John Linneman di Digital Foundry ha parlato attraverso Twitter di Xbox Series X/S e di quello che, secondo lui, è un grosso limite delle console di Microsoft.

Stando a Linneman, infatti, le nuove Xbox senza una connessione internet possono essere paragonate a dei “fermacarte” e, proprio per questo, sarebbe necessario un cambio.

Ovviamente, le parole dell’esperto di DF hanno subito acceso la discussione in rete, con alcuni che hanno sottolineato come in realtà Microsoft abbia voluto in qualche modo introdurre quel concetto molto criticato alla presentazione di Xbox One, ovvero l'”always online”.

Tuttavia, ci sono delle differenze con quanto pensato dal colosso di Redmond all’epoca di Xbox One, in quanto i giochi dovrebbero partire lo stesso anche senza connessione, ma alcuni, come John Linneman, credono che ci siano delle limitazioni.

Nello specifico, Linneman parla di una connessione obbligatoria per la corretta configurazione della console e senza una connessione non sarà possibile completare il primo avvio. Anche per quanto riguarda l’SSD, la connessione è necessaria per la formattazione, il che potrebbe influire sulla rivendita o riparazione dei sistemi.

L’esperto di DF, guardando al futuro ed essendo un appassionato di retrogaming, pensa già ai possibili problemi che potrebbero venire a galla quando chi, come lui, vorrà rimettere mano a Xbox Series X/S tra parecchi anni, quando i server delle console saranno messi offline.

E’ il 2021 ma quando sarà il 2051, questo diventerà improvvisamente un problema. Molti di noi amano i giochi classici e usano regolarmente hardware di 30-40 anni. Non c’è motivo per non consentire la configurazione e la riproduzione offline“.

Ovviamente, il problema più grande rimane per chi non ha a disposizione una connessione al momento della configurazione della console.

Il problema qui è che le console Xbox sono come dei fermacarte senza Internet. NON FUNZIONERANNO. Non è possibile acquistare un nuovo sistema e utilizzarlo senza connessione. Questo dovrebbe cambiare“.

Fonte: Twitter 1Twitter 2.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi