Cerca
Close this search box.
Concept art for Catalyst, an Apex Legends character with ink-like darkness powers.

La maggior parte dei giocatori non LGBTQ+ non si preoccupa se il personaggio principale è trans, secondo il report di GLAAD Gaming

Tempo di lettura: 5 minuti
Concept art for Catalyst, an Apex Legends character with ink-like darkness powers.

Per accompagnare il lancio ufficiale di GLAAD Gaming, l’organizzazione ha pubblicato il suo primo rapporto sullo stato dei giocatori LGBTQ nel settore – e potrebbe scacciare alcune supposizioni comuni fatte dal pubblico in generale.

Fondata nel 1985 durante l’epidemia di AIDS, GLAAD ha preso di mira la copertura diffamatoria ed è riuscita a modificare la politica editoriale del New York Times. Da allora è diventata una delle più grandi organizzazioni no-profit per la difesa delle persone LGBTQ al mondo, che si batte per una corretta rappresentazione in diverse forme di media, tra cui film, pubblicità e iniziative sui social media.

La sua incursione nel mondo dei videogiochi è stata più recente. Nata dal GLAAD Media Institute (creato nel 2018), l’organizzazione ha collaborato con diversi studi, tra cui recentemente Respawn Entertainment, che ha lavorato con GLAAD sul personaggio canonicamente trans Catalyst in Apex Legends.

In un rapporto completo condiviso con PC Gamer (e rilasciato poco prima della pubblicazione), GLAAD ha continuato a portare avanti la sua attività di advocacy nel settore dei videogiochi. Sviluppato in collaborazione con l’azienda di informazioni, dati e misurazioni di mercato Nielsen, il primo rapporto ha rivelato alcune scoperte interessanti.

Le persone LGBTQ giocano in maniera sproporzionata (e anche più a lungo)

(Immagine: GLAAD Gaming report, 2024.)

Il rapporto completo contiene molti altri dettagli, ma uno in particolare ha attirato la mia attenzione. Secondo GLAAD, il 17% – quasi 1 su 5 – dei giocatori è LGBTQ, con un aumento del 7% rispetto al precedente rapporto Nielsen del 2020. Il rapporto fa riferimento a un sondaggio Gallup che ha stimato che circa il 7,2% degli adulti statunitensi “si identifica come LGBT”.

Considerando questi dati a valore nominale, le persone LGBTQ giocano in modo sproporzionato: 1 su 10 rispetto a 1 su 5. Tuttavia, il campione del sondaggio GLAAD comprende giocatori di età compresa tra i 13 e i 55 anni, mentre il sondaggio Gallup si rivolge ad adulti statunitensi di età superiore ai 18 anni. Nello stesso sondaggio Gallup ha rilevato che il 19,7% degli adulti tra i 18 e i 25 anni si è “identificato come LGBT”.

Tuttavia: Sebbene il confronto con la popolazione statunitense possa essere spiegato da un’età diversa del campione, il rapporto Nielsen del 2020 – su cui si basa l’aumento del 7% – ha preso in esame anche “persone di età superiore ai 13 anni”, quindi la variazione è minore. Come punto di orgoglio personale, a quanto pare siamo anche più hardcore. L’indagine di GLAAD afferma che: “Contrariamente agli stereotipi, i giocatori LGBTQ rappresentano il 19% dei giocatori pesanti/core (definiti come quelli che giocano 10 ore a settimana su PC o console)”

(Image credit: GLAAD Gaming Report (2024))

I giocatori LGBTQ hanno mostrato una preferenza per i giochi single-player o co-op rispetto ai giochi multiplayer competitivi come League of Legends o Fortnite. Nei giochi per giocatore singolo, il 52% degli intervistati era LGBTQ mentre il 43% non lo era, mentre i giochi multigiocatore competitivi erano più orientati verso giocatori non LGBTQ (28% sì, 34% no).

Anche se è importante non saltare a conclusioni su dati grezzi, è difficile non vedere uno schema tra questi dati e le segnalazioni di molestie nei giochi online riportate nel sondaggio. il 52% dei giocatori LGBTQ ha dichiarato di aver subito molestie mentre giocava online, rispetto al 38% dei giocatori non LGBTQ. È anche meno probabile che si sentano a proprio agio nell’uso della chat vocale e che si sentano meno ben accolti dalla comunità di gioco.

Questo nonostante i giocatori LGBTQ ritengano che i giochi siano una via di fuga fondamentale dalla loro vita reale: “Il 35% dei giocatori LGBTQ ritiene che il gioco sia il loro unico sfogo per socializzare con altre persone, rispetto al 28% dei giocatori non LGBTQ … la metà (50%) dei giocatori LGBTQ afferma di sentirsi più accettata dalla comunità di gioco rispetto al luogo in cui vive, e la percentuale sale al 55% per i residenti di Stati che hanno proposto o approvato leggi anti-LGBTQ”

La maggior parte dei giocatori non LGBT non ha problemi con i personaggi trans

Il sondaggio contraddice anche alcune narrazioni che vediamo negli spazi online. È facile vedere qualcuno che urla sui pronomi in Starfield e credere che l’inclusione LGBTQ sia una questione scottante, a prescindere da quanto sia innocua. Lo studio di GLAAD, tuttavia, ha rilevato che solo il 30% dei giocatori non LGBTQ sarebbe meno propenso ad acquistare un gioco con un protagonista transgender. La percentuale si riduce al 10% nei giochi con un personaggio personalizzabile in cui la rappresentazione transgender è un’opzione, come ad esempio Baldur’s Gate 3 o Cyberpunk 2077. Alla maggior parte delle persone non interessa davvero.

Finora ho parlato molto bene dello studio e continuo a pensare che sia un punto di riferimento affascinante. Tuttavia, ci sono alcuni punti successivi che non mi convincono. Ad esempio, lo studio di GLAAD cita di aver identificato “i giochi sulle principali piattaforme di distribuzione per PC e console che sono pubblicamente etichettati o elencati come contenenti contenuti LGBTQ” per stabilire “una linea di base rispetto alla quale misurare i futuri sforzi dell’industria”

Lo studio afferma che: “Questi giochi rappresentano meno del 2% delle librerie digitali totali di Xbox, PlayStation e Nintendo. Per Steam, la percentuale è inferiore al 2,5%, ma scende all’1,7% se si escludono i giochi per soli adulti” Tuttavia, almeno secondo le mie osservazioni personali, i giochi su Steam vengono generalmente etichettati come “LGBTQ” solo quando la queerness costituisce una parte importante della narrazione.

Sebbene non ritenga che il paragone sia ingiusto – e la rappresentanza dei gay nei giochi ha sicuramente spazio per migliorare – penso che il rapporto trascuri di menzionare quanto sia fondamentale per molti giocatori queer poter vestire i panni di un personaggio LGBTQ personalizzato.

Baldur’s Gate 3, ad esempio, ti permette di avere una storia d’amore gay con uno qualsiasi dei suoi personaggi, di selezionare pronomi non binari e di giocare come un personaggio trans (sia i pronomi che i genitali non sono legati al tipo di corpo del tuo personaggio). Se non ho capito male, secondo la definizione di GLAAD, Baldur’s Gate 3 non è un gioco “con contenuti LGBTQ”, il che non mi sembra del tutto corretto.

Sebbene si possa discutere sul fatto che un compagno “sessuato dai giocatori” conti ancora come rappresentazione, Astarion è attratto dallo stesso genere di base, avendo frequentato, dormito e potenzialmente anche amato uomini in modo esplicito nella sua backstory.

A prescindere dalle mie personali critiche, il sondaggio in sé rappresenta non solo un grande passo avanti, ma anche un’utile risorsa per aiutarci a contestualizzare ciò che sta effettivamente accadendo nel settore: preferisco lottare con i dati piuttosto che con le polemiche e i discorsi triti e ritriti, e sono ansioso di vedere quali conversazioni ne scaturiranno.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti