Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Hi-Fi Rush su PS5 e la storia multipiattaforma di Xbox fino ad ora

Tempo di lettura: 5 minuti

Hi-Fi Rush è arrivato di recente su PlayStation 5 e, per quanto possa essere controversa l’idea di Xbox di diventare “multi-plat” in qualche modo, la strategia finora adottata è valida. I titoli di basso profilo, che non sono esattamente dei tripla A, possono trovare nuova linfa vitale sulle console concorrenti. Dare a titoli come Hi-Fi Rush una maggiore possibilità di trovare un pubblico più vasto non può che essere un bene per i giochi stessi e, allo stesso modo, potrebbe anche contribuire a far conoscere la piattaforma Xbox e ciò che offre a un pubblico più ampio. Tuttavia, Microsoft deve agire con cautela per ovvie ragioni e una combinazione di bug, problemi tecnici e piccoli errori sono preoccupanti. In alcuni casi, le versioni PS5 ricevono funzioni in anticipo rispetto a Xbox Series X e, nel caso di Hi-Fi Rush, c’è una sorta di aggiornamento grafico minore sulla macchina Sony.

Trasferendo i giochi esclusivi di Xbox su PlayStation 5, le opportunità sono grandi, ma ritengo che Microsoft si stia muovendo su una linea sottile ed è fondamentale che lo faccia nel modo giusto. Abbiamo notato una serie di problemi con questi giochi, almeno inizialmente, in cui le versioni PS5 offrono vantaggi rispetto alle controparti Xbox. L’entità di questi vantaggi varia da gioco a gioco, dall’irrilevante al curioso fino a qualcosa di più preoccupante, ma credo che il punto che vogliamo sottolineare è che quando l’idea di Xbox di diventare multipiattaforma è così controversa, probabilmente dovrebbero fare un lavoro migliore.

Microsoft commercializza la Xbox Series X come la console di gioco più potente sul mercato, quindi l’idea che i suoi titoli per PS5 siano in qualche modo migliori o anche solo leggermente migliorati rispetto alle versioni Series X non è lo stato delle cose preferito. Sicuramente le esclusive first-party dovrebbero offrire una completa parità, o addirittura un’esperienza migliore, su quella che Microsoft ha commercializzato come la console più potente del mercato.

 

Concentrandoci su Hi-Fi Rush oggi, abbiamo notato qualcosa di insolito. Per la maggior parte, PS5 riceve una copia carbone del gioco esistente della Serie X, come è giusto che sia. Le texture, il filtro anisotropico e i dettagli del mondo sono identici. Tuttavia, la qualità delle ombre su PS5 è migliorata rispetto alla versione originale Xbox Series X. Non si tratta di un caso isolato: si applica a tutte le ombre dinamiche del gioco che comprendono ambienti e personaggi.

La risoluzione più elevata delle ombre su PS5 consente una definizione più precisa delle ombre sui dettagli più fini, senza l’aliasing e la pixellatura che si riscontrano nella Serie X, il che di per sé rappresenta un miglioramento rispetto all’impostazione delle ombre della Serie S. Per essere chiari, questa è l’unica differenza tangibile tra la Serie X e la sua controparte Sony. Per il resto, entrambe eseguono Hi-Fi Rush a 60 fotogrammi al secondo, con occasionali cali di un fotogramma su ciascuna di esse che non influiscono sul gioco. Le prestazioni della PS5 non sono assolutamente penalizzate dalle impostazioni delle ombre più alte: la lettura è la stessa a 60 fps della Serie X.

Il fatto che ci sia questo o qualsiasi tipo di vantaggio sulla versione PS5 è, in linea di principio, molto strano e molto probabilmente una svista. Su PC, a impostazioni massime, il risultato è lo stesso di Series X, sia che si tratti della versione Game Pass che di quella Steam. Utilizzando Unreal Engine Unlocker, scopriamo che l’impostazione delle ombre è già al massimo su PC – ma è comunque vero che questo elemento su PlayStation 5 offre una qualità superiore. Ci permettiamo di dire che questo problema può essere risolto abbastanza facilmente e, a prima vista, forse è una piccola birra, ma questo non è un caso isolato in cui un titolo first-party di Microsoft non è all’altezza della versione PlayStation 5.

Gestisci le impostazioni dei cookie

Tutto è iniziato con Ghostwire: Tokyo, uscito su Xbox un anno dopo la sua precedente esclusiva temporale con PlayStation 5. A questo punto, Tango Gameworks era uno studio first-party di Xbox e tuttavia, nonostante l’anno in più per lavorare sulla versione Series X (in arrivo nell’aprile del 2023), il gioco era tangibilmente peggiore della versione PlayStation 5 esistente. Ancora oggi, eseguendo nuovi test sulle modalità di prestazione di ciascuna versione utilizzando le loro uscite ad alta frequenza di fotogrammi a 120Hz, PS5 ha ancora un visibile vantaggio in termini di frequenza di fotogrammi e la differenza è di ben 10 fotogrammi al secondo. Era così allora ed è così anche oggi.

Allo stesso modo, i riflessi in ray-tracing della modalità qualità sono ancora di qualità superiore su PS5 in tutte le strade piovose. Inoltre, i problemi di ombre disallineate sulla Serie X evidenziati nella recensione tecnica originale di DF non sono ancora stati risolti. Ancora una volta, questo accade nonostante l’anno in più di sviluppo per Xbox e l’anno in più trascorso dall’arrivo del porting. Non è un messaggio corretto per il pubblico di Xbox. Sulla carta, la Serie X è la macchina più potente, Microsoft l’ha commercializzata come tale, quindi è importante che i suoi porting per Xbox siano all’altezza.

Sono emersi anche altri problemi, più facilmente evitabili, come il lancio di Pentiment su PlayStation 5 con una modalità a 120Hz che non era presente su Xbox Series X. Siamo chiari: i 120fps non sono esattamente una caratteristica essenziale visto il tipo di gioco di Pentiment. i 60fps vanno benissimo. Tuttavia, si tratta di una funzionalità della PS5 che semplicemente non era presente nella Xbox Series X per tutto l’anno precedente. I sistemi Xbox funzionavano tutti al massimo a 60fps e la sua assenza sull’hardware Microsoft è stata descritta come un bug. Fortunatamente, dopo il lancio del gioco su PS5, la modalità a 120Hz è stata inserita anche nella Serie X e ha ottenuto lo stesso supporto a 120Hz. Il gioco funziona proprio come ci si aspetterebbe: si adatta alla PS5 con gli stessi piccoli e impercettibili blips. Curiosamente, la sequenza della schermata del titolo, che è impegnativa e fa scendere le prestazioni ben al di sotto dei 120 fps su PS5, mostra un vantaggio per Series X.

 

Ghostwire: Tokyo è stato lanciato su Xbox dopo l’acquisizione di Bethesda da parte di Microsoft, quindi è stato sorprendente vedere che, nonostante l’anno di attesa, il gioco non era così buono su Series X come su PS5… e non è cambiato nulla dalla nostra recensione dell’anno scorso.

I cali sono una sorpresa visto che si tratta di un’avventura a scorrimento laterale basata su Unity e guidata da dialoghi in stile 2D. Ma il risultato è che Xbox sfrutta al meglio la nuova modalità a 120Hz. Tuttavia, nell’atmosfera controversa che circonda i piani multipiattaforma di Microsoft, l’intero episodio è un po’ un passo falso a livello di pubbliche relazioni e non possiamo non chiederci perché questo problema, o quello dell’ombra di Hi-Fi Rush, non siano stati affrontati durante il periodo di garanzia della qualità. Speriamo che, come per il problema dei 120Hz di Pentiment, anche le discrepanze delle ombre riscontrate in Hi-Fi Rush vengano risolte.

Al di là delle sviste e dei bug, le differenze di frame-rate potrebbero essere dovute all’ambiguità su quale console offra effettivamente le prestazioni migliori. Dopo tutto, tre anni e mezzo di confronti tra le piattaforme di Digital Foundry non hanno mostrato un chiaro vincitore: alcuni giochi hanno prestazioni migliori di altri su entrambi i sistemi. Tuttavia, dato che Microsoft ha portato altri sviluppatori sotto la sua bandiera first-party, ha senso assicurarsi che le versioni Xbox siano performanti e complete sotto ogni aspetto come quelle PlayStation 5.

È inoltre fondamentale che Microsoft mantenga la reputazione che Xbox è il posto migliore per giocare ai propri giochi, soprattutto perché sembra chiaro che un numero maggiore di persone passerà da Xbox a PlayStation a tempo debito. A questo proposito, presto vedremo altri titoli Xbox arrivare su PlayStation 5: Grounded di Obsidian e Sea of Thieves di Rare. Come Hi-Fi Rush, sono entrambi titoli Unreal Engine 4 e sarà interessante vedere come si tradurranno.

Per il momento, però, tutto ciò che conta è Hi-Fi Rush e, a prescindere dalla piattaforma su cui lo giocherai, rimane un’uscita eccezionale che ti consigliamo vivamente. È entrato nella mia top five di fine anno per il 2023 per una buona ragione: è un gioco costruito a ritmo: i combattimenti, i passi del nostro protagonista Chai e l’ambiente sono tutti sincronizzati con il ritmo. Più sincronizzi i tuoi attacchi con il ritmo, più potenti diventano le tue combo – ed è un’idea che si fonde magnificamente con lo stile in cel-shading e con i tempi comici perfetti delle sue cut-scene. Vedere un gioco che esplode con così tanto fascino, colore e umorismo è estremamente rinfrescante e spero che aprendo il gioco a un pubblico ancora più ampio su PS5, riceva ancora di più il successo che merita.

Leggi di più su www.eurogamer.net

Potrebbero interessarti