Cerca
Close this search box.

Backpack Battles è stato un grande successo per PlayWithFurcifer, una coppia di sviluppatori di giochi indipendenti provenienti dalla Germania

Tempo di lettura: 2 minuti

Il gioco ha raggiunto un altro impressionante lancio due settimane dopo il suo lancio in Early Access.

PlayWithFurcifer ha condiviso la notizia il 22 marzo, annunciando di aver “venduto oltre 500.000 copie di Backpack Battles in meno di due settimane.” Il team ha anche rilasciato la patch 0.9.2, che ha apportato diversi aggiustamenti di bilanciamento alle classi del gioco.

L’RPG basato su battaglie automatiche ha raggiunto il traguardo dei 100 milioni in meno di due giorni dal lancio. Ci sono voluti altri 12 giorni per raggiungere il nuovo traguardo.

Come abbiamo dettagliato nel nostro articolo precedente, Backpack Battles è stato inizialmente creato come progetto secondario mentre PlayWithFurcifer stava lavorando al suo imminente roguelite Furcifer’s Fungeon. Tuttavia, le prestazioni pre-lancio del titolo sono state così forti che il team ha deciso di concentrarsi su di esso per primo. A febbraio ha superato 471.000 liste dei desideri, indicando un alto interesse dei giocatori.

Alla sua uscita in Early Access, Backpack Battles ha raggiunto oltre 36.000 giocatori contemporanei su Steam. Ciò lo rende il 15° più grande lancio del 2024 sulla piattaforma in termini di picco di giocatori contemporanei.

Guardando al conteggio dei giocatori, è anche il titolo principale nel portfolio dell’editore IndieArk, seguito da Feed the Cups (11,4k CCU), Travellers Rest (4,5k CCU), Thriving City: Song (3,7k CCU) e Peglin (3,7k CCU).

indieark games ccu

Top 10 giochi pubblicati da IndieArk su Steam per numero massimo di giocatori contemporanei (tramite SteamDB)

Attualmente Backpack Battles ha un punteggio del 94% sul negozio basato su 5.780 recensioni degli utenti. Inoltre, è debuttato al 21° posto nella classifica settimanale dei giochi più venduti di Steam, che è anche un risultato impressionante per un progetto realizzato da un piccolo team indie.

Leggi di più su gameworldobserver.com

Potrebbero interessarti