Cerca
Close this search box.

Ubisoft si arrampica sul carro dei roguelike con The Rogue Prince of Persia

Tempo di lettura: 4 minuti

Il Prince of Persia di Ubisoft serie sta vivendo un piccolo risveglio nel 2024, ed è tutto incentrato sull’abbracciare le radici del gioco originale. Oggi Ubisoft ha svelato un gioco sidescrolling “roguelite” del Prince of Persia chiamato The Rogue Prince of Persia , il secondo gioco con il marchio Prince of Persia ad debuttare quest’anno.

Con The Rogue Prince of Persia, lo sviluppatore Evil Empire porta la loro esperienza nello sviluppo di Dead Cells (originariamente di Motion Twin) con il respiro e il senso d’avventura della serie Prince of Persia. Il gioco seguirà anche il precedente di Dead Cells di rilasciare in Early Access, con una serie di aggiornamenti di contenuti già in programma.

In un’intervista via email con Game Developer, il game director Lucie Dewagnier e il direttore artistico Dylan Eurlings hanno condiviso i dettagli sul processo di portare la serie Prince of Persia al genere roguelike, e come il lavoro di Evil Empire su Dead Cells li ha insegnato l’importanza di attenersi a ciò che rende così divertente le classiche avventure 2D.

Rogue Prince of Persia enfatizza il platformer fluido e il combattimento rispetto agli aggiornamenti complessi.

In The Rogue Prince of Persia , assumi il ruolo del Principe titolare, erede al trono di un regno immaginario ispirato alla città persiana di Ctesifonte. A seguito di un’invasione da parte di un esercito Unno guidato da un spietato signore della guerra, il Principe cerca e fallisce nel respingere i numerosi nemici e generali che hanno invaso il regno, ma finisce inevitabilmente in battaglia.

Grazie a un misterioso manufatto in suo possesso, il Principe ritorna all’inizio della sua missione mantenendo la conoscenza dei tentativi precedenti. Utilizzando le sue esperienze e le sue abilità in crescita, il Principe sblocca nuove tattiche e abilità per mettersi sullo stesso piano dell’esercito Unno e inoltre incontrerà più dei poteri magici che popolano la terra. </ span>

Una schermata del Rogue: Prince of Persia. Il Principe scivola lungo una rampa.

Rogue  porta molte familiari caratteristiche dei roguelite da giochi come Dead Cells e Hades – le fasi generate proceduralmente, i drops casuali di bottino e un ambiente esteso che diventa più denso esplorando. Tuttavia, l’interpretazione di Prince of Persia di Evil Empire rimane fedele al focus della serie su un combattimento agile e acrobatico e un piattaforma veloce. In generale, si preoccupa meno di essere un action-RPG che si aspetta che i giocatori facciano calcoli e tengano traccia di equipaggiamenti complessi. 

Secondo il direttore artistico di Evil Empire Dylan Eurlings, The Rogue Prince of Persia si tratta di abbracciare l’originale Prince of Persia e il senso di avventura, iniettando tale spirito nel modellare di un roguelite, dove ogni sessione introduce nuove sfide di combattimento e attraversamento da superare. ”

The Rogue Prince of Persia ha le sue radici nel DNA dei precedenti Prince of Persia giochi e il team di sviluppo ha sempre tenuto in mente i pilastri del gameplay della serie che la rendono così unica: attraversamenti fluidi, iconici corse sui muri, combattimenti acrobatici e una varietà di ambienti pieni di trappole, “secondo il suo direttore artistico.” “Aggiungici un po ‘di fantasy e un bestiario unico di nemici corrotti e avrai un gioco [Prince of Persia]!”

“In The Rogue Prince of Persia i giocatori intraprenderanno un’esplorazione soddisfacente del traversamento, combinata con un combattimento ambientale veloce. Questo è ciò che rende il gioco così unico: devi essere sempre in movimento e utilizzare il tuo ambiente per muoverti e combattere i nemici. La meccanica della corsa sui muri stessi è la nostra caratteristica più unica, qualcosa che non è mai stato fatto prima nei roguelite 2D. ”

Vivere e morire (e ripetere) nell’antica Persia

Giocare a The Rogue Prince of Persia è un’esperienza unica, diversa dagli altri giochi d’azione 2D. Condivide somiglianze con l’esperienza metroidvania recente di La Corona Perduta ed è particolare per il suo focus nel mantenere fresca ogni sessione.

L’iconica corsa sul muro aggiunge una dimensione unica alle sequenze di piattaforma in continua espansione e agli incontri di combattimento. La corsa sul muro si svolge solo su sezioni del livello in cui le pareti sono segnate da impronte, ma il loro posizionamento cambia la sensazione del traversamento in un genere che normalmente si affida ai doppi salti per agire come abilità e barriere di progressione.

Il nuovo roguelite di Evil Empire sembrava molto simile a un aggiornamento del classico gioco Prince of Persia, ma con un approccio più veloce e facile da apprendere. Secondo il direttore del gioco, il loro lavoro su Dead Cells li ha insegnato l’importanza di avere un elemento di “divertimento istantaneo”, che garantisce che il loro gioco sia facile per tutti i giocatori da imparare prima di aggiungere le sfide e le prove familiari che la serie Prince of Persia è nota per.

Una schermata del Rogue: Prince of Persia. Il Principe combatte nemici in un ambiente 2D.

Leggi di più su www.gamedeveloper.com

Potrebbero interessarti