Cerca
Close this search box.
The Terminator

I bot rappresentano ora la metà del traffico internet globale e i “bot cattivi” quasi un terzo

Tempo di lettura: 2 minuti
The Terminator

Consideralo un’ulteriore prova dell’imminente scomparsa della civiltà, insieme al clima, ai grandi modelli linguistici e all’implementazione sempre più onnipresente della virgola di Oxford. Ora si apprende che quasi la metà di tutto il traffico internet è rappresentato dai bot.

Questo secondo il Bad Bot Report 2024 di Imperva, azienda specializzata in cybersicurezza, pubblicato da SecurityBrief. Il dato principale è che i bot rappresentano il 49,6% di tutto il traffico internet. Probabilmente ancora peggiore è il 32% di tutto il traffico associato ai cosiddetti “bot cattivi”

“I bot sono una delle minacce più pervasive e in crescita che affliggono ogni settore. Dal semplice scraping del web all’acquisizione di account malevoli, allo spam e al denial of service, i bot hanno un impatto negativo sui profitti di un’organizzazione”, ha dichiarato Nanhi Singh, General Manager, Application Security di Imperva, presumibilmente con un sospiro apatico e sconfitto.

Imperva ha riscontrato che il traffico di bot nocivi varia in modo abbastanza significativo a seconda della zona geografica. Ad esempio, l’Irlanda è in cima alla classifica con il 71%, la Germania con il 67,5% e il Messico con il 42,8%. Non è chiaro se questo significhi che il 71% di tutto il traffico internet irlandese è costituito da bot cattivi o piuttosto che il 71% del traffico bot irlandese è cattivo. Per essere sicuri (scusate), si tratta di un sacco di bot cattivi.

Inoltre, noi giocatori non siamo stati lasciati fuori dal divertimento. Infatti, secondo Imperva, la prevalenza del traffico di bot all’interno del gioco è stata ritenuta la più grande tra tutti i “settori” con il 57,2% del traffico. Forza, noi! Detto questo, Imperva non ha analizzato il rapporto tra bot buoni e cattivi nel settore del gaming.

I bot per la vendita al dettaglio hanno raggiunto appena il 24,4% del traffico, mentre quelli per i viaggi hanno rappresentato il 20,7% del traffico di questo settore e i servizi finanziari sono stati relegati nella categoria degli umani da provare e da assimilare con appena il 15,7% del traffico.

Imperva ritiene inoltre che i bot cattivi “avanzati”, che si dice siano in grado di imitare il comportamento umano e di eludere le difese, siano più comuni nei siti web di legge e amministrazione, intrattenimento e servizi finanziari.

Tutto ciò significa che la narrazione generale è una piaga di bot in tutte le nostre case. “Con l’introduzione di un numero sempre maggiore di strumenti abilitati all’intelligenza artificiale, i bot diventeranno onnipresenti. Le organizzazioni devono investire in strumenti di gestione dei bot e di sicurezza delle API per gestire la minaccia del traffico automatizzato dannoso”, ha aggiunto Nanhi Singh di Imperva.

Tutto ciò è piuttosto deprimente se si considera l’impronta energetica di Internet nel suo complesso e quindi tutti i megawattora consumati dai bot cattivi che ci inseguono e si addestrano l’un l’altro in giro per Internet su terribili contenuti generati dall’intelligenza artificiale.

Cosa si possa fare esattamente per risolvere tutto questo è una questione aperta. È allettante, e piuttosto ironico, appellarsi all’intelligenza artificiale come potenziale soluzione a tutti i cattivi bot e ai contenuti insensati. Ma questo sembra piuttosto circolare e a somma zero, una battaglia di intelligenza artificiale che sembra poter finire solo in un modo. Sì, quella terra desolata post-apocalittica e un mucchio di teschi.

O forse questo è un po’ pessimista e tutto ciò che dobbiamo fare è curare meglio le nostre password, evitare di cliccare su link poco raccomandabili e andarci piano con i social. Discuti della teoria della morte di Internet nei commenti qui sotto.

Leggi di più su www.pcgamer.com

Potrebbero interessarti