La chitarra è uno dei punti chiave dell’atmosfera e della narrazione di The Last of Us – Part II, con lo strumento musicale che, come ricorderete, veniva introdotto già nel primo episodio della saga. In questo sequel, musicato da Gustavo Santaolalla come il primo e con l’artista che a sua volta esprime pienamente la sua personalità sulla chitarra, di tanto in tanto ci troviamo in momenti in cui Ellie può suonare lo strumento, servendosi di un mini-gioco basato sul trackpad di DualShock 4.

the last of us

La particolarità è che se i meno agili di noi si limitano a seguire le note da eseguire indicate dal gioco, altri hanno imparato a suonare con precisione canzoni reali, che ricreano in-game con un livello di dettaglio impressionante.

Se, insomma, come la sottoscritta eravate felici – in quanto particolarmente negati – di essere appena riusciti a suonare correttamente nella vita reale “Nothing Else Matters” dei Metallica, sappiate che il giocatore KWFoxy l’ha invece suonata tutta. In-game. Sfruttando il trackpad di DualShock 4 e i grilletti per cambiare gli accordi.

In caso la cosa non vi facesse sentire abbastanza negati, potete anche vedere lo stesso giocatore mentre fa eseguire a Ellie “Can’t Help Falling in Love” di Elvis Presley o “Hurt” di Johnny Cash. O “Wish you were here” dei Pink Floyd, o “Zombie” dei The Cranberries.

In tutti i casi, la vostra autostima di suonatori (virtuali?) potrebbe non uscirne felicissima.

Vi ricordiamo che The Last of Us – Part II è disponibile in esclusiva PS4. Proprio oggi, il nostro Valentino Cinefra ha ragionato sui trailer promozionali che hanno anticipato la release del gioco, sottolineando l’uso fatto da Naughty Dog della comunicazione. Per la video recensione del gioco, invece, vi raccomandiamo di questo link.

Volete giocare The Last of Us – Part II? Ora potete seguire Ellie nella sua avventura approfittando di un prezzo speciale.

[…]Leggi di più su www.spaziogames.it

Rispondi