Cerca
Close this search box.

Akira Toriyama, creatore di Dragon Ball, è morto all’età di 68 anni

Tempo di lettura: 2 minuti

Akira Toriyama, creatore di manga di lunga data e artista di diversi medium, è morto a 68 anni. Secondo la casa di produzione Bird Studio, è morto all’inizio di marzo a causa di un ematoma subdermico acuto.

“Vi comunichiamo questa triste notizia, con la gratitudine e la gentilezza che ha dimostrato durante la sua vita”, ha scritto Bird.

Bird ha poi chiesto che nessuno invii fiori o regali di condoglianze e che nessuno faccia visita alla famiglia Toriyama in questo momento. Non è ancora stata decisa una cerimonia pubblica per l’artista scomparso.

Nato il 5 aprile 1955, l’opera più nota di Toriyama è la serie Dragon Ball. Il manga, iniziato nel 1984, ha dato vita a numerosi sequel e a un franchise multimediale che comprende anche videogiochi, alcuni dei quali sono stati sviluppati da lui stesso.

Già prima di allora, Toriyama era stato reclutato dal suo editore Kazuhiko Torishima come character designer per Dragon Quest di Square Enix . Divenne un punto fermo del franchise e disegnò anche altri RPG di Square come Chrono Trigger e Blue Dragon.

Oltre a Dragon Ball, altre opere di Toriyama come Dr. Slump e Sand Land sono diventate franchise multimediali a sé stanti. Ad aprile uscirà un videogioco di Sand Land.

La portata globale di Toriyama è stata così grande che la sua influenza si ritrova in quasi tutti gli spettacoli moderni. C‘è un po’ di Dragon Ball in tutti i manga e gli anime shonen, per non parlare dei giochi non-DB come Prince of Persia: The Lost Crown.

La storia di Dragon Quest va di pari passo con i disegni di Toriyama”, ha scritto il creatore della serie Yuji Horii. Lui e [il compositore] Koichi Sugiyama sono stati compagni che hanno lavorato a Dragon Quest con me per molto tempo”

“Non so cos’altro dire. È una cosa davvero, davvero spiacevole”

Gli ultimi lavori di Toriyama includono il gioco Sand Land e l’anime Dragon Ball Z Daima di quest’anno. Gli sopravvivono la moglie Yoshimi Katō, la figlia Kikka e il figlio

Leggi di più su www.gamedeveloper.com

Potrebbero interessarti