Cerca
Close this search box.

Blue Protocol è la Prossima Scommessa di Amazon sull’Incontro tra Oriente e Occidente

Tempo di lettura: 7 minuti

Come Lost Ark, Blue Protocol è un altro esempio di incontro tra Oriente e Occidente da parte di Amazon Games. Sviluppato da Bandai Namco (e già uscito in Giappone), Amazon pubblica ora il gioco in Occidente e aggiunge un altro MMO al suo portafoglio insieme a New World.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Sembra che l’intenzione di Amazon sia quella di dominare lo spazio degli MMO, ma la sua strategia è semplicemente quella di lanciare roba contro il muro e vedere cosa si attacca? Blue Protocol sarà il più appiccicoso del lotto? Per lo meno, l’anime MMO si adatta bene alla produzione di giochi di Amazon, con il suo gameplay familiare e le sue immagini straordinariamente colorate.

“È molto diverso da Lost Ark, è molto diverso da New World”, mi ha detto il responsabile del franchise Mike Zadorojny. “Lo stile artistico, la narrazione, la natura ricca di anime si rivolgono a un pubblico leggermente diverso. New World è sicuramente un po’ più incentrato sul PvP per quanto riguarda l’aspetto dei dungeon; Lost Ark si concentra invece sul sistema di progressione. E [Blue Protocol] è un gioco molto incentrato sulla storia”.

Gran parte della storia è stata tenuta nascosta durante una sessione di anteprima a cui ho partecipato di recente, ma sono riuscito comunque a farmi un’idea decente di come si svolgerà la collaborazione tra Amazon e Bandai Namco.

Trailer di annuncio di Blue Protocol.

Blue Protocol è un MMORPG incentrato sull’azione. I giocatori esploreranno un mondo vasto e colorato ed entreranno nei dungeon come una squadra di un massimo di sei giocatori per sconfiggere boss mostruosi. La demo di un’ora che ho provato mi ha dato la possibilità di sperimentare tutto questo e il gioco fa sicuramente una buona prima impressione: è bello, è pulito e facilmente comprensibile e il combattimento è semplicemente divertente.

Ho scelto di giocare nei panni di un Tessitore di Incantesimi, la classe magica principale, il che significa stare in disparte e lanciare incantesimi elementali come palle di fuoco a colpo singolo e nuvole di ghiaccio che danneggiano nel tempo. Gli attacchi AoE dei nemici sono chiaramente segnalati e un pulsante di schivata permette ai giocatori di manovrare rapidamente sul campo di battaglia. Il gioco è facile da interpretare ed è veloce, anche se non c’è bisogno di un lavoro di squadra tra i giocatori, almeno in questo dungeon iniziale.

Le altre classi includono l’arciere Keen Strider, l’attaccante Twin Striker, il Foe Breaker e il semplice Blade Warden con spada e scudo. È interessante notare che il Protocollo Blu non si attiene alla tipica trinità di chi distribuisce danni, chi fa da tank e chi cura. Al contrario, tutte le classi possono mischiarsi tra questi ruoli, a seconda delle abilità acquisite.


Five character classes in Blue Protocol
Le classi di personaggi offrono un’ampia flessibilità. | Crediti immagine: Amazon Games

La flessibilità dei giocatori è una parte importante dell’esperienza di Blue Protocol. “Stai creando il tuo eroe, il tuo avatar all’interno del gioco”, ha detto Zadorojny. “E poi, approfondendo l’aspetto del giocatore, gli permette di giocare nel modo che preferisce, perché ogni classe è costruita su uno spettro, non necessariamente su un ruolo particolare che si sta assumendo. La possibilità di scegliere in base alla classe o alle abilità da portare con sé fa sì che, se vuoi essere un vero DPS da solo, puoi farlo, ma quando giochi con i tuoi amici, se vuoi avere un po’ più di controllo della folla o un po’ più di supporto, puoi farlo”.

L’anteprima è iniziata con il creatore di personaggi, che è stato ben diversificato. Le opzioni sono divise per sesso e un po’ limitate, ma c’è una varietà di tonalità della pelle attraverso i cursori del colore. Le opzioni per la pettinatura erano minime, ma sono riuscito almeno a sfoggiare dei baffi piuttosto accattivanti.


Blue Protocol character creator with moustachioed character
Chi non ama i baffi? | Crediti immagine: Amazon Games

Dopo una breve battaglia tutorial e l’introduzione alla storia, sono stato libero di esplorare il grazioso ma vuoto mondo aperto, sconfiggere la fauna locale e cavalcare una cavalcatura completamente personalizzabile. Sono poi passato a un personaggio precostituito con altre abilità sbloccate: i già citati incantesimi elementali, i famigliari da evocare e un’abilità finale con cooldown, che mi sono sembrati molto precisi e reattivi da maneggiare. I personaggi sbloccano anche abilità passive disponibili in tutte le classi (che possono essere facilmente cambiate cambiando arma), quindi la progressione in una classe può avere un impatto sulle altre e fornisce un ulteriore elemento di personalizzazione tra le classi.

Un altro elemento chiave del gioco è la sua facilità di approccio. La sua struttura e i suoi combattimenti saranno familiari a chiunque abbia un interesse per gli MMO, ma anche i nuovi arrivati saranno i benvenuti. L’interfaccia utente è luminosa e chiara, le missioni sono chiaramente etichettate e i movimenti e le rotazioni dei personaggi sono intuitivi.

“L’obiettivo è quello di rendere il gioco molto accessibile e facile da affrontare, pur garantendo una certa profondità”, ha dichiarato Zadorojny. La quantità di personalizzazione consentirà ai giocatori di adattare l’esperienza di gioco alle loro esigenze, offrendo al contempo una certa profondità a chi è interessato, in particolare per quanto riguarda il crafting e le abilità passive. Sia che i giocatori vogliano semplicemente vivere la storia, sia che vogliano immergersi in una profonda personalizzazione per aumentare le abilità reciproche, entrambe le cose sono possibili.

A rendere il gioco ancora più accessibile è il fatto che Blue Protocol sarà free-to-play. Zadorojny mi ha assicurato che i giocatori pagheranno solo i cosmetici.

il nostro motto è “equo e divertente”. Equo significa che non dovresti avere un vantaggio significativo e dimostrabile in combattimento rispetto a me se tu compri e io no”, ha detto. “L’aspetto divertente riguarda il lato cosmetico delle cose: se c’è uno stile particolare che ti piace, puoi acquistarlo e celebrare quello stile di moda. Ma non mi toglie nulla se non compro.

“In pratica puoi giocare l’intero contenuto della storia, dal primo al massimo livello, senza acquistare nulla, perché vogliamo che i giocatori abbiano un’esperienza free-to-play”.


Team combat in Blue Protocol
I combattimenti saranno caratterizzati da numerosi e imponenti boss. | Crediti immagine: Amazon Games

La monetizzazione avverrà in tre forme. In primo luogo, Amazon rilascerà dei founders pack (come per i suoi giochi precedenti) per gli early adopters che includeranno cosmetici unici. In secondo luogo, ci sarà un season pass che includerà una serie di livelli gratuiti ma con più ricompense disponibili per chi paga. In terzo luogo, c’è il Capsulator – un modello di gacha – anche se sarà modificato rispetto alla versione giapponese per l’Occidente.

“Lo stiamo modificando leggermente per il pubblico occidentale, perché il nostro approccio alla casualità è molto diverso da quello di loro da un punto di vista culturale”, ha dichiarato Zadorojny. “Quindi sì, gli oggetti che compri dal Capsulatore avranno un tetto massimo – quindi dopo un numero X di tiri, ti verrà garantito un oggetto di alto livello per assicurarti di non combattere contro il caso per tutto il tempo”.

I cosmetici che già possiedi possono essere convertiti in una valuta secondaria con un negozio unico per l’acquisto di nuovi oggetti.

Saranno apportate ulteriori modifiche tra la versione giapponese già rilasciata da Bandai Namco e quella che uscirà in Occidente il prossimo anno, anche se si tratta di modifiche minori, ha dichiarato Zadorojny.

“In generale, il nostro obiettivo è quello di rispettare l’arte e la maestria con cui è stato realizzato il gioco. Le persone vogliono giocare a un anime, lo capiamo. Stiamo supportando l’audio giapponese, oltre a quello inglese, quindi se vuoi vivere un’esperienza autentica, puoi farlo.

“Le cose che stiamo cambiando rientrano generalmente in categorie come la conformità legale per i vari territori, o le regolamentazioni per le quali dobbiamo fare degli aggiustamenti. E in generale, ci sono cose che sono culturalmente più accettabili in Giappone e che non sono viste di buon occhio dal pubblico occidentale. Quindi rispettiamo questo aspetto”.

Lost Ark, ad esempio, è stato criticato per la sua rappresentazione femminile attraverso classi divise per sesso e armature succinte. Amazon ne sta facendo tesoro per Protocollo Blu.


Montegnor Valley with stood mount in Blue Protocol

Montegnor Valley vista with running mount in Blue Protocol
Il gioco è bello ma il mondo è un po’ vuoto. | Crediti immagine: Amazon Games

“Lo stile artistico degli anime è generalmente accogliente e ci permette di raggiungere gli alti ritmi che i personaggi hanno, in termini di tentativo di costruire un mondo fantasy e in stile anime”, ha detto Zadorojny.

“Ma per alcune cose dobbiamo essere protettivi nei confronti dei bambini. Per questo motivo, stiamo rendendo alcuni abiti un po’ meno rivelatori, solo perché in questo modo non ci mettiamo nei guai con le commissioni di classificazione, [e] rendiamo il gioco accessibile in modo che i giocatori possano giocare con i loro familiari”.

Non è la prima volta che Amazon adatta un gioco asiatico esistente per l’Occidente, quindi cos’altro ha imparato in questo processo?

“Ogni volta che lanciamo un nuovo titolo, [ci chiediamo] come possiamo essere un partner migliore? Come possiamo assicurarci di supportare al meglio il team di sviluppo?” Zadorojny ha risposto. “Come possiamo fornire agli sviluppatori una visione dei giocatori occidentali e della loro mentalità, in modo che, quando guardano il calendario dei contenuti, quello che aggiungeranno al gioco dopo il lancio abbia davvero in mente i giocatori occidentali?

“Non si tratta solo di costruire un gioco orientale o occidentale, ma di costruire un gioco globale”.

Alcuni giocatori giapponesi che hanno già giocato a Blue Protocol hanno notato la mancanza di contenuti endgame. In termini di longevità, Zadorojny ha promesso una cadenza regolare di aggiornamenti, con l’arrivo di una sesta classe subito dopo l’uscita del gioco e del prossimo capitolo della storia. A questo si aggiungono un season pass ed eventi stagionali per tenere impegnati i giocatori.

Tuttavia, l’editore ha avuto problemi con la longevità dei suoi giochi. Dopo un iniziale picco di interesse, sia Lost Ark che New World hanno visto diminuire il loro pubblico. Blue Protocol potrebbe finalmente rompere questo schema?

Zadorojny non è molto preoccupato.

“L’unica cosa che stiamo cercando di rispettare come gioco free-to-play è che non c’è problema se i giocatori se ne vanno, purché siano entusiasti della prossima grande cosa”, ha detto. “Soprattutto per una storia anime, le persone vorranno sapere cosa succederà nel prossimo capitolo. Saranno momenti importanti per i quali i giocatori torneranno.

“Il nostro obiettivo non è necessariamente fare in modo che i giocatori giochino sempre al gioco ogni singolo giorno, ma fare in modo che quando giocano si divertano davvero. Stanno vivendo un’esperienza fantastica e quando arriva qualcosa di nuovo nel gioco, vogliono tornare a giocarci”.

Oltre al tipico desiderio di tornare per la storia, Blue Protocol ha un’apertura da anime con la musica del gruppo giapponese L’Arc-en-Ciel. Tuttavia, è ancora da vedere se l’accessibilità e le opzioni di personalizzazione siano sufficienti a differenziare il gioco dai suoi principali concorrenti (Genshin Impact e Honkai: Star Rail in particolare). Bandai Namco ha creato uno sforzo decente per il Giappone; ora tocca ad Amazon convincere il resto del mondo.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti