Nella serie Watchmen viene proposta una versione molto originale di Dr. Manhattan e Damon Lindelof e l’attore Yahya Abdul-Mateen II ne hanno svelato la genesi.

Nella serie Watchmen è stata modificata radicalmente l’identità di Dr. Manhattan, il supereroe dalla pelle blu, e Damon Lindelof e l’attore Yahya Abdul-Mateen II hanno parlato di come si è lavorato a questo dettaglio della trama.
L’attore ha infatti scoperto la vera identità del suo personaggio solo al termine delle riprese del pilot.

Damon Lindelof non aveva spiegato nelle audizioni per la parte di Cal in Watchmen che l’uomo è la creatura più potente sulla Terra. Yahya Abdul-Mateen II ha spiegato a Variety: “Tra le pagine che ho avuto per il casting è la persona più normale al mondo“.
Lo sceneggiatore ha sottolineato che insieme agli autori aveva deciso fin dalle prime fasi dello sviluppo della serie che Dr. Manhattan avrebbe dovuto nascondersi in bella vista per evitare di spiegare costantemente perché non stava usando le sue capacità quasi onnipotenti. Lindelof ha poi aggiunto: “Il fatto che Dr. Manhattan fosse un uomo di colore ha probabilmente richiesto il maggior tempo durante il lavoro degli autori rispetto a ogni altra idea. C’erano giorni che sembrava davvero problematica e altri in cui sfidare lo status quo sembrava possibile in un modo davvero interessante. Penso che il motivo per cui abbia funzionato – forse l’unico – sia stato Yahya“.

La rivelazione è stata compiuta nel penultimo episodio e l’attore ha avuto il tempo di sottoporsi a vari test per quanto riguarda il trucco. La trasformazione fisica richiedeva circa 2 ore e mezza e per quanto riguarda la voce l’attore ha svelato un dettaglio che Lindelof non sapeva prima dell’intervista: “Ho studiato le voci di uomini bianchi che consideravo iper-intelligenti, iniziando con Damon“.
Yahya ha inoltre deciso di assumere un personal trainer non appena ha saputo la vera identità del personaggio perché, conoscendo la graphic novel, sapeva che il personaggio avrebbe potuto apparire nudo ed è stato lui ad avere la decisione finale.
L’attore ha infine spiegato che la sua scena preferita è quella in cui la Angela, interpretata da Regina King, gli mostra il corpo dell’uomo in cui vorrebbe che si trasformasse per poter stare insieme senza che il mondo conosca la sua vera identità e Dr. Manhattan si trasforma senza esitazioni: “Dice qualcosa di Dio il fatto che abbia dato il potere a una donna nera“.

Leggi di più su: movieplayer.it

Rispondi