Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
You Don’t Need To Justify Enjoying Bad Games

Non c’è bisogno di giustificarti se ti diverti con i giochi scadenti

Tempo di lettura: 4 minuti
You Don’t Need To Justify Enjoying Bad Games

Ciao. Non parliamo da qualche ora. Vedo che tutti sono molto normali riguardo a Suicide Squad. Ad alcuni non piace. Altre persone sono estremamente arrabbiate con il primo gruppo di persone a cui non è piaciuto. Un ritornello che ho visto ripetere è che i media dei videogiochi stanno cospirando per rovinare il gioco per [inserire motivi] e che tutti devono presentare ricevute, clip e screenshot per dimostrare che in realtà è il miglior gioco live-service che si sia mai bloccato nella prima ora. Come per ogni uscita importante, i fan sono convinti di dover morire in battaglia per difendere un gioco mal recensito o il loro mondo sarà perduto.

Ma ho una buona notizia per te. Ho appena avuto una conversazione con Dio e tutti gli angeli e, dopo aver esaminato i nastri, siamo giunti alla conclusione che non devi giustificare il fatto di aver apprezzato giochi mal recensiti. O giochi generalmente non graditi. O giochi che sai essere pessimi ma che vuoi giocare lo stesso. Non devi giustificare a nessuno il fatto che un gioco ti piaccia e – ecco il problema – loro non devono giustificare a te il fatto che non ti piaccia. Sai perché? Avvicinati un po’ di più. Stai ascoltando? Ecco il segreto: niente di tutto questo ha importanza.

Senti, ti è assolutamente permesso postare e parlare dei giochi che ti piacciono! Dovresti farlo! E puoi giustificare il fatto che ti piaccia qualcosa che è popolare e che non ti piace. Ma voglio che sia chiaro che, secondo il regolamento, non sei obbligato a farlo. Nessuno ti controlla per assicurarsi che tu sia un vero fan. Ti è permesso di apprezzare un gioco che non piace ad altre persone. Se una meccanica di gioco, una decisione di design o l’uccisione di un certo personaggio infastidiscono gli altri ma non te? Fantastico! È bello vedere in un gioco qualcosa che gli altri hanno scartato. Non sono sarcastico. Conosco bene questa sensazione.

Colleziono giochi brutti. Non intendo metaforicamente; intendo dire che ho letteralmente dei bidoni di plastica pieni di giochi terribili che vanno da Superman 64 a diversi titoli di Garfield in tutta la storia del videogioco Garfield. In parte il motivo è che a volte viaggio con uno spettacolo comico in cui i comici giocano a brutti giochi in diretta davanti al pubblico. È un po’ come lo streaming, ma di persona e con meno persone che spammano insulti razziali nei commenti. Ma l’altro motivo per cui colleziono giochi brutti è che, a volte, mi piacciono davvero.

Non intendo dire che quei giochi siano “così brutti da essere belli”. Sono giochi brutti. È solo che mi diverto a vederne le imperfezioni. Ho scritto più volte di aver amato la versione originale di Mortal Kombat per Game Boy nonostante fosse assolutamente orribile. Ma mi piace pensare che gli sviluppatori abbiano ficcato tutto quello che potevano in una piccola console portatile. Mi piace pensare alle decisioni di progettazione su ciò che doveva essere tagliato o su ciò per cui non avevano il budget necessario. So che sembra un comportamento assolutamente folle, ma per me è divertente. Where’s Waldo sul NES è davvero orribile. È anche divertente pensare alla sua realizzazione e, sì, trovare Waldo.

SUICIDE SQUAD KILL THE JUSTICE LEAGUE

Inoltre, giocare ripetutamente a giochi brutti ha reso più facile vedere il buono in quelli mediocri. Mi aiuta a trovare l’amore un po’ meglio. Questo non significa che mi vada bene che le case produttrici di videogiochi facciano quello che vogliono. Ma capisco anche che fare della buona arte non è facile. Ho lavorato a molte cose che non sono andate come speravo. E ho desiderato che alcune cose che ho realizzato avessero più possibilità di quelle che ho avuto. È difficile e mi dispiace per gli sviluppatori che mancano il bersaglio.

Tutto questo per dire che non è necessario giustificare il gradimento di qualcosa. E non c’è bisogno di arrabbiarsi con le altre persone online perché non apprezzano qualcosa. Nessuno di noi apprezzerà mai le stesse cose. Ci sono articoli su questo stesso sito che mi hanno fatto pensare, in stile Tim Robinson, “Sei sicuro di quello che dici?” Ma sono anche un adulto con dignità e rispetto per se stesso. Ok, va bene, almeno sono un adulto. Solo perché agli altri scrittori non piace una cosa che piace a me, non significa che si tratti di un’emergenza internazionale. E se a loro piace qualcosa che a me non piace? Non è nemmeno un attacco alla mia famiglia. È solo la condizione umana.

Sono d’accordo che è fastidioso quando le anteprime e le recensioni di un nuovo gioco non sono come ci si aspettava o sembrano aver perso il filo del discorso. Soprattutto quando provengono da recensori professionisti di giochi che, a tuo parere, apprezzano i giochi meno o, peggio, in modo diverso da te. Ma queste sono solo persone. Posso garantirti che quasi nessuno di quelli che recensiscono Suicide Squad o Persona 3 Reload o Final Fantasy 7 Rebirth o qualsiasi altro gioco di prossima uscita sta dando un punteggio buono o cattivo per il proprio tornaconto personale. Fidati, ho visto la vita dei recensori di giochi professionisti. Non è bello, gente.

D’altra parte, non hai bisogno di ascoltarli! Pensi che il gameplay sia molto migliore di quello che hanno detto? Perfetto! Credi che chi critica la storia non abbia colto il punto? Fantastico! Speri che le prossime patch migliorino l’esperienza di gioco? È già successo in passato! Non devi pensare che una persona a caso online sia in guerra con te perché non gli piace qualcosa che piace a te. Non c’è bisogno di inseguirli. E di certo non devi dimostrare loro che sono stupidi. Lascia che siano stupidi! Ci sono problemi più grandi nel mondo. Se ti piace, goditelo. Nessuno può dirti il contrario. Non c’è bisogno di arrabbiarsi. Non c’è bisogno di trollare le persone. Non c’è bisogno di pubblicare ricevute. Magari, invece, prenditi tutto questo tempo e goditi il gioco.


Leggi di più su www.thegamer.com 

Potrebbero interessarti