Cerca
Close this search box.
A samurai looking up at the vast shadow of the Shogun in Shogun Showdown.

La mia nuova ossessione roguelike è un gioco di strategia a turni che ti fa sentire come un samurai John Wick

Tempo di lettura: 3 minuti
A samurai looking up at the vast shadow of the Shogun in Shogun Showdown.

Stiamo vivendo nell’età dell’oro dei deckbuilders roguelike. Solo nell’ultimo anno e spiccioli abbiamo visto standout come Cobalt Core, Wildfrost, Astrea e tantissimi altri che non ho ancora provato a causa del tempo che Balatro mi ruba. Ogni volta che penso di aver visto il meglio che il genere ha da offrire, scopro una nuova gemma che mi lascia a bocca aperta. Ecco a voi: Shogun Showdown.

Il gioco, ancora in accesso anticipato ma che sembra già un’uscita a tutti gli effetti, ti mette nei panni (sandali?) di un guerriero samurai e ti incarica di sconfiggere uno shogun demoniaco – e qualche centinaio dei suoi scagnozzi corrotti – lungo il percorso. Ogni livello, combattuto su un piano 2D, ti lancia un’ondata dopo l’altra di questi nemici. Sei sempre in inferiorità numerica e sempre circondato.

Invece di un intero mazzo di carte, hai una piccola serie di tessere che rappresentano i tuoi attacchi. All’inizio sono semplici, come un fendente di spada che colpisce qualsiasi nemico adiacente a te o un pugno che spinge indietro un nemico, ma il tuo arsenale diventa sempre più complesso man mano che aggiungi nuove tessere e applichi a tutte potenziamenti e modificatori.

L’azione è basata sui turni e ogni nemico agisce dopo di te, ma non è così semplice come sferrare attacchi. Ogni tessera deve essere preparata prima di poter essere utilizzata: ci vuole un turno per aggiungerla alla tua coda di azioni. Puoi avere fino a tre tessere preparate nella tua coda, pronte per essere scatenate tutte insieme al momento giusto. Ma nel frattempo i nemici stanno preparando e schierando i loro attacchi e tu non puoi nasconderti. Anche spostarsi di uno spazio o cambiare fronte conta come un turno, quindi devi sempre avere un piano per evitare i loro colpi o ucciderli prima che possano colpire. Questo è il punto in cui il gioco fa davvero centro, perché ti costringe a pensare con più passi avanti e quando la tua combo funziona a dovere, ti sentirai come un samurai alla John Wick.

Una serie di tessere potrebbe vederti fare una carica a spalla in avanti, colpire un guerriero massiccio con una mazza e poi scagliare una raffica di kunai contro l’arciere furtivo dietro di te che ha incoccato una freccia. Un’altra volta, potresti lanciare una trappola per orsi, trascinare un nemico al suo interno con un dardo di corda e poi finire il suo amico alle tue spalle con una coltellata all’indietro. Più vai avanti, più queste danze mortali diventano elaborate e i tuoi nemici diventano sempre più numerosi e potenti.

Al di là delle influenze del deckbuilder, c’è più di un piccolo DNA di Into the Breach. Le intenzioni dei nemici vengono visualizzate sopra le loro teste, assicurandoti di avere sempre informazioni perfette per il turno che ti aspetta; il posizionamento è fondamentale e molte tessere ti permettono di spostare i nemici così come te stesso, gettandoli persino sulla traiettoria del fuoco amico; e persino le pulite animazioni in pixel art lo ricordano, nonostante i tuoi nemici siano ashigaru posseduti piuttosto che insetti alieni. Ma Shogun Showdown non solo è un’implementazione davvero fantastica di questi concetti, ma ha anche una personalità e idee proprie che lo rendono superiore alla somma delle sue ispirazioni.

Più gioco e più scopro nuovi e meravigliosi modi per vincere: da una build progettata per raggiungere un bordo dell’arena il più velocemente possibile e poi distruggere tutto con una raffica di kunai potenziata al massimo e in grado di cancellare lo schermo, a una che consiste nel lanciarmi all’indietro e in avanti sbattendo contro i nemici come un flipper mortale. Personaggi, missioni e sfide sbloccabili e una libreria in continua espansione di nuove tessere e abilità mantengono fresca l’esperienza di gioco e quando finalmente riuscirai a sconfiggere lo Shogun in persona, si rivelerà solo una tappa di un lungo viaggio di modalità a difficoltà crescente.

Sono più che mai affascinato di una guardia che è stata appena colpita da uno dei miei dardi di corda e non vedo l’ora di vedere cosa ha in serbo la versione 1.0 completa. Se vuoi provarlo di persona, c’è una demo gratuita su Steam:preparati a perdere molte ore a studiare la lama.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti