Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Gli MMO si scontrano: un fan ricrea RuneScape utilizzando gli asset di World of Warcraft e, dopo 9 mesi di lavoro, si sta avvicinando a una vera e propria versione alpha

Tempo di lettura: 2 minuti

Un appassionato di MMO di eccezionale talento ha lavorato a quello che potrebbe essere il progetto di mashup definitivo, ricreando RuneScape un po’ alla volta utilizzando le risorse di World of Warcraft. Non solo è davvero impressionante, ma il creatore ha intenzione di renderlo giocabile e la build alfa è più vicina di quanto ci si possa aspettare.

World of RuneScape è il prodotto di nove mesi di lavoro del creatore di YouTube WoRS. Il creatore ha condiviso aggiornamenti sui progressi del progetto nel corso del tempo, lavorando sulla base dei feedback forniti dai suoi fan e, sebbene ci sia ancora del lavoro da fare, è arrivato al punto in cui pensa di essere “probabilmente a circa un mese dall’alpha, forse due al massimo” Il loro video più recente dura oltre 40 minuti e mostra tutto ciò che hanno creato finora.

“Le cose stanno procedendo molto bene! Non vedo l’ora di poterlo giocare con tutti e vedere se piace a tutti”, affermano nella descrizione dell’ultimo video.

Per quanto riguarda l’effettivo lancio del server di gioco, su World of RuneScape Discord, il creatore dichiara: “Non c’è ancora una data stabilita, ma il periodo previsto è quest’anno!” Non è ancora chiaro dove sarà ospitato, ma si prevede che “molti” giocatori saranno in grado di collegarsi simultaneamente “poiché questo server funziona con il motore di WoW ed è più che in grado di sopportare carichi elevati”

Inoltre, i creatori del progetto hanno chiarito che “non hanno intenzione di rendere questo gioco un gioco a pagamento” Nel loro ultimo video, spiegano che: “Questo è un progetto di grande passione per me, ho amato entrambi i giochi per tutta la mia vita. […] Entrambi i giochi ritengo abbiano avuto un impatto drammatico sulla mia vita e voglio davvero dire che quei giochi hanno toccato anche molte altre vite”

I due autori fanno notare che oggi, in molti giochi, “tutto ciò che si può pensare è un pay-to-win”, ma loro “stanno facendo tutto ciò che è in mio potere per non farlo accadere” nel loro progetto.

Leggi di più su www.gamesradar.com

Potrebbero interessarti