Starfield si è finalmente mostrato alla conferenza E3 2021 di Microsoft e il director Todd Howard ha rilasciato un’intervista in cui discute dell’approccio più realistico di Starfield alla fantascienza, con un aiuto inaspettato da SpaceX di Elon Musk.

Anche se Starfield non è un allontanamento radicale dalla collaudata formula del gioco di ruolo di Bethesda – Howard afferma che Starfield sarà uno “Skyrim nello spazio” – il director ha detto in un’intervista con The Telegraph che l’approccio alla fantascienza sarà diverso dal solito.

Questo non è Star Wars o Star Trek, è una cosa a sé stante“, ha detto Howard. “E penso che man mano che mostreremo di più il gioco si ritaglierà una propria nicchia“.

Howard afferma che, nonostante questo approccio, Starfield è un gioco e non una simulazione spaziale realistica. La costruzione del mondo è stata semplicemente ispirata dalla realtà e Bethesda ha persino ricevuto aiuto dall’organizzazione Space X di Elon Musk per svolgere ricerche sul campo, “per parlare con persone che potevano vedere più lontano di quanto stavamo facendo“.

Nonostante l’approccio realistico, Starfield avrà armi e laser e diversi pianeti da esplorare e non tutto sarà vincolato dalle regole della fisica.

Starfield uscirà come esclusiva Xbox e PC l’11 novembre 2022.

Fonte: IGN.

[…]

[…]Leggi di più su www.eurogamer.it

Rispondi