Cerca
Close this search box.

Recensione di Unicorn Overlord

Tempo di lettura: 5 minuti

Ho deciso che l’uomo muscoloso con l’ascia e la piccola strega della palude sono migliori amici. Come potresti non farlo?

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

E poi, ovviamente, i due cavalieri che un tempo erano fidanzati devono andare insieme per vedere le scintille. Ma quando le cose vanno male, posso sempre contare sul mio supergruppo di mercenari più cattivi del paese, simile a quello degli Expendables, che arriva dalla collina e salva la situazione, ovviamente con il massimo effetto drammatico.

Ma Unicorn Overlord è anche la storia di una rivoluzione: Price Alain guida il suo esercito di liberazione in battaglia contro il malvagio Impero di Zenoiran. Deposto ed esiliato da bambino, ma tenuto al sicuro dai più fidati consiglieri reali di sua madre, Alain viaggia ai quattro angoli di Fevrith, raccogliendo alleati e sostenendo la sua ribellione popolare.

Si tratta di un fantasy medievale molto tradizionale, ma raccontato con lo stile unico e inconfondibile di Vanillaware: un misto di pulp e sfarzo che riesce a evocare lo spirito dell’avventura epica mescolando un’atmosfera eterea e sognante con ambienti disegnati a mano, respiri pesanti e design dei personaggi con un piede in Frank Frazetta e l’altro negli angoli bui di DeviantArt. Nessuno fa meglio di un mantello scintillante o di un piatto di uova fritte.

Ma non si tratta solo di immagini distinte. Nel corso del suo catalogo, Vanillaware ha dimostrato un’incredibile capacità di adattare questo stile a una serie di generi di gioco diversi. Ma piuttosto che un completo allontanamento da ciò che è venuto prima, Unicorn Overlord è un’iterazione e un’evoluzione del connubio tra visual novel e RTS che abbiamo visto nel magistrale 13 Sentinels: Aegis Rim.

All’interno di un overworld in stile classico, che richiama alla mente praticamente tutti i leggendari RPG a turni che ti vengono in mente, rimbalzi da un pilastro all’altro liberando città, saccheggiando fortezze e assaltando insediamenti in una serie di grandi battaglie e piccole schermaglie. Inizi il gioco con poche unità di due personaggi, ma puoi arrivare a metterne insieme fino a sei, offrendo un’enorme flessibilità tattica.

Grazie all’enorme quantità di tipi di unità disponibili – dai cavalieri wyvern volanti che possono sfiorare qualsiasi terreno, alla cavalleria veloce e letale e agli imponenti opliti difensivi – ogni scenario si svolge un po’ come un puzzle. Devi capire come conquistare una base nemica creando le squadre giuste con le risorse che hai a disposizione, eguagliando o superando le classi messe in campo per fermarti, senza lasciare la tua base aperta al contrattacco o il tuo esercito aperto a un’imboscata da parte dei rinforzi.

Se aggiungi diverse abilità speciali, armi d’assedio e ostacoli, le decisioni da prendere di momento in momento sono davvero tante. Ma poi, quando due forze opposte si fronteggiano, la scena passa da una visuale a volo d’uccello a un’auto-battaglia riccamente animata in cui lo scontro si risolve. La prima volta che ho visto uno di questi filmati, ho detto “wow” ad alta voce.


Unicorn Overlord battle scene: a shielded, armoured knight fights a unit mounted on a wyvern in the dust of a mountain pass.

Sebbene sia possibile ingaggiare mercenari generati casualmente, la maggior parte del tuo esercito è composto da personaggi unici e doppiati, con una propria missione e un proprio posto nella storia generale.

Questa incredibile varietà è brillante e aggiunge intriganti narrazioni da scoprire in quasi tutte le aree del mondo, oltre a incommensurabili opportunità di creare amicizie, rivalità e storie d’amore all’interno della fiorente milizia che controlli. Molte di queste sono anche ufficialmente supportate da un misuratore di relazioni che si riempie costantemente e che riproduce scene speciali tra i personaggi che creano un legame nella foga della battaglia. Pensa a Fire Emblem, ma più… robusto.

Tuttavia, se il vasto roster di eroi è senza dubbio uno dei maggiori punti di forza di Unicorn Overlord, può anche essere incredibilmente opprimente sia dal punto di vista della narrazione che del gameplay. Ci sono così tanti personaggi unici che può essere difficile tenere traccia di chi è chi, ma l’importante è che tu venga ricompensato per esserti costantemente destreggiato e aver ottimizzato le formazioni delle tue unità.

Entrare e uscire dai menu e dover ricordare chi vuoi in ogni squadra e in quale posizione è un sovraccarico di informazioni, così come gestire la vertiginosa serie di armature ed equipaggiamenti con cui devi equipaggiare i tuoi soldati man mano che il gioco avanza.


A promote unit screen in Unicorn Overlord, abuzz with stats, information, and points that clutter the screen.

In linea di massima, puoi fare affidamento sulle stesse comode combinazioni di personaggi che ti piacciono, ma quando ti accorgi di quanto puoi influenzare l’esito delle singole schermaglie modificando al volo la posizione dei personaggi, la tentazione di armeggiare può iniziare a interrompere il flusso dell’azione.

Tuttavia, se da un lato ci si può impantanare facilmente, dall’altro è indice della forza del lavoro dei personaggi il fatto che mi affezioni abbastanza a un particolare plotone da essere infastidito dal fatto di doverlo dividere perché “sono amici”. Allo stesso tempo, però, mi chiedo se un’opzione di “ottimizzazione” con un solo pulsante che permetta di cambiare la formazione della tua unità per ottenere il miglior risultato possibile (in modo simile a quanto si può fare con l’equipaggiamento e le tattiche) eliminerebbe gran parte della fatica della microgestione. Questo è ovviamente un compromesso che elimina un elemento strategico importante, ma eliminerebbe un menu ingombrante.

Parlando di personaggi, Unicorn Overlord potrebbe anche riaccendere l’annosa discussione che ha circondato i giochi Vanillaware in passato, in cui alcuni dei design dei personaggi più fedeli ai fan sono stati oggetto di polemiche.


Witches cast spells to protect a soldier in a swamp battleground in Unicorn Overlord.

Il gioco di successo dello studio, Dragon’s Crown, ha portato le cose a 11 e si è spinto nella zona di Spinal Tap, dove si è trovato sul confine tra l’essere sexy e il sessista, non solo con i personaggi giocabili, ma anche con quelli accidentali intorno alla città hub. Ma mentre lo stile artistico unico è rimasto in 13 Sentinels: Aegis Rim, questo seguito ha fatto qualcosa di molto più innovativo, presentando i suoi personaggi nel contesto di un cast più complesso di relazioni diverse e storie d’amore non tradizionali.

Unicorn Overlord si colloca a metà strada tra i due. Alcuni dei tuoi amici e nemici non superano il test “a cosa diavolo stai giocando?”, ovvero se ti imbarazza essere preso a spallate mentre sono sullo schermo. Tuttavia, si ha la sensazione che debba essere “sciocco per un’ampia gamma di giocatori”, come Aegis Rim, piuttosto che “esplicitamente sexy per alcuni”, come Dragon’s Crown.


A kiwi and melon platter, aged-cheese spread, bacon and soft-boiled egg galettes, fresh-picked grapes - all in Unicorn Overlord

Sebbene l’ampiezza del suo roster e la quantità di armeggi e menu che dovrai navigare possano sembrare un’impresa ardua, ciò significa anche che c’è molto in cui perdersi, con una spinta narrativa che ti fa venire voglia di impegnarti nella microgestione di ogni unità.

Da solo, Unicorn Overlord è un’eccellente espansione dello stile visivo di Vanillaware, ormai marchio di fabbrica, e delle sue più recenti meccaniche RTS, offrendo sia una strategia avvincente che un suggestivo mondo fantasy pulp in cui vorrai immergerti per ore e ore.

Unicorn Overlord verrà lanciato su PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X/S e Nintendo Switch l’8 marzo 2024.

Leggi di più su www.vg247.com

Potrebbero interessarti