Cerca
Close this search box.

Recensione di Lies of P: Uno dei giochi più frustranti del 2023 è difficile da vendere, anche con Game Pass

Tempo di lettura: 6 minuti

Lies of P è un gioco diviso in due metà, entrambe poco soddisfacenti. La storia è una rivisitazione delle Avventure di Pinocchio, ambientata in un mondo che deve parte del suo aspetto alla Yharnam di Bloodborne e alla Parigi del XVIII secolo di Steelrising. A parte l’idea che il suo naso cresca ogni volta che P dice una bugia, non conosco la storia di Pinocchio, quindi non avevo aspettative sulla narrazione in un senso o nell’altro.

Pubblicità Fanatical.com - Big savings on official Steam games

Ma l’aspetto di Lies of P non è tanto ispirato a quei giochi, quanto piuttosto una pallida imitazione. Strade acciottolate, vicoli poco illuminati, lampioni a gas, lumi di candela che brillano attraverso le finestre delle case, dietro le quali siedono PNG dall’accento pesante che hanno tre linee di dialogo. Non offre alcuna novità in termini di estetica e sembra accontentarsi di ricordarti cose già viste.

Più mi addentravo nel gioco, più questo aspetto diventava evidente. Se hai mai giocato a un Souls-like, sai che i peggiori tendono a prendere a piene mani dagli elementi migliori (e dal lavoro della stessa FromSoft) senza giustificarne l’esistenza o comprendere realmente le circostanze che li hanno generati.

Lies of P ha pochi effetti di stato negativi, distribuiti nei vari livelli. C’è il livello di surriscaldamento, quello di corrosione, quello di scossa elettrica e così via. Quasi come se seguisse un copione. Ovviamente ci sono degli oggetti per contrastare questi effetti, perché ne hai bisogno. Proprio come in altri giochi.

Gran parte del design dei livelli del gioco manca di ispirazione. Il tema generale sembra essere: Un’opera d’epoca della Belle Epoque, ma con pupazzi al posto delle persone. Si visita una fabbrica di marionette, una specie di circo, una stazione di polizia. Tutto sembra molto appropriato per l’epoca, ma non combatti contro esseri umani o mostri, ma solo contro imitazioni di marionette, sia in senso letterale che figurato.


Lies of P image 4
Lies of P a volte è bello, ma mai sbalorditivo o intrigante.

In questa storia, le marionette si sono ribellate ai loro creatori, hanno infranto il loro codice morale e hanno iniziato ad attaccare le persone. I pochi rimasti si nascondono, ma tu, nei panni di P, sei l’unica marionetta senziente che apparentemente non è impazzita. C’è una grande sfiducia tra le persone e le macchine, che il gioco presenta come una giustificazione per mentire/dire la verità. Occasionalmente, alcune conversazioni offriranno due scelte, una delle quali è chiaramente una bugia e l’altra la verità.

Il gioco suggerisce che le tue decisioni cambiano il finale, ma le scelte in cui mi sono imbattuto sembrano tutte banali, che portano allo stesso risultato e cambiano solo il dialogo. Non ho ancora visto alcun effetto reale delle mie bugie, ma forse si tratta di un segreto che il gioco vuole che i giocatori scoprano da soli. A me non interessa.

Anche nei rari incontri con PNG unici e in un simpatico (ma non molto convincente) minigioco che consiste nel rispondere a indovinelli su un telefono, Lies of P non può fare a meno di appoggiarsi a tropi familiari. Incontrerai i tuoi personaggi impazziti, la plebaglia che approfitta del caos, una classe di cacciatori che danno la caccia alle macchine in modo indiscriminato, alcuni enigmi ambientali che mettono alla prova la tua percezione e l’occasionale dialogo obliquo su eventi passati o persone importanti per arricchire la storia. A tutto ciò manca quel cenno di intesa e quel sorriso in cui FromSoft è riuscita a eccellere.

L’altra metà di Lies of P è il combattimento. Come il resto del gioco, anche questo è un elemento che prende in prestito da altri senza fornire argomentazioni convincenti. Si tratta di un combattimento standard basato sulla resistenza. Hai a disposizione attacchi leggeri e speciali. Puoi bloccare e schivare/rotolare. L’unica novità lontanamente interessante è che il blocco non annulla i danni. Al contrario, la tua barra della salute subisce un colpo, rappresentato da un colore grigio. Se riesci a colpire il tuo aggressore, puoi riacquistare la salute.

È una sorta di debole apparizione di un sistema simile in Bloodborne, ma ovviamente nel gioco di FromSoft aveva senso perché non potevi bloccare, quindi c’era bisogno di un modo per incentivare i giocatori a stare all’attacco e a scambiare colpi con i nemici. In Lies of P puoi schivare, annullando tutti i danni. Le cornici di invincibilità sono generose, quindi bloccare diventa immediatamente superfluo, soprattutto perché costa anche stamina (oltre che salute).

Più avanti nel gioco, ti renderai conto che bloccare sarà effettivamente necessario, perché alcuni nemici (soprattutto i boss) ricadono nel vecchio tropo di avere catene di attacchi rapidi e più lunghi di quelli che puoi schivare, quindi sarai costretto a bloccarne alcuni e a schivarne altri.

Mi starebbe bene ballare su questo ritmo se il gioco volesse farlo, ma il gioco si trasforma rapidamente in un gioco di incertezza, in cui si cerca di pescare determinati attacchi facilmente schivabili e di “resistere” a quelli più veloci che seguono.

L’aspetto più frustrante, tuttavia, è il modo in cui i combattimenti sono guidati dalle animazioni. Non puoi annullare la maggior parte degli attacchi e spesso ti capita di accodare inconsapevolmente dei seguiti senza volerlo. Non aiuta il fatto che i boss non obbediscano alle tue stesse leggi e che possano sferrare catene di attacchi multipli lasciandoti solo un piccolo spiraglio per la tua reazione. Altri hanno attacchi massicci che distruggono l’area e che non puoi fare a meno di consumare se vuoi mantenere lo slancio. E alcuni soffrono dei soliti problemi di scarsa localizzazione che derivano dai nemici massicci che ti girano intorno in modo difficile da leggere o anticipare. Si tratta di una caratteristica di FromSoft che gli sviluppatori avrebbero potuto scegliere di tralasciare, ma ecco che ci ritroviamo.

La lentezza è rappresentata al meglio dall’animazione del contraccolpo; il tempo che impieghi per rialzarti dopo essere stato colpito è sufficiente per subire un altro colpo al risveglio. È esasperante.


lies of p launch screen 3
Grande spada! Troppo lenta, però, quindi sto tornando alla mia arma più veloce. | Crediti immagine: Neowiz

Lies of P cerca di distinguersi per l’azione di gioco aggiungendo inutilmente delle meccaniche faticose al suo già scarso combattimento. C’è lo stagger, che ha lo scopo di ricompensarti per i colpi andati a segno aprendo il tuo nemico a un grande attacco che infligge ingenti danni. Per attivare lo stagger, però, devi sferrare un attacco speciale carico. La finestra è così stretta e l’animazione dell’attacco è così lunga che sono riuscito a portarlo a termine solo per fortuna.

Con il passare del tempo, la tua casa base si arricchisce di altri venditori, che sbloccano un elenco esagerato di potenziamenti. Puoi separare le armi dalle loro impugnature, un’idea carina ma che ha un effetto così minimo sul combattimento che non me ne sono mai preoccupato. Poi ci sono i potenziamenti passivi del tuo Organo P – in pratica il tuo cuore – che aumentano i danni da barcollamento, riducono il costo della stamina in caso di blocco e così via.

Ma non è tutto: hai anche il tuo Braccio della Legione, che può essere equipaggiato con diversi strumenti/armi che lo trasformano in una sorta di seconda arma. Puoi trasformarlo in uno scudo, in un cannone a mano o in un rampino per trascinare i nemici verso di te. Ognuna di queste meccaniche ha anche uno o due livelli propri.

Apprezzo l’impegno profuso in tutti questi sistemi, ma il combattimento di base non è abbastanza buono e la progettazione degli incontri non è abbastanza interessante da giustificare l’utilizzo della combinazione più efficiente e meno fastidiosa. È un potenziale sprecato e dubito che la maggior parte dei giocatori si interesserà o si renderà conto di tutta questa profondità.


lies of p launch screen 5
Hai il coraggio di entrare? | Crediti immagine: Neowiz

Durante la mia permanenza in Lies of P, mi è venuto spesso in mente The Surge 2. I due giochi condividono un’inquietante impegno nell’imitare sistemi simili a quelli dei Souls e nel sovrapporne sempre di più, senza che questi vengano realmente giustificati.

Si potrebbe caritatevolmente considerare entrambi come ben intenzionati, ma privi della precisione necessaria per realizzare le loro aspirazioni. Questo può anche essere vero, ma non rende il videogioco più divertente.

L’azione di Lies of P è competente, ma non ha lo smalto e il ritmo dei suoi contemporanei. L’atmosfera può essere coinvolgente, ma è un miscuglio di temi ed estetiche già viste che non si eleva mai al di sopra del familiare. Non mi ha mai impressionato e non ho mai smesso di chiedermi quale fosse lo scopo dell’intero progetto.

Versione testata: PS5. Codice fornito dall’editore. Lies of P è disponibile anche su PC, PS4, Xbox One e Xbox Series X/S. Il gioco è disponibile al day-one su PC e Xbox.

Leggi di più su www.vg247.com

Potrebbero interessarti