Grazie all’acquisizione di Zenimax e di tutti i suoi studi interni, fra cui Bethesda e id Software, Microsoft ora possiede un potere first-party di incalcolabile valore, qualcosa che potrebbe far pendere l’ago della bilancia verso Xbox Series X/S nel corso dei prossimi anni.

I piani a lungo termine di Xbox sono tutt’ora ignoti, ma l’acquisizione ha già avuto una conseguenza immediata per i giocatori: l’approdo su Xbox Game Pass di tutti i principali giochi del publisher in questione, come la serie Elder Scrolls, Dishonored, Doom e altri, per un totale di 20 titoli.

Grazie a queste new-entry, ora il servizio Game Pass di Microsoft è diventato ancora più ricco e goloso di quanto non fosse prima. Stiamo parlando di una libreria composta da ben 533 titoli, come calcolato da un utente di Resetera.

Nel caso vi interessasse anche la disponibilità per piattaforma, abbiamo 376 titoli per console Xbox, 252 per PC e 226 su cloud. Ovviamente, molti di questi titoli sono disponibili su più di una piattaforma.

game_pass

Il servizio in abbonamento di Microsoft ha conquistato rapidamente il cuore di molti giocatori, alcuni dei quali hanno perfino abbandonato l’idea del retail e dell’acquisto dei giochi singoli, per abbracciare il “futuro” di Xbox. Che l’arrivo dei giochi Zenimax possa attirare nuovi utenti, anche solo in preparazione per i futuri Starfield e Elder Scrolls 6?

Qual è la vostra posizione a riguardo? Eravate abbonati Game Pass prima dell’approdo di Bethesda, oppure lo siete diventati proprio per seguire questa casa di sviluppo? Oppure, semplicemente, l’offerta non è ancora di vostro interesse?

Fonte: Resetera

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi