Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Slave Zero X emoziona e frustra allo tempo stesso

Tempo di lettura: 4 minuti
Se ti piacciono il gore, le immagini biopunk e i sistemi di combo simili a quelli di un picchiaduro retrò, allora Slave Zero X potrebbe fare al caso tuo. Attenzione però: è un gioco duro come l'olio e in molti casi non per i motivi giusti.

Uscito un mese fa, il gioco degli esperti di vibrazioni retrò di Poppy Works mantiene un sistema di combattimento veloce e furioso e l’estetica sorprendente dello sparatutto in terza persona del 1999 per PC e Dreamcast, ma dimentica che alcune parti del passato dovevano essere lasciate alle spalle.

Gestisci le impostazioni dei cookie

Il futuro biopunk in 2.5D di Slave Zero X porta i giocatori a Megacity S1-9, dove il Sovrano Khan “governa con pugni di ferro e carne”, e nella città sottostante. La star dello spettacolo? Un guerriero vendicativo e armato di spada che intraprende un viaggio per assassinare il falso Dio con l’aiuto di un prototipo di unità slave rubato, mettendo contro di lui l’arma più potente del nemico. Questa armatura letale si presenta inizialmente come una tuta biomecha, ma presto scopriremo che è molto di più.

Sebbene la trama non sia il piatto forte di Slave Zero X, un prequel di Slave Zero, essa mantiene viva l’azione e dipinge un mondo piuttosto unico, ricco di stile e di elementi tetri. A prima vista, potrebbe sembrare la solita distopia cyberpunk, ma diventa subito chiaro che è molto di più. Se le sole vibrazioni di un gioco sono in grado di sopportare meccaniche e sistemi poco efficienti, potresti innamorarti di questo gioco.


Slave Zero X screen2

Intendiamoci, non credo che Slave Zero X sia così brutto o deludente, soprattutto perché è passato inosservato ai più e non funziona esattamente con una proprietà famosa, ma è frustrante giocare a qualcosa che potrebbe essere potenzialmente grandioso con una manciata di modifiche e rielaborazioni ben piazzate. Nel complesso, Slave Zero X svolge il suo dannato lavoro abbastanza bene e, cosa più importante, non si fa attendere troppo come gioco d’azione con personaggi arcade, ma le sue asperità ne compromettono i punti di forza in ogni momento.

I malati di picchiaduro si sentiranno a casa, dato che il gioco si controlla per lo più come un classico picchiaduro 2D, fino alle meccaniche della frazione di secondo come le parate e le schivate con i-frames che possono segnare la differenza tra la vittoria e la ripetizione di una dura battaglia contro un boss per la 20° volta consecutiva. Slave Zero X non è un Sekiro 2D, ma non ti prenderà per mano e non offre nemmeno la selezione della difficoltà. Si tratta di un’esperienza intensa con una visione chiara che vuole che i giocatori si diano da fare o muoiano.

L’equilibrio costante tra difesa e aggressività incessante è un concetto fantastico che funziona per la maggior parte del tempo: devi accumulare energia per allontanare i nemici quando la situazione si fa critica e poi attivare il succo extra per i tuoi attacchi, che garantisce anche il furto di vita. Combinando il giusto tempismo di queste azioni con una manciata di mosse avanzate che possono tenere a terra anche i nemici più forti per qualche secondo in più, di solito si ottengono grandi risultati, quindi padroneggiare le meccaniche ingannevolmente basilari è davvero la cosa giusta da fare.


Slave Zero X screen1

Si tratta di una premessa che dovrebbe essere abbastanza allettante per molti giocatori alla ricerca di una sfida retrò che sia allo stesso tempo sexy e brutale. Potresti essere stordito a morte dopo una mossa sbagliata da una banda di cyber-goon, ma al prossimo tentativo potresti affettarli e tagliarli a fette quasi senza sforzo solo perché hai fatto la giocoliera perfetta e hai continuato fino a quando non sono rimasti solo resti insanguinati. A volte può essere davvero soddisfacente.

D’altra parte, però, le caselle di collisione possono essere un po’ complicate; il platforming è un ripensamento che per lo più fa schifo; e molti incontri regolari con i nemici incoraggiano schemi ripetitivi per uscirne indenni. Ci sono delle scintille di design veramente buone, ma per la maggior parte del tempo i bei livelli in 2.5D e le solide (anche se limitate) meccaniche di combattimento fanno passare in secondo piano tutto il resto. Slave Zero X può avere un aspetto e un’atmosfera perfetti, ma spesso non sa come bilanciare al meglio i suoi incontri o rendere il gioco fluido come dovrebbe.


Slave Zero X screen3

Anche gli scontri con i boss possono essere gloriosi e impegnativi o del tutto frustranti a causa di hit box troppo generose (per i tuoi nemici) e di combo difficili da interrompere che possono prosciugare all’istante la tua barra della salute. Se a questi inconvenienti si aggiunge una quantità limitata di checkpoint in alcuni dei livelli meno brevi e un sistema di progressione basato sul denaro, decisamente macchinoso (adoro però il richiamo al Morshu di Link: The Faces of Evil), potresti abbandonare il gioco troppo frustrato per riprenderlo in mano.

Tuttavia, se ti fai coraggio e affronti gli elementi più brutti del gioco, sarai ricompensato. Sebbene la storia sia per lo più priva di senso, ci sono alcuni momenti di grande interesse per i personaggi e la costruzione del mondo (sia su schermo che in forma di testo) è a dir poco affascinante. Tuttavia, posso immaginare che molti giocatori che decidono di dargli una buona possibilità non lo vedano di buon occhio. Anche se ho battuto molti giochi difficili, Slave Zero X ha messo a dura prova la mia pazienza. Il problema è che… molti di questi momenti negativi sono dovuti al fatto che il gioco onora i peggiori elementi del gioco retrò tanto quanto i migliori, e la nostalgia e lo stile possono arrivare solo fino a un certo punto.

Slave Zero X è ora disponibile su PC (Windows), Nintendo Switch, Xbox One & Series X/S e PS4/5.

Leggi di più su www.vg247.com

Potrebbero interessarti