Cerca
Close this search box.

Lo sviluppatore di Cities: Skylines 2 dice di essere stato “colto alla sprovvista” dal successo del primo city-builder dopo che ha venduto 40 volte di più rispetto alle sue aspettative

Tempo di lettura: 2 minuti

L’originale Cities: Skylines del 2015 è stato un successo enorme e inaspettato per lo sviluppatore Colossal Order Ltd e l’editore Paradox Interactive. Concentrandosi sulla costruzione di una città e di una comunità dalle fondamenta, Cities: Skylines ha trovato un pubblico che desiderava un approccio profondo e coinvolgente alla costruzione di città, ora che la popolare serie SimCity è stata messa in letargo.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Con l’imminente uscita di Cities: Skylines 2 il 24 ottobre, gli sviluppatori di Colossal Order Ltd si sono presi un po’ di tempo per riflettere sull’improvviso e continuo successo del primo gioco nell’ultimo numero di PC Gamer Magazine e su come questo abbia cambiato i loro piani per i giochi futuri.

Nell’intervista con l’amministratore delegato di Colossal Order, Mariina Hallikainen, hanno parlato delle loro aspettative iniziali, molto modeste, per il gioco originale, che speravano di vendere 300.000 copie e che invece sono state superate dopo il lancio. L’amministratore delegato ha dichiarato: “Il successo del gioco ci ha colti completamente alla sprovvista e non lo avevamo previsto, nel senso che non era previsto un impegno così a lungo termine”

Il successo inaspettato di Cities: Skylines ha portato gli sviluppatori a dover cambiare il supporto al loro gioco di successo, a rivedere i loro piani per il dopo-lancio e persino ad accantonare altri progetti in programma per tenere il passo con il gioco. Negli otto anni trascorsi dal suo debutto, il gioco originale ha visto aggiornamenti regolari dei contenuti e DLC, ampliando notevolmente la sua portata.

Nel 2023, Cities: Skylines ha venduto 12 milioni di copie tra PC e console ed è uno dei rari giochi di costruzione di città disponibili su PlayStation e Xbox. Rispetto a SimCity di EA, che pare avesse un team di oltre 100 sviluppatori, l’originale Cities: Skylines originale è stato realizzato con un team di poco meno di dieci persone, il che ha portato a un rendimento molto più alto. Il sequel ha un team più numeroso, ma il numero totale di sviluppatori attivi è inferiore a venti.

Tuttavia, Cities: Skylines 2 si preannuncia come un sequel notevolmente migliorato che sembra continuare a concentrarsi sulla costruzione di una città prospera, anche se, come si legge nella nostra recensione di Cities: Skylines 2, ci sono alcuni seri problemi di prestazioni che lo frenano al momento del lancio. Visto il successo dell’originale e la storia di aggiornamenti regolari e robusti di Colossal Order, è probabile che anche il sequel avrà un grande successo.

Leggi di più su www.gamesradar.com

Potrebbero interessarti