Cerca
Close this search box.

I dettagli del sito di Tomb Raider mostrano che lo sviluppatore sta unificando le timeline del classic e del reboot

Tempo di lettura: 3 minuti

[Il sito ufficiale di Tomb Raider ci ha dato un piccolo indizio su come intende unificare le linee temporali tra la trilogia originale Core e la recente trilogia Survivor.

Nel 2021, Crystal Dynamics ha confermato che i futuri giochi del franchise uniranno le due serie di timeline di Tomb Raider. Da allora, abbiamo visto Lara Croft apparire in Call of Duty con un design che mescolava il look della “Lara classica” di un tempo, tra cui la doppia pistola, la canottiera e la treccia, con elementi dei giochi reboot più recenti. Un’immagine successiva, condivisa sul sito web di Tomb Raider all’inizio del mese, ci ha permesso di dare un’altra occhiata a una Lara unificata (vedi immagine di testa in alto).

Tuttavia, mentre abbiamo un’idea abbastanza precisa di come apparirà Lara nel gioco Tomb Raider di Crystal Dynamics, di prossima uscita ma ancora sotto copertura, il modo in cui la storia delle due trilogie sarebbe stata unificata era ancora un po’ un mistero. Ora, però, una riga di testo sul sito web di Tomb Raider ci ha dato la prima idea di come le due linee temporali si collegheranno.

Prima di entrare nel merito, ti darò una rapida rinfrescata su alcuni aspetti di entrambe le trilogie, quindi ti invito a prestare attenzione agli spoiler su alcuni giochi di Tomb Raider.

Gestisci le impostazioni dei cookie

Recensione di Tomb Raider 1-3 Remastered con Ian e Aoife.Guarda su YouTube

Il primo Tomb Raider inizia con un’esplosione atomica a Los Alamos, nel Nuovo Messico. Una strana figura viene vista nel cratere risultante, ma non viene detto nulla su chi o cosa sia. Il gioco fa un salto in avanti nel tempo e vede Lara assunta da un’enigmatica donna d’affari di nome Jacqueline Natla. Il suo compito è quello di ottenere lo Scion di Atlantide, un antico e misterioso artefatto. Lara parte così per un’avventura itinerante che culmina in una piramide atlantidea piena di mostri su un’isola vulcanica.

Si scopre che Jacqueline Natla è in realtà un’antica leader atlantidea che è stata imprigionata dopo aver usato lo Scion per creare una razza “superiore” di bestie mutanti. Lara, ovviamente, ha la meglio su Natla e la storia si conclude con la caduta di Natla in una fossa piena di lava. Lara scappa dall’isola sullo yacht di Natla.

Natla and Lara in Tomb Raider
Natla si avvicina a Lara in Tomb Raider (1996). | Crediti immagine: Core

Nella trilogia reboot di Tomb Raider, invece, Lara si scontra costantemente con un ordine militare religioso noto come Trinità. Questo gruppo di fanatici cerca di controllare il destino dell’umanità attraverso antichi manufatti, come la Fonte Divina di Rise of the Tomb Raider e il Pugnale di Chak Chel di Shadow of the Tomb Raider.

Ed è qui che entra in gioco l’elemento unificante. Secondo un nuovo post sul sito web di Tomb Raider, è stata proprio Trinity a liberare Natla dalla sua prigionia. Non è chiaro se si sia trattato di un incidente o se ci fossero intenzioni nefaste.

“Nel 1945, durante il devastante Progetto Trinity a Los Alamos, nel Nuovo Messico, la nascita esplosiva della bomba atomica liberò Natla dal suo sonno eterno. Una volta ottenuta la libertà, adottò il nome di Jacqueline Natla e fondò la Natla Technologies per portare a termine ciò che aveva iniziato secoli prima”, si legge nel post.

Si tratta di una piccola frase, ma di una bella inclusione per il futuro della serie.

Konstantin - a Trinity Field Commander - in Rise of the Tomb Raider
Konstantin – un comandante di campo della Trinità – in Rise of the Tomb Raider. | Immagine: Crystal Dynamics

Per quanto riguarda i giochi a cui puoi giocare ora, Tomb Raider 1-3 Remastered è arrivato proprio la scorsa settimana. Abbiamo assegnato a questa versione quattro stelle, riconoscendo alcune delle sue qualità datate.

“Amo ancora questa collezione, perché è realizzata con cura e aggiornata con amore, ma è anche goffa, difficile, frustrante e incline a lasciarmi bloccato. È una raccolta che capisce che Tomb Raider era un gioco assolutamente incentrato sui controlli, e dovrebbe esserlo ancora, anche se non sa bene come farlo”, ha scritto il nostro Donlan nella recensione di Tomb Raider 1-3 Remastered di Eurogamer.

Oltre ai giochi, sono in cantiere anche due serie di Tomb Raider, una su Amazon e una su Netflix. Si dice anche che Amazon stia lavorando a un adattamento cinematografico di Tomb Raider.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti