La serie tv tratta dal famoso videogame The Last of Us avrà molto di più da raccontare, come conferma lo sceneggiatore Craig Mazin.

La curiosità intorno al progetto della serie tv The Last of Us continua a crescere, vista la grande popolarità del videogame dal quale verrà tratta, e lo sceneggiatore e regista Craig Mazin ha confermato che lo show espanderà la storia raccontata nel gioco.

Rilasciato nel 2013, The Last of Us ha riscosso un grande successo tra i fan e i critici dei videogame, diventando uno dei migliori giochi di sempre. A rendere l’adattamento HBO particolarmente allettante per i fan è sicuramente la presenza di Craig Mazin, già creatore di Chernobyl, che estenderà la storia già conosciuta come ha confermato alla BBC Radio :

“Penso che i fan siano preoccupati del fatto che, quando una proprietà viene ceduta in licenza a qualcun altro, queste persone non la capiscano veramente o vogliano stravolgerla. In questo caso realizzerò la serie con la persona che ha creato il videogioco, quindi i cambiamenti che stiamo compiendo sono stati ideati per riempire le lacune ed espandere la storia, non per disfarla, ma piuttosto per arricchirla”

Oltre ad essere un fan del gioco, Craig Mazin sta lavorando a quattro mani con Neil Druckmann, vice-presidente di Naughty Dog nonché ideatore di The Last of Us, quindi la storia sarà assolutamente fedele a ciò a cui i fan si sono affezionati ma avrà qualche dettagli in più, probabilmente per renderla più televisiva. Qui potete approfondire le prime informazioni sulla serie ispirata a The Last of Us.

The Last of Us è incentrato sulla relazione tra un contrabbandiere di nome Joel e la quattordicenne Ellie, che potrebbe essere la chiave per curare la pandemia mortale che ha portato al mondo post-apocalittico che vediamo nel videogame. Assunto per far uscire Ellie da una zona di quarantena, Joel si ritrova a fare affidamento sull’adolescente tanto quanto lei fa affidamento su di lui, mentre combattono per sopravvivere nel loro viaggio attraverso gli Stati Uniti.

Leggi di più su: movieplayer.it

Rispondi