Xbox Series S è stata al centro di molte discussioni fin dal momento in cui è stata svelata per la prima volta, se non ancora prima. La console offre un’alternativa sorprendentemente economica rispetto a Series X, ma il prezzo più basso porta con sé delle specifiche notevolmente ridotte. Molti hanno affermato che le specifiche inferiori della console si riveleranno “dannose” a lungo termine, specialmente per gli sviluppatori multipiattaforma che dovranno costruire tutti i loro giochi pensando a una macchina con specifiche basse, altri hanno insistito sul fatto che non sarà così e che la console è una macchina molto capace.

Un altro sviluppatore che rientra in quest’ultimo campo è Tommy Refenes, co-creatore di Super Meat Boy e lead designer del suo sequel, Super Meat Boy Forever. Parlando di recente in un’intervista con GamingBolt, Refenes ha affermato che sebbene la console sacrificherà la qualità dell’immagine in alcune aree, avere giochi in esecuzione a 1440p e 60 FPS (che è il target della console) è ancora un ottimo affare, e che Xbox Series S diventerà troppo debole da non essere in grado di tenere il passo con le esigenze dello sviluppo quando l’attuale generazione di console si avvicinerà alla fine.

Sì, penso che lo farà“, ha detto Refenes, quando gli è stato chiesto se Xbox Series S riuscirà a far girare giochi next-gen impegnativi. “Voglio dire, potresti avere un po’ di effetti in meno, alcune ombre non perfette, meno pozzanghere e cose del genere, ma nel complesso avere un gioco che gira a 1440p a 60FPS è fantastico. Potrebbe esserci una differenza più marcata tra 5-8 anni, ma immagino che a quel punto anche Series X e PS5 si avvicineranno alla fine del loro ciclo vitale, se non saranno già state messe in ombra dalle rispettive versioni più potenti e migliori.”

xbox_series_s_image_5_768x432

La stessa Microsoft sembra avere molta fiducia in Series S e il boss di Xbox Phil Spencer ha affermato che la società si aspetta che Xbox Series S sia il modello Xbox Series di maggior successo a lungo termine.

Che ne pensate?

Fonte: Gamingbolt.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi