Cerca
Close this search box.

Oleg Shpilchevskiy di Owlcat Games ha definito BG3 un “fenomeno,” dicendo che nessuno ha mai investito così tanto denaro in un RPG isometrico

Tempo di lettura: 4 minuti

I RPG sono sempre stati uno dei generi più difficili e rischiosi in termini di produzione. Ecco cosa ha da dire il fondatore e CEO di Owlcat Games, Oleg Shpilchevskiy, sulle sfide poste dall’aumento dei costi, nonché sul successo di Baldur’s Gate 3 e il suo impatto sull’industria.

Shpilchevskiy ha condiviso le sue riflessioni all’inizio di questo mese sul podcast Pilim, Trem (in russo). Ha toccato una varietà di argomenti, dal lavorare con IP con licenza alla crescita di Owlcat Games da circa 30 persone a oltre 500. Ma per questo articolo, concentriamoci sui budget e sul mercato dei RPG. Ecco alcuni spunti.

Budget dei giochi: più grande non è sempre meglio (né più facile)

Secondo Shpilchevskiy, ogni gioco è classificato in una determinata fascia (ad esempio, B, AA, AAA, ecc.) in base al suo valore di produzione. Ha aggiunto che di solito c’è una correlazione tra i costi e i ricavi previsti, evidenziando approssimativamente le seguenti fasce:

  • Gioco AAA — budget nell’ordine di $50-70 milioni, ricavi previsti di $300 milioni (affinché il gioco sia considerato un successo);
  • Gioco AA — budget nell’ordine di $5-15 milioni, ricavi previsti di $50 milioni;
  • Gioco A — budget nell’ordine di $1-2 milioni (Shpilchevskiy non ha menzionato alcuna aspettativa di ricavi).

Vale la pena notare che i budget dipendono da molti fattori, compresi il paese in cui è basato il tuo studio e i costi dei dipendenti. Quindi tieni presente che le cifre menzionate da Shpilchevskiy sono per lo più basate sulla sua esperienza e sul genere CRPG, dato che i giochi realizzati da importanti aziende con sede negli Stati Uniti come EA, Microsoft o i team first-party di Sony hanno costi molto più alti. Ad esempio, The Last of Us Part II ha avuto un costo di produzione di $220 milioni, mentre Marvel’s Spider-Man 2 ha avuto un budget totale di $315 milioni.

I titoli precedenti di Owlcat — la serie Pathfinder e Warhammer 40k: Rogue Trader — erano tutti AA, quindi i loro budget erano in linea con la seconda fascia menzionata sopra. E sebbene molti pensino che sia meglio puntare sempre più in alto con ogni gioco, versare più denaro in produzione di solito rende le cose più difficili.

Lo studio sta attualmente lavorando a un progetto più ampio, e il processo è drasticamente diverso dai titoli precedenti in termini di flusso di lavoro, pianificazione e comunicazione, ponendo nuove sfide e rischi. Shpilchevskiy ha osservato che mentre Kingmaker è stato realizzato da un team di 30 persone, il nuovo gioco non annunciato coinvolge già 150 persone, aggiungendo che c’è bisogno di una forte volontà e desiderio anche solo per avventurarsi in questo campo.

Ritiene anche che creare giochi AA di successo non significhi essere in grado di realizzare una produzione AAA. E investire $50 milioni in un progetto non garantisce il successo e quei ipotetici $300 milioni di ricavi.

“Per realizzare un gioco da $50 milioni, hai bisogno — sto esagerando qui — di 300-400 persone, e devono lavorare all’unisono e non sprecare denaro, ma assicurarsi che tutti i pezzi si uniscano alla fine. Questo non è affatto banale, diciamo così,” ha detto Shpilchevskiy.

Quindi non ogni studio dovrebbe sempre cercare un budget più grande. Secondo Shpilchevskiy, ci sono molte aziende che stanno perfettamente bene rimanendo nella nicchia indipendente, costruendosi una reputazione e guadagnando denaro mentre creano grandi giochi.

Cosa ha cambiato Baldur’s Gate 3 per l’industria

Lo stesso Shpilchevskiy non ha ancora completato Baldur’s Gate 3, dicendo che “nonostante ami molto i giochi di Larian, non ho abbastanza tempo per finirlo.” Ma ha semplicemente definito BG3 un “fenomeno,” dicendo che nessuno ha mai investito così tanto denaro in un RPG isometrico.

BG3 ha un budget gigantesco. Pochi studi possono effettivamente permetterselo, figuriamoci investire così tanto denaro in un gioco isometrico. So che questo era già il secondo gioco per Larian che era una situazione tutto o niente — quando investi tutti i tuoi soldi in un colpo solo e poi aspetti per vedere se funziona o no. Bene per loro, sono persone coraggiose, ed è chiaro che non stanno facendo tutto questo invano. Ma, ancora una volta, non possiamo investire, diciamo, $200 milioni per fare BG3 — non abbiamo ancora quel tipo di denaro. E non conosco nessuna azienda al mondo che investirebbe così tanto denaro in un CRPG.

Shpilchevskiy ha sottolineato che non si tratta di stabilire se Larian abbia fissato il livello per il genere, perché è il vero fenomeno e un’azienda unica nel suo genere che brillerà in cima. Anche se crede che altri studi continueranno a “scavare le loro nicchie,” concorda sul fatto che Baldur’s Gate 3 è il nuovo punto di riferimento per il genere in termini di qualità e realizzazione di certi elementi.

Quindi gli sviluppatori di RPG dovranno pensare alle proprie risposte simmetriche per rendere più cinematografica la presentazione dei loro contenuti. Questo si applica a elementi come le scene tagliate o il doppiaggio, che potrebbero essere una grande sfida per la maggior parte degli studi.

“Abbiamo realizzato tutti i nostri giochi con doppiaggio parziale, perché 1) è costoso e 2) rende estremamente difficile il processo di sviluppo. Specialmente quando hai un milione di parole,” ha detto Shpilchevskiy. “Guardando a BG3, capisci: sta diventando una funzione indispensabile, che non ti garantisce il successo, ma se non raggiungi quel livello, il tuo gioco è considerato uno che non rientra più nella giusta categoria. Quindi sembra che dovremo fare un doppiaggio completo per i nostri prossimi giochi.”

Secondo Shpilchevskiy, ogni sviluppatore sta cercando di trovare le proprie soluzioni, non necessariamente le stesse di Larian, ma il successo di Baldur’s Gate 3 dovrebbe costringere le aziende a riconsiderare il loro approccio ai valori di produzione. Ora ci sono semplicemente più caselle da spuntare affinché un gioco sia considerato un RPG, e adattarsi alle nuove realtà è necessario per rimanere rilevanti e competitivi sul mercato.

Leggi di più su gameworldobserver.com

Potrebbero interessarti