum, ha venduto otto milioni di copie dall’uscita. il 2021 ha portato una rimasterizzazione di NieR Replicant, ma l’attesa per un nuovo capitolo principale è cresciuta, cosa di cui la creatrice della serie Yoko Taro è fin troppo consapevole ed è ben felice di giocare. In occasione di uno spettacolo orchestrale a Londra con musiche di NieR, Taro ha detto alla folla di acclamare il presidente di Square Enix sugli spalti e di fargli sentire la voglia di un sequel di Automata.

Ci sono stati altri tentativi nel corso del tempo, anche se almeno un progetto non è andato in porto. Alla fine dell’anno scorso Tencent ha cancellato un titolo mobile di NieR che era in lavorazione da anni, a quanto pare per preoccupazioni legate alla monetizzazione e alle licenze con Square Enix.

Una cosa è certa: La gente ama NieR e Square Enix ha bisogno di un successo. Le dichiarazioni di Taro possono a volte sfiorare il criptico, ma la cosa principale è che sembra attratto dal parlare dei possibili futuri di NieR in un modo che ti fa pensare che ci sia speranza per il successore spirituale di Automata che tutti vorremmo vedere. Ha anche una strategia vincente per lo sviluppo a grande budget: “All’inizio ascolto ciò che l’editore vuole da me, ma poi non lo faccio”

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti