Cerca
Close this search box.
Under Cover Review - Fantastic arcade shooter, or does it miss the mark?

Recensione di Under Cover – Fantastico sparatutto arcade, o manca il bersaglio?

Tempo di lettura: 5 minuti
Under Cover Review - Fantastic arcade shooter, or does it miss the mark?

La storia di Under Cover è quella che ci si aspetta da uno sparatutto con armi leggere. Vesti i panni di uno dei due poliziotti sotto copertura chiamati Red Eye e Magnum. La tua missione è quella di sconfiggere Pax Harrison, l’amministratore delegato di una mega corporazione chiamata Infinidyne. Sta cercando di utilizzare la tecnologia di controllo mentale per trasformare tutti in burattini di carne senza cervello.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

com.sigtrapgames.undercover 20240210 075709

Una volta scelto di giocare nei panni di Red Eye o Magnum, il gioco ti porta in un edificio di uffici e devi eliminare gli scagnozzi di Pax Harrisons. Come in altri sparatutto arcade con armi leggere, i nemici usciranno da aree designate intorno allo stage e dovrai eliminarli prima che facciano fuori te e il tuo compagno; spunteranno da una colonna o da un oggetto simile, oppure entreranno da una porta. I nemici si muovono in modo molto più naturale rispetto ai tipici sparatutto di questo genere.

Distruggere oggetti come i barili può aiutarti a eliminare rapidamente i nemici, mentre distruggere altri oggetti può rivelare armi, potenziamenti e salute. I potenziamenti di solito sono una specie di scudo che ti permette di subire danni senza perdere la salute o uno che rende temporaneamente più forte la tua arma. Le armi presenti nel gioco sono di una buona varietà: offrono la mitragliatrice standard, la pistola e persino un lanciarazzi.

Tutte queste armi sono soddisfacenti da usare e danno l’impressione di essere davvero potenti mentre fai fuori le orde di nemici che ti vengono incontro. Impugnare le armi con i controller touch è naturale e il modo in cui il gioco gestisce la ricarica è un aspetto piacevole. Il modo in cui questo avviene è quello di utilizzare l’espediente del gioco, ovvero il fatto di trovarsi sotto copertura.

Quando vai sotto copertura, le tue armi si ricaricano automaticamente, puoi recuperare parte della salute e non puoi subire danni. Questo rende la ricarica un gioco da ragazzi, a differenza di altri sparatutto VR a cui ho giocato di recente. Inoltre, aiuta ad alleviare la frustrazione che può derivare da giochi come questo, che a volte possono sembrare opprimenti a causa della difficoltà e del numero di nemici che il gioco ti propone.

Undercover Screenshots 02

Un altro aspetto del gioco su cui volevo soffermarmi è il modo in cui il gioco gestisce il movimento del personaggio. Utilizza una meccanica di teletrasporto che molti giochi VR utilizzano e che a me non piace affatto. Utilizzi la levetta analogica del controller touch per puntare il punto in cui vuoi che il tuo personaggio si muova e il gioco ti sposta lì e poi ti teletrasporta in quella posizione. Con questo intendo dire che il tuo personaggio inizierà a muoversi verso la posizione desiderata e poi, una volta raggiunto, lo schermo svanirà per un secondo e poi tornerà indietro. In questo modo si ha la sensazione di teletrasportarsi, come ho detto, come fanno molti altri giochi VR.

Avrei preferito che il gioco scegliesse di usare il teletrasporto o che spostasse automaticamente il tuo personaggio in quel punto e la facesse finita, invece di incorporare entrambe le cose. Il motivo per cui il gioco fa così sembra essere quello di non dover caricare la scena e far entrare i nemici. D’altra parte, una volta raggiunto il punto designato, il gioco sembra mettere in pausa e caricare comunque la scena dicendoti di prepararti.

L’ultima cosa che voglio sottolineare riguardo al gameplay è l’IA del gioco. L’intelligenza artificiale dei nemici è piuttosto buona. I nemici si nascondono e si coprono, cercano di coordinare gli attacchi e comunicano tra loro in modo sorprendente. Sembra che gli sviluppatori abbiano puntato tutto sui nemici per quanto riguarda l’IA, perché l’IA del tuo compagno è molto carente.

In un gioco arcade con armi leggere, ti aspetteresti di volare da solo o che il tuo partner sia in grado di eliminare almeno un paio di nemici. Invece, in Under Cover, il tuo partner ha una mira orribile e non riesce a fare molto. Occasionalmente potrà colpire un nemico o due, ma principalmente sparerà agli oggetti e all’ambiente nel suo complesso. In questo modo dovrai sbarazzarti di tutti i nemici da solo e ti chiederai perché mai hai un compagno.

com.sigtrapgames.undercover 20240210 075452

Under Cover è piuttosto impressionante dal punto di vista grafico. Gli stage in cui si gioca sono tutti in 3D e si vedono molto bene in VR. Anche i nemici sono tutti in 3D e si vedono bene mentre corrono nell’ambiente. Ogni livello ha un paio di piani che sembrano piuttosto grandi perché devi spostarti un paio di volte all’interno dello stage prima di passare a quello successivo.

Un gioco come Lethal Enforcers ti offre uno stage e dei nemici da uccidere, li uccidi tutti, lo stage finisce e tu vai avanti. Mentre con Revolution X e Area 51, elimini i nemici in una fase, la telecamera ti fa passare all’area successiva e tu elimini i nemici nell’area successiva e vai avanti. Questo gioco ha guardato a quei giochi e ha detto: “Aspetta la mia birra” e ha fatto un ulteriore passo avanti. Questo senso di profondità e immersione non me lo aspettavo affatto e mi ha completamente spiazzato per il modo in cui è stato presentato.

Il gioco si comporta abbastanza bene per un gioco del genere. I tempi di caricamento sono quelli che ci si aspetterebbe da uno sparatutto arcade con armi leggere su Quest 2, con tempi di caricamento medi di un paio di minuti al massimo. L’unico difetto del gioco in termini di prestazioni è il modo in cui gestisce il meccanismo di movimento dei personaggi. Mascherare il caricamento di uno stage con il movimento del personaggio e della telecamera spezza davvero il flusso del gioco e sembra superfluo.

com.sigtrapgames.undercover 20240210 075205

La musica di Under Cover è un mix di rock e techno che si sposa bene con l’azione. Non c’è niente di meglio di un bel ritmo da accompagnare per falciare i nemici. Tuttavia, devi fare attenzione a non farti prendere troppo dalla musica. Se ti muovi troppo, potresti ritrovarti con le cuffie che ti lasciano la testa/il viso e che ti riportano improvvisamente e violentemente alla realtà. Gli spari nel gioco hanno un buon suono, sia quelli dell’arma che quelli che colpiscono i nemici e gli oggetti nell’ambiente. Il suono è naturale e allo stesso tempo arcade. In altre parole, sparare con le pistole non sembra troppo realistico, ma il modo in cui la fisica dei proiettili li fa colpire sembra autentico. Le battute dei nemici e dei personaggi suonano davvero bene e contribuiscono a dare al gioco un tocco di umorismo da film d’azione sopra le righe.

Undercover Screenshots 04

In conclusione, il gioco gestisce molto male l’IA, il movimento del personaggio e il caricamento delle risorse una volta che sei entrato nello stage. Questi problemi sono sufficienti per farti evitare questo gioco? A mio parere personale, il gioco è fantastico. È un gioco d’azione arcade con armi leggere che amplia il genere in cui si colloca e lo fa in modo unico e fantastico.

Nel complesso, credo che Under Cover sia un gioco da non perdere se sei un fan dei giochi con armi leggere e vuoi vivere un’esperienza arcade in VR.

Leggi di più su theotakuauthority.com

Potrebbero interessarti