Cerca
Close this search box.

Die In the Dungeon: Origins combina due dei miei giochi preferiti in una deliziosa formula di strategia e sono ossessionato dalla demo

Tempo di lettura: 2 minuti

Gente, avrei dovuto iniziare a scrivere questo articolo circa 20 minuti fa, ma non sono riuscito fisicamente a staccarmi dalla demo di Die In the Dungeon. Questo roguelike a turni dal nome intelligente non è ancora uscito del tutto, ma la sola demo ha dimostrato che la sua combinazione di Slay the Spire e Dicey Dungeons consumerà giorni della mia vita.

Puoi provare Die In the Dungeon: Origins gratuitamente su Steam in attesa della versione completa, che è indicata come “coming soon” e che è entrata di diritto nella mia lista dei desideri. Prima di tutto, adoro questa tendenza a rilasciare un assaggio di un gioco come demo gratuita e ricca di contenuti. In secondo luogo, questo gioco è davvero bello.

Prendi la matematica a sei facce e RNG di Dicey Dungeons e abbinala al drafting, ai combattimenti e alle reliquie di Slay the Spire e otterrai un gioco che accumulerà ore nella mia libreria Steam a un ritmo francamente allarmante. Die In the Dungeon è un gioco di strategia a turni basato sui dadi che mi ha catturato nel giro di 30 secondi.

Die In the Dungeon

Si pescano i dadi come fossero carte e si inseriscono negli spazi di un tabellone per determinare le azioni del turno. Ad esempio, posizionando un dado rosso da due, infliggerai due danni al nemico che stai prendendo di mira. Un dado verde a un tiro ti guarirà per uno, un dado blu a tre ti darà uno scudo in grado di assorbire tre danni nel turno e così via. Ogni dado avrà un nuovo valore ogni volta che lo peschi, mentre i dadi d’argento e d’oro avranno un valore più alto in base alle loro facce disponibili.

Il segreto sta nel modo in cui combini i dadi sul tabellone e nel modo in cui le parole chiave modificano le proprietà di questi dadi. I dadi pesanti rimangono sul tabellone e perdono valore a ogni turno, mentre i dadi flash si attivano nel momento in cui li piazzi, permettendoti di preparare le azioni per il resto del tuo turno.

I dadi viola di potenziamento aumentano i tiri dei dadi posizionati in altri slot e puoi anche raccogliere reliquie che potenziano determinate posizioni. Ci sono anche diverse forme di tabellone e questo ha un grande impatto su come posizionare i dadi per ottenere il massimo valore. I dadi di guarigione, ad esempio, possono essere utilizzati solo una volta per battaglia, quindi ti conviene conservarli fino a quando non potrai potenziarli in modo efficace.

In meno di un’ora, ho già preso tantissime decisioni interessanti, scegliendo le reliquie che cambiano il gioco, i dadi giusti per eliminare i requisiti di lancio negli eventi tra una battaglia e l’altra e riducendo il mio “mazzo” per migliorare la coerenza. Non lo dirò mai abbastanza: sembra proprio di giocare a Slay the Spire, uno dei migliori roguelike mai realizzati. Non saprò fino alla versione completa se riuscirà a mantenere questo ritmo di strategia aritmetica, ma Die In the Dungeon sembra davvero qualcosa di speciale.

Leggi di più su www.gamesradar.com

Potrebbero interessarti