Cerca
Close this search box.
Ken Levine's upcoming FPS Judas couldn't look more like BioShock 4 if it had a lighthouse, a man, and a city

Il prossimo FPS di Ken Levine, Judas, non potrebbe assomigliare di più a BioShock 4 se avesse un faro, un uomo e una città

Tempo di lettura: 2 minuti
Ken Levine's upcoming FPS Judas couldn't look more like BioShock 4 if it had a lighthouse, a man, and a city

EaMKvRFyYM9mXwy7KASrM6
Nell’ultimo State of Play di Sony è stato presentato un trailer di Judas, lo sparatutto in prima persona di Ghost Story Games in fase di sviluppo da tempo. Sul serio, questo gioco è in lavorazione dal 2017, quando Take-Two ha chiuso Irrational, mentre Ken Levine e una manciata di altri sviluppatori si sono uniti per formare Ghost Story Games.

Il trailer si apre su un’astronave chiamata Mayflower. Le probabilità che Ken Levine inserisca una sottile satira sugli Stati Uniti e sul destino manifesto sono sempre state alte, e una delle location principali che vediamo è un parco a tema del selvaggio West. Sembra che i nemici principali siano mascotte animatroniche, tra cui droni con treni a vapore, cowboy a cavallo e un cuoco meccanico con una sega al posto del braccio.

Il protagonista li sconfigge con un mix di armi da fuoco e di plasmidi decisamente non plasmatici, che sembrano piuttosto divertenti. Uno è un lazo energetico, un altro evoca delle seghe e un altro ancora lancia l’elettricità e ti dà anche una comoda radiografia della mano. Sembra che a un certo punto le vengano ricostituite le braccia, quindi forse c’è un equivalente della Vita-Chamber anche in Judas.

I dettagli della trama sono difficili da capire da un’occhiata così breve, ma sembra che ci sia una sorta di società di sorveglianza orwelliana gestita da una “Big Three”, e che noi abbiamo in qualche modo tradito e fatto saltare il loro sistema: i cittadini comuni hanno slogan sulle loro magliette come “Ho svergognato Judas” e a un certo punto una donna arrabbiata tiene ferma la protagonista e le dipinge con lo spray una J sulla maglia. Anche l’astronave non sembra in buone condizioni, ma a quanto pare l’unico modo per uscirne è stringere un’alleanza con almeno uno dei Tre Grandi.

Le probabilità che ci siano Grandi Scelte Morali e audiologhi sono tanto alte quanto quelle che ci siano più scene in cui la musica d’altri tempi viene accostata a una scena in cui non ti aspetteresti di sentirla. Judas sembra sempre più simile a Shock più lo vediamo.

Questo trailer indica che Judas è “In fase di sviluppo per PS5”, ma dato che ha una pagina Steam sappiamo che prima o poi arriverà su PC.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti