La convinzione che una console abbia successo a causa del numero di videogiochi esclusivi che offre è ancora una volta un argomento di discussione nella community del gaming, dopo che James Gwertzman, Cloud Gaming Manager di Microsoft, ha sottolineato che i videogiochi esclusivi non sono la soluzione migliore nel settore.

Durante un’intervista, Gwertzman ha fatto riferimento alla strategia di Microsoft per quanto riguarda il cloud gaming e come tale tecnologia offrirà una maggiore accessibilità ai giocatori, cogliendo inoltre l’occasione per dire la sua sulle esclusività. Secondo il responsabile del Cloud Gaming, questi tipi di progetti non influenzano solo le decisioni dei giocatori: la maggior parte degli studi non desidera creare titoli per una singola console, poiché l’obiettivo è che i videogiochi vengano pubblicati su tutte le piattaforme possibili, in modo che possano raggiungere un numero maggiore di giocatori.

Lo sviluppatore medio di giochi non vuole che la loro creazione avvenga per un’unica piattaforma. Lo sviluppatore di giochi medio vuole essere su ogni dispositivo su cui si trovano i giocatori. Vogliono sia una versione mobile che una versione console“, sottolinea Gwertzman. Il dirigente Microsoft ha concluso l’intervista con la seguente dichiarazione: “I produttori di console a volte vogliono l’esclusività perché vogliono che la loro console sia speciale, migliore o qualsiasi altra cosa, ma no, non pensiamo che questa sia la risposta. Siamo stati abbastanza aperti nel tentativo di supportare esperienze multipiattaforma“.

series

Che cosa ne pensate di questa dichiarazione? Siete d’accordo? Fatecelo sapere nei commenti.

Fonte: GameRant

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi