Cerca
Close this search box.
Cerca
Close this search box.

Returnal è un roguelike essenziale per i fan di God of War Valhalla

Tempo di lettura: 4 minuti


Come sicuramente avrai sentito ripetere nel corso dell’ultima settimana, il nuovo DLC Valhalla di God of War Ragnarok è fantastico. È molto più di quanto una modalità roguelike gratuita possa far pensare e mi associo a molti altri quando dico che non riesco a credere che questa espansione sia gratuita. Viene spesso paragonato ad Hades, l’attuale campione in carica dei roguelike, ed è facile capire perché.

Non sto facendo una distinzione tra roguelike e roguelite, questo è un argomento più fastidioso da affrontare in un altro momento. Se vuoi leggere le mie riflessioni sull’argomento, clicca qui.

Innanzitutto, si tratta di un gioco roguelike su un dio greco. Ma è l’approccio di Valhalla alla narrazione e alla progressione che crea i collegamenti più chiari con l’Ade. La storia di Valhalla, e tutte le storie minori contenute al suo interno, si svolge lentamente nel tempo, attraverso numerosi tentativi. Anche i loop sono parte integrante di questa costruzione narrativa. Kratos è alle prese con un dilemma personale, la chiamata al trono di Asgard, che si intreccia con le sue azioni passate, con le quali non vuole riconciliarsi.

Allo stesso modo, i ripetuti tentativi di Zagreus di fuggire dagli inferi nell’Ade sono al servizio dei temi generali della ribellione, della perseveranza e, infine, della conquista del rispetto dei propri genitori. Il viaggio di Zagreus è incentrato sulla ricerca della verità, in quanto scopre lentamente la storia di sua madre a ogni tentativo di fuga. In entrambi i giochi, l’anello è inquadrato come un viaggio emotivo per l’eroe, che può essere superato solo facendo i conti con il passato.

Selene sits with her helmet off in Returnal

Entrambe le narrazioni sono strettamente legate al sistema di progressione dei rispettivi giochi. Il Valhalla e l’Ade sono anche considerati esperienze più accessibili e indulgenti rispetto a quelle per cui i roguelike sono tipicamente conosciuti. Le piccole vittorie portano a cambiamenti permanenti tra i loop, che aiutano la storia a evolversi in modo più fluido senza grandi vuoti narrativi tra i tentativi falliti. Inoltre, in entrambi i giochi si guadagnano spesso potenziamenti e nuove tecniche di combattimento, il che aiuta a evitare la stagnazione. Si tratta di roguelike guidati dalle loro storie e i loro sistemi di progressione sono progettati per facilitare la migliore esperienza delle loro storie.

Ci sono forti legami tra questi giochi, ma trovo che Valhalla abbia un legame ancora più forte con un altro gioco first-party di Sony: Returnal. Non c’è stato tanto clamore per Returnal sulla scia di Valhalla, presumibilmente perché Hades è un gioco molto più popolare, ma se Valhalla ti ha colpito o ti ha convinto che ti piacciono i roguelike, Returnal dovrebbe essere la tua prossima tappa in questo viaggio infinito.

Sebbene la struttura del Valhalla abbia molti punti in comune con quella dell’Ade, è tematicamente più simile a quella del Returnal. La storia del Valhalla è un’esplorazione dell’interiorità di Kratos. Attraverso il ciclo del Valhalla, Kratos è costretto a confrontarsi con il suo passato proprio nel modo in cui si manifesta il trauma: una storia che ripetiamo a noi stessi e che assume una vita propria, modificandosi e contorcendosi a ogni nuovo racconto. Sebbene all’inizio non riconosca il Valhalla per quello che è, nel corso di diversi cicli Kratos inizia a capire che il Valhalla è una proiezione della sua psiche. È un test per vedere se è abbastanza forte da superare qualcosa di molto più potente di qualsiasi dio o mostro: il suo senso di colpa e la sua vergogna.

Come Valhalla, anche l’ambientazione del pianeta Atropos di Returnal è un’esplorazione dell’interiorità del protagonista. Si tratta di un aspetto che si sviluppa lentamente nel corso del gioco e che non viene messo completamente a fuoco fino alla fine, uno dei finali più sconvolgenti che abbia mai vissuto in un gioco. Non voglio divulgare i segreti di Returnal, perché scoprirli da soli è ciò che lo rende un’esperienza così incredibile, ma fin dall’inizio vengono presentate prove sufficienti a far capire che Atropos non è tutto ciò che sembra e che il tuo personaggio, Selene, non è semplicemente un’astronauta bloccata su un pianeta alieno. Il fatto che la sua casa d’infanzia sia immersa nella foresta di Atropos è sufficiente a farti capire che questa storia è profondamente legata al passato di Selene. Proprio come Kratos viene messo alla prova dai suoi demoni personali nel Valhalla, il tumulto interiore di Selene si manifesta nel Returnal.

Per quanto riguarda la progressione, Returnal è considerato per la sua brutale difficoltà, ma come persona che non ha mai feteggiato il genere dei “giochi difficili”, posso dirti che gran parte di questa reputazione è stata sopravvalutata. Returnal è impegnativo, non fraintendermi, e gran parte del modo in cui vivi la storia di Selene è attraverso la disperazione di ripetuti fallimenti. È un aspetto essenziale dell’esperienza. Ma non è nemmeno un’impresa masochista. Proprio come nel Valhalla, ci sono dei checkpoint che fanno avanzare la storia e ti evitano di dover rifare i combattimenti con i boss più importanti. Inoltre, anche se in Returnal non c’è una progressione permanente e incrementale, si acquisisce un senso di padronanza del mondo e delle sue minacce molto migliore di quello che ho avuto in Valhalla. Se God of War è stata la tua introduzione a questo genere, Returnal è il prossimo regno superiore da conquistare in questo ciclo infinito di roguelike.

 

Compralo per PC qui e per PS5 qui

Leggi di più su www.thegamer.com

Potrebbero interessarti