Come vi abbiamo riportato recentemente, una presentatrice di Xbox Brazil è stata da poco licenziata, dopo due mesi di molestie subite dai membri della community brasiliana. Parliamo di Isadora Basile, aggredita sui social con minacce di morte e stupro. La donna, spiegando sui social l’accaduto, ha affermato che Microsoft ha deciso che la migliore soluzione era cessare ogni rapporto con lei, per assicurarsi che non fosse più esposta a situazioni di tal tipo.

Basile ha inoltre affermato di “rispettare la decisione presa da Microsoft”. La donna non ha quindi mosso alcun tipo di accusa contro Microsoft e ha anzi concordato con questo “licenziamento”. Pare però che Microsoft non sia d’accordo con quanto detto dalla presentatrice.

Isadora Basile Xbox BR

Tramite IGN USA, Microsoft US e Microsoft Brazil affermano: “Non tolleriamo le molestie e i comportamenti irrispettosi di qualsiasi tipo e abbiamo agito per supportare Isadora quando gli attacchi alla sua persona ci sono stati segnalati. I cambi di programmazione della scorsa settimana non erano però legati a quanto avvenuto.”

I cambiamenti sono il risultato diretto di uno sforzo atto a raggiungere giocatori in più lingue, con notizie in tempo reale e informazioni disponibili attraverso Xbox Wire”.

In sostanza, Microsoft afferma che le molestie subite da Isadora sono solo una (terribile) casualità. Il licenziamento della presentatrice era in pratica già stato deciso. La donna non ha affermato questo, però.

La situazione non è chiara, ma, anche considerando la dichiarazione di Microsoft come corretta, non possiamo dimenticare che Xbox Brazil è stata più volte al centro di accuse. La community ha infatti minaciato di morte anche Mariana Ayres, precedente host. Inoltre, per lungo tempo Microsoft ha mantenuto contatti con Mil Grau, YouTuber noto per la sua retorica razzista e sessista: solo quest’anno la società ha chiuso ogni contatto con lui e altri YouTuber che mantenevano comportamenti simili.

Potete trovare Xbox Series X | S su Amazon Italia.

[…]Leggi di più su www.tomshw.it

Rispondi