Cerca
Close this search box.

A due anni dall’uscita, Miyazaki afferma che il mondo di Elden Ring ha ancora “un piccolo elemento che ritengo non sia stato ancora scoperto”

Tempo di lettura: 3 minuti

Questa settimana abbiamo avuto il primo sguardo serio a Shadow of the Erdtree, la grande espansione dell’Elden Ring in uscita a giugno, e sembra proprio che FromSoftware stia spingendo al massimo. Il CEO e direttore del gioco di FromSoftware, Hidetaka Miyazaki, ha rilasciato un’intervista per accompagnare il trailer e, oltre a essere incredibilmente vago su Bloodborne e sul recupero di Dark Souls 2, ha riflettuto sui segreti del fascino di Elden Ring.

Innanzitutto è emerso che Miyazaki preferisce il termine “Souls-ish” a quello di “Soulslike”, anche se sembra improbabile che questo termine rimanga inalterato, e in un’intervista con IGN è entrato nei dettagli dei principi di FromSoft per la costruzione di un mondo aperto senza tutte le mani in pasta tipiche del genere.

“Quello che voglio sottolineare è che non siamo partiti con l’obiettivo di realizzare un gioco open world nel senso tradizionale del termine”, afferma Miyazaki. “Non abbiamo deciso di creare un gioco difficile. Abbiamo deciso di creare un gioco impegnativo. E per raggiungere questo obiettivo, abbiamo bisogno di minacce e pericoli e di incognite”

Le incognite sono state a lungo uno dei veri punti di forza della serie Souls, con numerosi segreti e colpi di scena nascosti in questi mondi enormi: ricordo ancora quanto rimasi sbalordito nello scoprire Ash Lake in Dark Souls. Si tratta di creare un senso di scoperta per il giocatore, la meravigliosa illusione di aver trovato qualcosa che non si pensava di trovare, che secondo le parole di Miyazaki “si sente come se fosse lì per essere scoperto”

La filosofia del regista è semplice: “La nostra idea principale è quella di fidarci dei giocatori”, dice Miyazaki. “Confidiamo che superino queste sfide e che facciano queste scoperte. E credo che dare loro fiducia crei un paesaggio sano in cui giocare e avventurarsi”

Miyazaki parla poi di Dark Souls 2 e del suo ruolo di supervisore in quel progetto, che “forse non è adatto” al suo talento, e dice che è “molto probabile” che i futuri giochi simili ai Souls saranno diretti da altri membri dello staff di FromSoft senza che Miyazaki sia troppo coinvolto. “Mi piacerebbe abbandonare il ruolo di supervisore e lasciare a loro la piena direzione e il pieno controllo di questi progetti”, dice Miyazaki. “Credo che questo sia il modo migliore e più semplice per farli crescere in questo ambiente e con questi nuovi progetti”

Miyazaki elogia il “grande staff” dello studio e attribuisce la produttività di FromSoft alla “capacità di comprendere rapidamente ciò che vogliamo realizzare”, “di iterare [e] di lasciare le cose sul tavolo da gioco” Dopotutto, Elden Ring è un gioco gargantuesco, ma un anno dopo FromSoft ha lanciato Armored Core 6 per far rivivere la sua serie di mech inattiva, un gioco che è stato ben accolto e che Miyazaki considera “un successo nel senso che ha dimostrato che c’è ancora posto per Armored Core, almeno per noi”

Forse la cosa più intrigante è la nota con cui Miyazaki conclude. IGN si chiede se Elden Ring, così com’è, abbia ancora qualcosa da scoprire per i giocatori. Il creatore non dà mai risposte del tutto dirette a questo tipo di domande, cosa di cui sono un grande fan, e Elden Ring non sarebbe l’unico nell’opera di FromSoft a custodire segreti da tempo scoperti insieme a miti infondati dei fan (vedi il regalo iniziale del ciondolo di Dark Souls).

“Per me personalmente, c’è un piccolo elemento che ritengo non sia ancora stato scoperto”, afferma Miyazaki. “Quindi, che si tratti di un’interpretazione da parte dell’utente o di un’ulteriore indagine e gioco, è qualcosa che non vedo l’ora di scoprire. Penso che sia una questione di quando e non di se, ma potrebbe esserci qualcosa di piccolo che ancora manca”

Bene, investigatori dell’Anello di Elden: secondo i miei calcoli, avete circa quattro mesi per risolvere questo problema prima che Shadow of the Erdtree ci lasci cadere addosso molte altre “incognite”. Le aspettative per l’espansione sono giustamente alte e FromSoftware ha dichiarato che si tratta della“più grande espansione finora realizzata” per uno qualsiasi dei suoi giochi e ha fissato un prezzo di ben 40 dollari (il che, stranamente, ispira fiducia). Fino a giugno, quindi, potremo arrovellarci sui misteri del trailer e chiederci quale piccola cosa ci manca ancora nelle Terre di Mezzo.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti