Home News Warcraft, Starcraft e ora Dungeons & Dragons! Chris Metzen sta creando un...

Warcraft, Starcraft e ora Dungeons & Dragons! Chris Metzen sta creando un mondo in D&D

Chris Metzen e Mike Gilmartin sono ex dirigenti di Blizzard Entertainment che hanno contribuito a dare vita ai mondi di Warcraft, Diablo e StarCraft. Nel 2020, dopo che Metzen ha lasciato Blizzard dopo 22 anni, ha annunciato insieme a Gilmartin una nuova società chiamata Warchief Gaming. Ora i due sono pronti per annunciare il primo progetto dell’azienda.

Insieme allo sviluppatore principale Ryan Collins, un ex game designer di Hearthstone, stanno trasformando la campagna fatta da Metzen di Dungeons & Dragons, iniziata con i suoi amici d’infanzia negli anni ’80, in una versione compatibile con la moderna 5a edizione di D&D. L’ambientazione si chiama Auroboros: Coils of the Serpent. Il primo sourcebook, intitolato Worldbook: Lawbrand, sarà portato in vita attraverso il crowdfunding.

La moderna incarnazione di D&D ha luogo nel mondo del Faerûn. È un mondo di fantasia, pieno di selvagge terre e città. Auroboros si svolge in un mondo chiamato Drastnia ed è, al contrario, molto più urbano. “Lawbrand è una confederazione di città commerciali urbanizzate“, ha detto Metzen in un’intervista. “Ci sono otto o nove di queste città commerciali, simile ad una sorta di rivoluzione industriale. Tutte le razze vivono assieme in diversi quartieri. Lavorano tutti nelle stesse fabbriche, i ragazzi frequentano le stesse scuole, c’è una chiesa dominante che sovrintende a tutto e crea coerenza e ordine in questa nuova società”.

Ma ovviamente in agguato si cela una potente magia distruttiva. “Lo stesso Auroboros è come una forza primordiale della creazione“, ha detto Metzen. “Più si usa, più ci si addentra in questo potere che è separato dalle effettive abilità di classe. Inizia a causare follia e morte“.

1
2
3
4

La campagna per Worldbook: Lawbrand inizierà il 20 aprile. Per rimanere informati potete iscrivervi alla newsletter di Kickstarter.

Fonte: Polygon

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Nessun commento

Rispondi