Cerca
Close this search box.

Il city builder più unico del 2024 è una cura per la noia dei giochi tripla A.

Tempo di lettura: 6 minuti

La cultura dei videogiochi e molti dei generi popolari che dominano Steam sono diventati familiari e codificati. Sentendo il termine ‘gioco di strategia’, ‘RPG’ o ‘FPS’ sai immediatamente cosa aspettarti. Così anche i simulatori di città vengono con delle aspettative. Cities Skylines 2 è una distillazione della forma – Frostpunk 2 cerca di sfidare le ipotesi con una narrazione più densa e toni più cupi, ma rimane fedele meccanicamente alle tradizioni. Parlando esclusivamente a PCGamesN, il creatore del gioco di costruzione di città più unico del 2024 pensa che si possa fare di più per scuotere il mercato dei giochi triple-A.

Bulwark: Falconeer Chronicles è una variazione rilassata e minimalista (almeno in termini di interfaccia) dell’esperienza tipica dei simulatori di città. Ambientato in un mondo post-apocalittico quasi interamente coperto d’acqua, giochi il ruolo del protettore di una delle nostre ultime civiltà rimanenti e devi trasformare le scogliere, le cime delle montagne e gli ultimi lembo di terra asciutta in una nuova società in crescita. Arruola comandanti per la tua città. Invia navi e dirigibili per estrarre risorse e mantenere rotte commerciali. Stabilisci relazioni con comunità vicine.

È un gioco di costruzione di città con un tocco originale, dove la costruzione è controllata da un numero ridotto di semplici pressioni di pulsanti, e si diffonde rapidamente e organicamente. A differenza dell’esperienza più cerebrale e ad alto livello di Cities Skylines 2, in Bulwark, bastano poche azioni e un paio di minuti per trasformare una vecchia parete rocciosa in una bellissima metropoli dorica.

Rilasciato a marzo – lo stesso giorno di Millennia di Paradox e C Prompt Games – Bulwark è il lavoro dello sviluppatore solista Tomas Sala. Parlando con PCGamesN prima dell’apparizione di Bulwark a Wired Direct, spiega le realtà dello sviluppo moderno di giochi da solista e la ricezione del suo lavoro più recente.

“Sono molto soddisfatto,” dice Sala. “I giocatori lo stanno apprezzando e il punteggio di recensione su Steam è come dell’83%, che per un gioco sperimentale è abbastanza buono. Guardi sempre ai numeri. Di solito uso le recensioni degli utenti perché sono più importanti per me: non conosci le vendite finché non sei a distanza di un anno. Ma per me le recensioni degli utenti sono personalmente importanti perché ci sono molti problemi che puoi prevedere. Puoi vedere cosa piace o non piace alle persone, o su che cosa restano bloccate.

“Ho sempre sospettato che l’interfaccia e i controlli minimalisti sarebbero stati il problema principale. Ma un problema era spiegare come funzionasse il gioco, e anche le persone che volevano solo di più – persone che sentivano di non capire completamente come sbloccare tutto il contenuto. Ma era semplice. Puoi semplicemente aggiungere un pulsante al menu principale e un paio di suggerimenti nel tutorial.

Bulwark Falconeer Chronicles Steam city building game: Un dirigibile da Steam city building Bulwark

Sala ha intenzione di supportare Bulwark: Falconeer Chronicles per almeno il resto del 2024 e potenzialmente oltre. Un nuovo aggiornamento aggiunge una forma aggiuntiva di valuta che può essere utilizzata come tributo alle fazioni opponenti, nonché più scelte diplomatiche in modo da poter evitare una guerra totale. In seguito, un aggiornamento più grande, chiamato Naval Command, si occuperà dell’espansione delle opzioni militari aggiungendo un porto e navi da battaglia. Una nuova fazione è in arrivo e Sala afferma che se il gioco continuasse a ricevere feedback positivi e giocatori, potrebbe seguire altro materiale.

Il successo di Bulwark suggerisce forse un’aspettativa tra i giocatori per un cambiamento rispetto al mainstream. Ma ci siamo già trovati qui. La corsa all’oro indie tra il 2012 e il 2016 faceva sembrare che i giochi triple-A potessero cambiare per sempre. Al contrario, l’intera cultura è diventata più conservatrice, mentre i servizi live e i giochi ‘per sempre’ dominano la maggior parte delle piattaforme e diffondono la loro influenza anche nei livelli di creazione di videogiochi double-A e indipendenti.

Tuttavia, il cambiamento, potenzialmente, potrebbe essere nell’aria. Non sembra troppo controverso dire che molti di noi sono stanchi dei battle royale, degli sparatutto competitivi e dei sandbox open-world da 200 ore. Ma l’originalità – come in qualsiasi cosa; come nei film, in TV, nella letteratura e nella musica – continua a sentirsi nei videogiochi come un lusso raro.

Bulwark Falconeer Chronicles Steam city building game: Un porto da Steam city building Bulwark

“Non è una critica al giocatore perché penso che ne facciamo abbastanza,” dice Sala. “Si tratta di come facciamo soldi. Se stai facendo uno sparatutto, potresti cambiarlo leggermente, incrementandolo un po’, ma non abbastanza da evitare alle persone di passare – e poi lo monetizzi alla grande. Ma se vuoi creare frizione, guadagnerai meno.

“Non puoi semplicemente passare da Bulwak a Company of Heroes o Cities Skylines. L’intera filosofia del design è diversa. Adesso, torna indietro 20 anni, e ogni gioco aveva il proprio sistema di controllo. Ma ora abbiamo una tendenza di mercato a rendere i prodotti sempre più sicuri e sicuri che si differenziano solo leggermente.

“L’industria è diventata più conservatrice. Nei giochi di strategia ci aspettiamo pulsanti in basso, risorse in alto – è tutto molto rigido. E penso che il rischio di questi giochi in cui le persone possono semplicemente inserirsi è che si perde la capacità di innovare. Non c’è futuro per me nel cercare di competere con Paradox. Non ho 60 persone che si occupano di UI o tutorial. Dico sempre che i miei tutorial saranno scadenti. Sai perché? Perché è noioso fare tutorial. È divertente fare un ottimo gioco.

Bulwark Falconeer Chronicles Steam city building game: Una cittadina da Steam city building Bulwark

Decine di giochi vengono caricati su Steam ogni settimana. Progetti di passione soggettivi ed esoterici come Children of the Sun, Felvidek o Home Safety Hotline, per citarne solo alcuni del 2024, fanno fatica a trovare anche un modesto pubblico, figuriamoci abbastanza giocatori per diventare successi certificati. Bulwark sta andando bene e Sala ha piani per un terzo gioco della serie Falconeer, ma se davvero vogliamo un mondo dei giochi diverso, ci vorranno cambiamenti tettonici in quasi ogni aspetto.

“Perché ho avuto un buon lancio?,” chiede Sala. “Perché ha superato le aspettative di vendita ed è arrivato sulla prima pagina di Steam. Questo significa che sarà sulla prima pagina delle vendite – ora è classificato come gioco di successo. Se non colpisci quello sei a posto, perché le vendite sono l’unica cosa a cui guarda Steam. Abbiamo così tanti generi e diversi creatori che fanno giochi per motivazioni diverse. Ma rischiamo anche di diventare un’industria di grandi aziende che fanno giochi molto sicuri in cui tutti possono facilmente inserirsi. Faccio sempre questo scherzo che posso sentire ‘I Wanna Be Sedated’ in sottofondo. Questo è il suono che sento quando penso ai videogiochi.

“Ma penso che parte della rivolta che abbiamo tra i giocatori è il riconoscimento di questa fallacia. Si stanno arrabbiando, perché invece di essere offerti una dieta varia di cose fantastiche, gli abbiamo dato giochi confortevoli. La prima volta che hai avuto ‘Winner, Winner, Chicken Dinner,’ o la prima volta che hai pianto durante un gioco di Final Fantasy, stiamo cercando di rivivere quei momenti ancora e ancora. Ed è quello che i giochi stanno monetizzando. Ma il tuo cervello si è abituato a quello che hai già e ora è meno recettivo al climax.

Bulwark Falconeer Chronicles Steam city building game: Un molo costiero da Steam city building Bulwark

Dopo aver completato il lavoro su Bulwark, Sala ha anche idee per un gioco di esplorazione spaziale. Il terzo capitolo di Falconeer intanto fungerà da prequel della serie finora, dove i giocatori assumono il ruolo di un capitano di rimorchiatore. “Stai trainando tutte queste grandi navi da guerra e mercantili nel porto, e i lavori che prendi sortiscono in qualche modo il destino del mondo,” dice Sala. “Si tratterà di personaggi. Voglio creare scene in cui stai parlando con il cuoco di bordo, o nella taverna, parlando con il barista. Non ho fatto quel tipo di gioco.

È difficile immaginare esattamente com’erano i videogiochi al momento in cui la serie di Sala concluderà. Ma rimane un desiderio ardente per giochi più vari e originali. Se la cultura più ampia può alimentare e stimolare tale desiderio in qualcosa di più luminoso e fumante, forse vedremo ancora più successi come Bulwark.

Leggi di più su www.pcgamesn.com

Potrebbero interessarti