Cerca
Close this search box.

L’ex professionista di FPS dice che The Finals è “troppo per il cervello dei giocatori di Call of Duty”

Tempo di lettura: 2 minuti

Un ex giocatore professionista di FPS pensa che The Finals sia un po’ troppo per il “cervello medio” di COD, almeno all’inizio.

Come riporta The Loadout, lo streamer di Twitch ed ex giocatore professionista di CS:GO Michael’ Shroud’ Grzesiek ha recentemente rivelato i suoi pensieri sul nuovo gioco FPS.

“Molte persone non capiscono questo gioco; è troppo per il ‘COD brain’, credo”, dice Grzesiek rispondendo a una domanda su Twitch riguardo a The Finals.

@clipthatbroski
♬ Moonlit – VØJ & Narvent

Tuttavia, Grzesiek ritiene che questo vada “bene” e che i giocatori di sparatutto che arrivano a The Finals da giochi come Call of Duty “hanno solo bisogno di un po’ di tempo” per adattarsi dato che “il gioco è ancora nuovo” Lo streamer aggiunge che il nuovo gioco può essere “un po’ confuso” per chi non ha mai giocato a qualcosa di simile a The Finals.

La dichiarazione ha suscitato reazioni contrastanti nella clip di TikTok qui sopra. “Troppo per il cervello di CoD? Si corre e si spara come in qualsiasi altro CoD? Ha un TTK più lungo; questo è tutto lol. Classica orribile presa di posizione di Shroud”, scrive un commento, riferendosi al “time-to-kill” dei giochi FPS che determina la velocità con cui una persona muore sotto il fuoco.

“I tutorial devono essere obbligatori [giuro su Dio]. Quante volte mi capita di giocare contro squadre che non si preoccupano degli incassi e si limitano a fare TDM per un’intera partita”, commenta un altro utente. The Finals si basa sulla richiesta di pagamenti in denaro, piuttosto che sul “Deathmatch a squadre” o su altre modalità FPS comuni in giochi come Call of Duty, a cui si riferisce questo commentatore.

Per quanto The Finals sia un’ottima modalità, potrebbe migliorare ulteriormente nelle prossime settimane. Uno sviluppatore ha promesso che nelle prossime settimane gli aggiornamenti di The Finals porranno rimedio a diversi “punti dolenti” di cui la comunità si è fatta portavoce fin dal lancio dello scorso anno.

Leggi di più su www.gamesradar.com

Potrebbero interessarti