Da ormai diversi anni Microsoft si sta muovendo a grandi passi per proporre e migliorare sempre di più i propri servizi. Con Xbox Game Pass ha saputo costruire un ecosistema che sta permettendo alla compagnia di dare agli appassionati un catalogo di giochi dall’incredibile varietà, comprendendo anche le esclusive fin dal day one ad un prezzo molto allettante. Oltre a questo c’è anche xCloud, il servizio di cloud gaming che ha debuttato ufficialmente su dispositivi mobile giusto lo scorso settembre.

Sebbene xCloud sia ancora relegato ai piccoli schermi degli smartphone e dei tablet Android, l’obbiettivo di Microsoft è quello di espandere questo tipo di servizio in futuro. Proprio di recente la redazine di Windows Central ha effettuato i primi test per provare il servizio di cloud gaming targato Microsoft anche su PC. Il tutto è stato fatto utilizzando il client su PC, e attingendo alla libreria di giochi dell’altro servizio già ben rodato Xbox Game Pass.

Come è possibile vedere nel video realizzato dai ragazzi di Windows Central, sono stati provati diversi giochi così da mettere alla prova xCloud anche su PC. Tra questi titoli appaiono nel video la The Halo Master Chief Collection, ma è possibile spaziare su tutta la libreria già presente all’interno del servizio Xbox Game Pass, compreso il neo-entrato catalogo EA Play; esattamente come già accade su mobile.

Anche se per il momento sembra non esserci la possibilità di aumentare la risoluzione oltre i 720p, i primi risultati emersi da questo test ci confermano l’assenza di latenza nei vari imput di comandi o nelle immagini che vengono trasposte su schermo; e già questo è un ottimo risultato. Cosa ne pensate di questi primi test sul client xCloud per PC? Vi aspettate che presto il servizio di cloud gaming Microsoft possa debuttare pubblicamente su PC?

Per interagire con xCloud sui dispositivi mobile vi serve un controller Xbox One/Xbox Series X|S. Li potete acquistare su Amazon ai seguenti indirizzi: controller Xbox One, controller Xbox Series X|S.

[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi