Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Lightyear Frontier Review

Recensione di Lightyear Frontier

Tempo di lettura: 4 minuti
Lightyear Frontier Review

La Terra non va più bene, quindi è ora di andare avanti. Intraprendendo un’avventura intergalattica, ti schianti su un pianeta sconosciuto e inizi a coltivare la tua fattoria. Equipaggiato solo con il tuo ingegno e il tuo Mech, il mondo è tutto da esplorare. Sei per lo più solo, a parte PIP-3R e la manciata di viaggiatori che si fermano di tanto in tanto. Ci sono anche delle rovine sparse per il pianeta, lasciate da un’antica civiltà apparentemente scomparsa.

È una vita tranquilla, piena di vibrazioni calme e accoglienti. Non ci sono nemici da combattere, ma ci sono comunque molte sfide, come le erbacce nocive e la melma che invadono la tua fattoria al mattino. La prateria è la prima area che esplorerai e sarà probabilmente il luogo in cui installerai la tua fattoria. Altre aree della mappa sono inquinate da melma nociva ed erbacce, che danneggiano l’ambiente e ne impediscono la prosperità.

Il tuo obiettivo principale è rimuovere questi inquinanti e riportare il pianeta al suo antico splendore. Ho preso la mia mietitrice a vuoto e il mio tubo per l’irrigazione e mi sono messo al lavoro, aspirando le erbacce e lavando via la melma per trovare nuove creature e coltivazioni. Non è molto, ma è un lavoro onesto. A differenza di altri simulatori di agricoltura, non ci sono penalizzazioni per chi resta sveglio tutta la notte o per chi è appesantito: puoi esplorare quanto vuoi e raccogliere tutto ciò che ti capita a tiro. L’unica conseguenza del trasporto eccessivo è l’impossibilità di saltare o di sprintare, ma con gli strumenti giusti puoi ritagliarti un percorso per tornare alla tua Fattoria. È un ostacolo meno grave di quanto sembri e ti abituerai presto a prendere la strada panoramica per tornare a casa (o a creare dei depositi vicino alle risorse per poter tornare a prenderle in seguito).

Ho amato ogni minuto di questa pacifica simulazione agricola. Il mistero dell’antica civiltà che ha preso e lasciato mi ha spinto a potenziare il mio Mech per pulire meglio le erbacce nocive e la melma. I saluti e i commenti quotidiani di Piper erano l’unica socializzazione di cui avevo bisogno. Ho vissuto il mio sogno introverso di agricoltore, completamente solo su un pianeta tutto mio.

Lightyear Frontier Farmech with Swiftplumes in the Meadows

Naturalmente ci sono altre forme di vita in giro. Oltre alla flora, la fauna è adorabile. I Ratscallion saltellano per tutto il paesaggio e gli Swiftplume stanno sull’attenti. Altri, come gli Znork, spuntano dai buchi e si azzuffano tra loro di notte. Una mercante di nome Lola si presenta ogni giorno per salutare e vendere i suoi prodotti, ma non si fa attendere troppo. Il mondo è sempre colorato e pieno di vita e ci sono molte scoperte da fare.

Anche se trascorro la maggior parte del tempo a bordo del Mech, ci sono grotte e aree nascoste in cui il Mech non può entrare. All’interno di queste grotte si trovano nidi e risorse di Ratscallion o manufatti mancanti che Piper può mettere insieme per ottenere maggiori informazioni sulla precedente civiltà che viveva sul pianeta. Le rovine delle loro vite sono ovunque e offrono una visione unica di come poteva essere la vita prima.

Nella mia ansia di esplorare, ho scalato un dirupo saltando lungo i lati. Un passo falso mi ha fatto precipitare giù con umiliazione. Per quanto fosse tragico, non riuscivo a smettere di ridere. La posta in gioco è bassa e, mentre mi trascinavo ancora una volta fuori dal Mech per capovolgerlo, mi sono ricordato che c’era un modo migliore per arrivare dove volevo, se solo avessi cercato meglio.

Lightyear Frontier Farmech by Merchant Dock

Questo offre una piacevole pausa dalla routine standard di svegliarsi, coltivare, esplorare e dormire ogni giorno. Se un pomeriggio mi metto a raccogliere rame, potrei imbattermi in rovine e passarci tutto il giorno. Non c’è fretta e tutto è al tuo ritmo.

Ciò che dà vita a questo gioco accogliente sono le decorazioni, note anche come costrutti. Scoprirai da solo i progetti di queste costruzioni man mano che trovi nuove risorse e potrai anche acquistarne di nuove da Lola. Più decorazioni vengono aggiunte alla tua Fattoria, più alto è il tuo livello di benessere. Questo non solo ti aiuta a sentirti più a casa nella frontiera, ma ti offre anche dei vantaggi unici, come ad esempio un maggior numero di risorse da trovare.

Lightyear Frontier Farmech watching the sunset

La parte che preferisco di Lightyear Frontier è il richiamo alla consapevolezza. A differenza di altri giochi di simulazione agricola e di accoglienza, le risorse non ricompaiono magicamente nei due giorni successivi. Se abbatti un albero, non c’è più. Sta a te piantarne uno nuovo e aiutarlo a crescere. Se non stai attento, finirai per non avere abbastanza risorse per continuare a sviluppare la tua fattoria e i tuoi strumenti, ma fortunatamente potrai sempre comprare i germogli degli alberi da Lola se la situazione dovesse peggiorare.

C’è un po’ di fatica per ottenere i materiali necessari, ma non sembra. Puoi esplorare liberamente tutte le aree fin da subito, anche se l’accesso alle risorse comporta il ripristino del territorio e la risoluzione del mistero dell’antica civiltà. È un ottimo modo per rilassarsi alla fine di una giornata stressante e, grazie alla funzione multigiocatore, puoi coinvolgere anche gli amici nel viaggio.

Lightyear Frontier porta l’accogliente simulazione agricola a un livello superiore, perché si svolge nello spazio. Non è il tipo di pianeta lontano che viene normalmente rappresentato nei videogiochi, questo è pacifico e ti permette di costruire una casa e di creare un mech da solo o con gli amici.

Pro

Il Mech aggiunge un nuovo livello di controllo e ti permette di andare in giro senza. Libertà di costruire dove vuoi, quando vuoi.

Contro

I contenitori di stoccaggio sono incredibilmente piccoli. Non ci sono punti di viaggio rapido, quindi passerai molto tempo a tornare indietro.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti