Cerca
Close this search box.

Prestazioni e impostazioni migliori per Skull and Bones su PC

Tempo di lettura: 7 minuti
Poiché in qualche modo è il mio lavoro preoccuparmi della fedeltà tecnica dei giocattoli elettronici, ho guardato con un certo nervosismo l'arrivo tanto atteso di Skull and Bones. Dopo quasi un decennio di ritardi, probabilmente vorresti solo farlo uscire dalla porta, giusto? Passa direttamente all'avventura piratesca a mondo aperto, senza quelle sciocchezze da "far funzionare su una serie di schede grafiche".

Ma no. Nonostante tutti i suoi difetti, Skull and Bones si comporta bene su PC, spesso in modo più fluido di quanto suggeriscano i suoi requisiti di sistema. Tuttavia, ti consiglio di rispettare i requisiti di archiviazione su SSD: seguire le regole non sarà molto piratesco, ma l’installazione su un disco rigido ti costringerà a noiose attese nella schermata di caricamento. Geoffrey Rush lo odierebbe, sinceramente.

Mentre Edwin si isola nell’area di partenza, scendiamo sottocoperta per dare un’occhiata più approfondita ai dettagli del PC di Skull and Bones. Questo include una panoramica completa delle opzioni grafiche – che includono il ray tracing e il DLSS – e una guida rapida alle impostazioni migliori per ottenere un rapporto ideale tra bellezza e prestazioni.

First-person piratical sailing in Skull and Bones.
Crediti immagine: Rock Paper Shotgun/Ubisoft

Prestazioni e requisiti di sistema di Skull and Bones per PC

Le specifiche ufficiali di Ubisoft non gridano “quadrupla A” quanto i loro dirigenti. I requisiti del PC sono decisamente mediocri e richiedono una certa potenza di gioco, ma non nella misura di altri open-world recenti, come il compagno di scuderia Avatar: Frontiers of Pandora. Certo, Skull and Bones non è neanche lontanamente sontuoso come Avatar, ma non è neanche un brutto spettacolo.
Specifiche minime di Skull and Bones (1080p / 30fps, preset Basso)

Sistema operativo: Windows 10
CPU: AMD Ryzen 5 1600 / Intel Core i7-4790
RAM: 8GB (modalità dual-channel)
GPU: AMD Radeon RX 5500 XT (8GB) / Nvidia GeForce GTX 1060 (6GB)
Memoria: 65GB (è necessario un SSD)
Versione DirectX: DX12

Requisiti consigliati di Skull and Bones (1080p / 60fps, preset Alto)

OS: Windows 10 / Windows 11
CPU: AMD Ryzen 5 3600 / Intel Core i7-8700K
RAM: 16GB (modalità dual-channel)
GPU: AMD Radeon RX 5700 XT / Nvidia GeForce RTX 2070
Memoria: 65GB (è necessario un SSD)
Versione DirectX: DX12

A rigore, un SSD non è tanto richiesto quanto fortemente suggerito, poiché nulla ti impedisce di installare ed eseguire Skull and Bones da un HDD meccanico. Non si tratta di Starfield, dove la mancanza di velocità dello stato solido rende l’intero gioco ingiocabile: non ci sono megastutter o problemi di audio disincronizzato, per quanto ne so.

Tuttavia, anche se Skull and Bones non si rompe del tutto sui dischi rigidi, può diventare molto più noioso. Oltre ai tempi di lancio notevolmente allungati, la maggior parte delle transizioni di caricamento – anche quelle che si attivano quando parli con un mercante o con un questgiver – mi hanno fatto fissare lo schermo nero per diversi secondi, mentre le stesse transizioni erano quasi istantanee su un SSD. Questo diventa davvero fastidioso quando cerchi di fare affari in un porto affollato, perché ti ritroverai a inciampare in diverse schermate di caricamento in rapida successione (in senso figurato). Se hai o puoi fare spazio su un’unità SSD, fai sul serio e getta l’ancora lì.

Per il resto, Skull and Bones gira… bene? C’è un po’ di calo di framerate in quelle porte hub, rispetto al mare, ma dato che la maggior parte del tuo tempo sarà dedicata a quest’ultimo, non è una cosa terribile. Utilizzando lo strumento di benchmark integrato e il preset Low, ho anche registrato le prestazioni a 1080p della GTX 1060 entry-level da 6 GB a 76 fps, ben oltre i 30 fps suggeriti dalle specifiche minime.

Pirate antics in Skull And Bones.
Crediti immagine: Ubisoft

Basso, come tutte le preimpostazioni, si concede un vantaggio artificiale includendo l’upscaling temporale di default. In questo caso utilizza la modalità Performance, leggermente sfocata, mentre Medium e High utilizzano entrambe Balanced e Very High e Ultra High condividono l’impostazione Quality. Ho già avuto modo di lamentarmi in passato del fatto che i giochi si affidano troppo all’upscaling per mantenere alti i framerate, ma in questo caso è più facile perdonare, perché l’impostazione Qualità TAA sembra davvero un 1080p nativo – e quando ho commutato manualmente la modalità Performance del preset Basso in Qualità, l’umile GTX 1060 ha continuato a produrre 60 fps senza problemi.

Anche le GPU più recenti e più veloci sono in grado di scalare abbastanza bene. La RTX 3070 ha raggiunto una media di 82 fps a 1080p con la preimpostazione Ultra High, scendendo a 70 fps solo a 1440p, mentre la sostituzione dell’upscaling TAA con DLSS in modalità Qualità ha portato la media a 78 fps. Anche la RTX 4060, la scheda più economica di Nvidia per la generazione attuale, è in grado di gestire Ultra High con 70 fps a 1080p e 60 fps a 1440p. Mantenendo la risoluzione più impegnativa, potrebbe raggiungere fino a 125fps a Basso, anche se ciò implica che Skull and Bones abbia un aspetto peggiore di quanto sia necessario. Credo che la maggior parte dei PC moderni se la caverà con un mix di impostazioni medie e alte.

Ci sono solo altre due delusioni. La prima è che mentre il DLSS è utile come sempre e l’upscaler TAA del motore AnvilNext è sorprendentemente eccellente, l’AMD FSR 2 è relativamente debole. È più veloce di TAA, come vedremo nei test della guida alle impostazioni qui sotto, ma appare anche sensibilmente più sgranato, con dettagli più opachi.

Il secondo è che Skull and Bones non vuole giocare con lo Steam Deck. Installare il launcher Ubisoft Connect è abbastanza facile, grazie a Lutris, ma il gioco stesso si blocca invariabilmente dopo pochi secondi dall’avvio. Un vero peccato, visto che proprio di recente Assassin’s Creed Mirage di Ubisoft ha funzionato perfettamente sulla console SteamOS.

The bustling pirate hub of Sainte-Anne in Skull and Bones.
Immagine: Rock Paper Shotgun/Ubisoft

Skull and Bones: guida alle migliori impostazioni

Prendiamo, per esempio, la RTX 4060 come cavia per le prestazioni delle impostazioni. Utilizzando il risultato di 60 fps a 1440p, tramite il preset Ultra High, possiamo abbassare le singole impostazioni di qualità per capire quali vale la pena abbassare e quali invece puoi permetterti di mantenere.

Ti dico subito che l’ideale sarebbe mantenere la qualità dell’upscaling il più alta possibile: a 1440p non è così male, ma la differenza tra qualità e prestazioni a 1080p si nota facilmente e non è bella. Cerchiamo invece di analizzare le altre impostazioni grafiche di Skull and Bones per ottenere un potenziale aumento degli FPS.

Qualità adattiva: Lasciala disattivata. Oltre ai bruschi cali di qualità visiva che si verificano ogni volta che si scende al di sotto del framerate target, ho raggiunto una media leggermente inferiore ai 60fps del preset Ultra High mentre l’obiettivo adattivo era di 60fps, finendo invece con 58fps. Ignora.

Ombre: In questo caso c’è un piccolo aumento di framerate: la RTX 4060 ha raggiunto una media di 62fps con ombre medie e 63fps con ombre basse. Il calo di qualità è notevole, quindi ti consiglio di apportare altre modifiche più proficue prima di ricorrere a queste.

Tipo/modalità di upscaling: Come al solito, Nvidia DLSS è il migliore del gruppo, con la modalità Qualità che fa schizzare le prestazioni medie a 77 fps. Anche la modalità Quality FSR 2 è più veloce della TAA predefinita, con una velocità di 70 fps, ma non è altrettanto nitida nei dettagli. Se la tua GPU non supporta il DLSS, TAA Balanced potrebbe essere un’opzione migliore di FSR: anche questa ha ottenuto 70 fps.

Puoi impostare la modalità su Nativa, se non vuoi alcun tipo di upscaling, ma DLSS e TAA sono in grado di ricreare adeguatamente la risoluzione nativa, quindi tanto vale usarne una. Anche se la modalità nativa TAA è solo leggermente più lenta di Quality, con una media di 56 fps.

Dettagli dell’ambiente: Ecco uno di quelli che puoi abbandonare. Passando da Ultra Alto a Medio, la mia RTX 4060 ha raggiunto i 66 fps, un aumento del 10% da solo e senza alterare la grafica. Esiste anche l’opzione Basso, ma non è più veloce di Medio.

Disordine: Non sembra influire sulle prestazioni in un modo o nell’altro: sia Medio che Basso hanno una media di 60fps. Rimani su Alto.

Acqua: Considerando che si tratta di un gioco che si svolge nell’oceano, ridurre la qualità dell’acqua in Skull and Bones può essere una mossa intelligente. Sia Basso che Medio hanno migliorato le prestazioni da 60fps a 67fps, quindi ovviamente scegli Medio.

Riflessi dello spazio dello schermo: Questa è una di quelle rare occasioni in cui potresti voler lasciare dei fotogrammi in più sul tavolo. Sebbene la disattivazione dell’SSR abbia portato la mia RTX 4060 a 67 fps, a differenza della qualità dell’acqua media, essa comporta un notevole calo della qualità visiva, riempiendo lo schermo con uno strano mare vuoto e piatto. Tieni i riflessi accesi se puoi permettertelo.

Nuvole volumetriche: Queste ultime, invece, possono essere abbassate liberamente. Ho ottenuto solo 3 fps in più passando da Alto a Medio, ma la differenza di qualità è ancora minore.

Occlusione ambientale: Disattivarla non ha avuto alcun effetto sulle prestazioni, con una media di 60fps. Lasciala attiva.

Profondità di campo: Allo stesso modo, la disattivazione di questa funzione ha permesso di raggiungere ancora i 60 fps, per cui è bene tenerla attivata.

Sfocatura del movimento: La disattivazione della sfocatura del movimento comporta un aumento di appena 1 fps. Tuttavia, non serve a molto, quindi puoi anche eliminarlo.

Illuminazione globale a raggiera: È l’unico effetto di ray-tracing di Skull and Bones e rappresenta un’inutile indulgenza. La differenza di qualità tra questo effetto e l’illuminazione “standard” è trascurabile e la sua disattivazione ha portato la RTX 4060 a 68 fps.

Anche con un elenco relativamente breve di opzioni grafiche per PC, ci sono ancora alcune modifiche che possono mettere a dura prova i tuoi framerate. Ecco quali sono le impostazioni migliori per Skull and Bones:

Tipo/modalità di upscaling: Qualità DLSS o TAA Bilanciato
Dettagli ambiente: Medio
Acqua: Medio
Nuvole volumetriche: Medio
Sfocatura di movimento: Off
Illuminazione globale a raggiera: Off
Tutto il resto: equivalente al preset Ultra High

Questo miscuglio ha comunque un aspetto gradevole – decisamente più simile a quello di Alto/Volto Alto che a quello di Medio – ma permette a Skull and Bones di girare molto più velocemente rispetto a quando si utilizzano i precedenti preset così come sono. La RTX 4060, ad esempio, ha raggiunto una media di 109 fps con questi preset (incluso il DLSS), quasi raddoppiando le prestazioni di Ultra High e rendendo più fluide le visite alle città hub, che richiedono un uso intensivo dell’hardware.

Anche gli impianti più vecchi ne trarranno beneficio. Utilizzando queste impostazioni, la GTX 1060 può raggiungere una media di 57 fps a 1080p, che è circa la stessa velocità del preset Basso con TAA su Qualità. Solo che, insomma, è molto più bello.

Leggi di più su www.rockpapershotgun.com

Potrebbero interessarti