Cerca
Close this search box.

Xbox potrebbe essere in “guai seri” come produttore di hardware, secondo il capo di GamesIndustry.biz Christopher Dring

Tempo di lettura: 2 minuti

E alcuni editori di terze parti si chiedono se valga la pena fare versioni dei loro giochi per la console di Microsoft.

Report: Xbox potrebbe essere in "guai" come produttore di console, con le sue vendite in Europa "stagnando"

Dring ha condiviso le sue osservazioni nel podcast GI Microcast dopo aver parlato con vari editori di giochi alla GDC la scorsa settimana.

“Ho sentito da un’azienda molto importante e una non così importante – le prestazioni di Xbox in Europa sono semplicemente stagnanti,” ha detto (grazie a VGC). “Potete seguire la nostra copertura mensile nel mercato dei giochi e potete vedere che le vendite di Xbox stanno diminuendo, e sono diminuite per tutto l’anno scorso e stanno diminuendo ancora di più quest’anno.”

Secondo i dati del GSD, le vendite di Xbox Series X|S in Europa sono diminuite del 47% anno su anno a febbraio. Anche PlayStation 5 e Nintendo Switch hanno registrato cali, ma non così drammatici, con le loro vendite rispettivamente in calo del 2% e del 17% anno su anno.

Come risultato, alcuni editori di terze parti si stanno chiedendo se rilasciare i loro giochi sulla piattaforma Xbox sia sostenibile dal punto di vista commerciale. Un’azienda ha detto a Dring che sta “mettendo molto impegno” per realizzare le versioni di Series S e X del loro gioco, ma “per noi il mercato è PC e PS5.”

“Non capisco perché abbiamo sostenuto questo,” ha detto un’altra azienda che ha rilasciato un grande gioco l’anno scorso.

Per Microsoft, l’hardware della console è solo una piccola parte del suo business, e ha investito molto nella sua strategia di contenuti multi-piattaforma per tutta questa generazione. Ma Dring crede che l’azienda debba assicurarsi che abbia senso per i partner di terze parti continuare a rilasciare i loro giochi su Xbox.

All’inizio di quest’anno, Microsoft ha anche annunciato i suoi piani di portare quattro giochi first-party su PS5 e Switch, con Pentiment e Hi-Fi Rush già rilasciati. Anche se non ci sono piani ufficiali per altri giochi, alcuni esperti del settore ritengono che l’azienda potrebbe alla fine seguire con più porting. E questa strategia è qualcosa che gli editori di terze parti dovrebbero prendere in considerazione.

Dring ha anche condiviso cosa pensano le aziende videoludiche del prossimo PS5 Pro, dicendo che “non ha incontrato una sola persona che ne capisse il senso.” Il problema principale è che gli sviluppatori non sembravano aver bisogno della nuova versione dell’hardware di Sony, poiché “non stavano realmente sfruttando al massimo il PS5 in primo luogo.”

Leggi di più su gameworldobserver.com

Potrebbero interessarti