La maggior parte dei giocatori sa cosa significa acquisire particolare familiarità con un tipo di gioco: dopo aver passato tantissime ore a fare le stesse esperienze ripetitive, la percezione delle persone si espande, iniziando così a notare dettagli che a prima vista erano sfuggiti.

Lo stesso vale per Scott “AZSabre” Bender, un veterano dei videogiochi picchiaduro che ha esaminato la teoria di un altro giocatore, Alex Valle il quale ha dichiarato precedentemente che Street Fighter Alpha 2 “aiuta” i giocatori che perdono al primo round, ottenendo così un leggero buff al danno. Di recente, Bender ha riportato le sue scoperte su Twitter.

“Ho deciso di vedere se una vecchia teoria di Street Fighter Alpha 2 fosse vera“, ha detto Bender. “Il campione di Street Fighter Alex Valle ha affermato che chi perde il primo round ottiene un buff ai danni nel secondo round. Posso confermarlo, il perdente ottiene un buff al danno di un punto per colpo“. La sua tesi è avvalorata da un esempio: il personaggio Rolento ha una mossa chiamata “Patriot Circle” che causa all’avversario la perdita di 11 punti salute. Ebbene, nel secondo round il danno della stessa mossa risulta essere maggiore: questo “aiuto” consentirebbe a personaggi che usano abilità speciali di sconfiggere l’avversario in pochissimo tempo.

af

Il buff ai danni di Street Fighter Alpha 2 non è così significativo come l’X-Factor presente in Ultimate Marvel vs Capcom 3, che aumenta notevolmente i danni e la velocità di un personaggio rigenerando allo stesso tempo la salute, ma la conferma di Bender della sua esistenza è importante, anche se arriva dopo 25 anni.

Fonte: Kotaku

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi