Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.
Baldur's Gate 3 Lead Says Subscriptions Make It "Harder To Get Good Content"

Il responsabile di Baldur’s Gate 3 dice che gli abbonamenti rendono “più difficile produrre buoni contenuti”

Tempo di lettura: 2 minuti
Baldur's Gate 3 Lead Says Subscriptions Make It "Harder To Get Good Content"

All’inizio di questa settimana, il direttore degli abbonamenti di Ubisoft Phillipe Tremblay ha scatenato un’enorme polemica quando ha detto che i giocatori devono essere messi a loro agio nel “non possedere i propri giochi”.

Swen Vincke, responsabile di Baldur’s Gate 3 e CEO di Larian Studios, non è d’accordo e si è spinto fino a dire che “non troverete i nostri giochi su un servizio di abbonamento”.

“Qualunque sia il futuro dei giochi, il contenuto sarà sempre il re”, ha twittato Vincke. “Ma sarà molto più difficile ottenere buoni contenuti se l’abbonamento diventerà il modello dominante e un gruppo ristretto deciderà cosa immettere sul mercato e cosa no. La strada da seguire è quella della vendita diretta dagli sviluppatori ai giocatori”

Ottenere l’approvazione di un progetto alimentato dall’idealismo è quasi impossibile e l’idealismo ha bisogno di spazio per esistere, anche se può portare al disastro. I modelli di abbonamento finiranno sempre per essere esercizi di analisi costi/benefici volti a massimizzare i profitti.

Questo non dovrebbe essere una grande sorpresa per i fan di Baldur’s Gate 3. Vincke ha dichiarato il mese scorso che il gioco è in fase di sviluppo. Vincke ha dichiarato il mese scorso che il gioco non sarà disponibile su Xbox Game Pass. Pur non rimproverando coloro che utilizzano i servizi in abbonamento, affermando anzi di rispettare “l’opportunità [per molti sviluppatori] di realizzare il proprio gioco”, sostiene anche che “Siamo già dipendenti da un gruppo selezionato di piattaforme di distribuzione digitale e la possibilità di essere trovati è brutale. Se queste piattaforme dovessero passare tutte all’abbonamento, la situazione diventerebbe selvaggia”

Tremblay paragona il passaggio dai servizi di proprietà a quelli in abbonamento nei giochi a ciò che è successo con le collezioni di CD e DVD, dato che oggi molte persone si rivolgono a Netflix, Amazon, Apple e Disney Plus, solo per citarne alcuni, per i loro film.

Sostiene che Ubisoft Plus, ad esempio, ti permette di accedere ai tuoi giochi “quando vuoi”, nonostante molti servizi abbiano librerie a rotazione, come Game Pass, che ha appena perso Grand Theft Auto 5.

Affidarsi esclusivamente ai servizi in abbonamento è anche un grosso rischio per la conservazione dei giochi. Se un titolo solo digitale dovesse essere ritirato dai negozi e dai servizi, non sarebbe più disponibile per essere giocato legalmente. Con le copie fisiche, i giochi strappati dai negozi online possono almeno essere conservati e continuare a essere giocati. Basti pensare al gioco Deadpool che continua a vivere nel mercato dell’usato.

Quindi, mentre Tremblay sostiene che il passaggio dalla proprietà agli abbonamenti “è naturale”, Vincke afferma che “non è proprio il caso di farlo”.

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti