Cerca
Close this search box.
Islands of Insight review: open-world puzzler feels infinite

Recensione di Islands of Insight: un rompicapo open-world che sembra infinito

Tempo di lettura: 6 minuti
Islands of Insight review: open-world puzzler feels infinite

 

An island full of puzzles appears in Islands of Insight.

“Islands of Insight è la reinvenzione moderna di cui il genere puzzle ha bisogno”

Pro

  • Tonnellate di puzzle divertenti
  • Sfide quasi infinite
  • Ganci di progressione intelligenti
  • Ottima integrazione della cooperativa

Contro

  • Alcuni formati scadenti
  • Puzzle a griglia ripetitivi
  • Storia vaga

 

Quando ero bambino, il mio bene più prezioso era l’abbonamento alla rivista World of Puzzles. Ogni mese ricevevo un numero fisico pieno zeppo di rompicapi che mi tenevano occupato fino alla consegna successiva. Diventavo ossessionato da alcuni formati di rompicapo, come la sua particolare interpretazione dei crittogrammi e dei cruciverba. Altri invece erano delle vere e proprie sciocchezze che saltavo ogni volta, ma andava bene così. L’unica cosa che contava era avere un modo coerente per esercitare il mio cervello.

Islands of Insight cattura questa sensazione in un modo che pochi giochi hanno mai provato. Il progetto unico dell’editore di Dead by Daylight, Behaviour Interactive, prende il concetto di pagina di puzzle di un giornale e lo diffonde in un mondo aperto pieno di migliaia di enigmi. Non appena ho iniziato a giocare, mi sono ritrovato in un flusso familiare. Alcuni enigmi mi hanno fatto esplorare ogni angolo di un’enorme isola celeste per trovare altri problemi da risolvere, proprio come sfogliavo ogni nuovo numero di World of Puzzles per trovare i pochi formati che mi piacevano. Altri, invece, mi hanno fatto gemere ogni volta che li ho incontrati.

Questa esperienza mista potrebbe risultare sgradevole per coloro che si sentono obbligati a risolvere ogni problema che vedono, ma Islands of Insight offre un enorme libro di enigmi a mondo aperto che terrà il tuo cervello allenato per molto tempo.

Decostruzione dell’open-world

Islands of Insight è meglio descritto come una decostruzione del genere open-world. Immagina un gioco come Assassin’s Creed Valhalla, ma senza la storia e i combattimenti. Immagina invece come sarebbe se ti lasciassero semplicemente la sua enorme mappa esplorabile piena di piccole attività da risolvere. Questo è esattamente ciò che Islands of Insight offre e sembra quasi una versione moderna di Myst.

Prendendo chiaramente spunto da The Witness, Islands of Insight proietta i giocatori in un mondo aperto e ricco di enigmi. Tuttavia, invece di puntare su un unico tipo di enigma, offre un’ampia gamma di formati, spesso di dimensioni ridotte. Alcuni di questi sono molto tradizionali, come i problemi di griglia che richiedono ai giocatori di riempire correttamente le caselle bianche e nere utilizzando diversi set di regole. Altri sono piccole sfide di osservazione che si integrano naturalmente nel mondo. Solo nella prima area, ho dato la caccia a cinque oggetti in un’area a cupola, ho trovato e collegato due simboli a poca distanza l’uno dall’altro e ho attraversato un arco invisibile.

A grid puzzle appears in Islands Insight.
Comportamento interattivo

Ciò che funziona così bene è la rapidità e la densità di molti di questi enigmi. Indipendentemente da dove mi trovo sull’isola, sono sempre circondato da una manciata di enigmi tra i quali posso fare rapidamente ping-pong. Alcuni richiedono solo pochi secondi per essere risolti, come allineare un disegno nascosto dipinto sull’ambiente o cercare tra gli anelli incastrati e cliccare sul punto in cui si intersecano. Anche se ho solo pochi minuti a disposizione, di solito riesco a risolvere una dozzina di enigmi in quel lasso di tempo.

Lo sviluppatore Lunarch Studios sembra voler privilegiare la quantità rispetto alla qualità, inserendo un numero di enigmi che sembra infinito. Questo approccio ha i suoi lati positivi e negativi. Se da un lato ci sono molti formati che mi sono piaciuti, dall’altro ci sono anche diversi errori. Uno di questi è irritante: devo cercare di allineare correttamente una foto dell’ambiente con il mondo reale, mentre un altro mi vede impegnato a riallineare un mosaico psichedelico per ricreare uno schema specifico. Altri non sono tanto enigmi quanto semplici sfide di attraversamento che mi chiedono di toccare una serie di sfere blu entro un limite di tempo.

Mi sembra di avere un numero quasi infinito di problemi da affrontare.

Sebbene mi piaccia il fatto che ci siano così tante sfide in pillole, mancano i rompicapi più tradizionali che aumentano di difficoltà. La maggior parte di essi si trova nei puzzle a griglia, che iniziano a diventare ripetitivi anche con regole modificate in modo intelligente. Le varianti più creative mi portano a ricreare dei suoni riempiendo correttamente i quadrati come se stessi sequenziando un beat pad. Un’altra mi fa osservare l’ambiente per trovare una soluzione nascosta nel mondo. Queste varianti aiutano a diversificare l’offerta di rompicapo, ma riempire caselle bianche e nere inizia a sembrare vecchio dopo averlo fatto centinaia di volte.

È qui che l’enorme numero di enigmi aiuta. Il mondo è così ricco di piccole sfide che posso ignorare completamente tre o quattro formati (a parte alcune sfide che devono essere completate per far progredire la “storia”) e avere comunque la sensazione di avere un numero quasi infinito di problemi da affrontare. In questo senso, Islands of Insight mi ricorda un moderno World of Puzzles; è una rivista digitale con un numero di pagine tale da non farmi sentire in colpa se ne salto qualcuna qua e là.

Progressione negli enigmi

Un enorme mondo aperto pieno di enigmi è un concetto nuovo, ma il vero trucco è trovare un modo per far sì che la risoluzione dei problemi sia significativa. Islands of Insight si cimenta in questa sfida con diversi gradi di successo. Ciò che non funziona è la sua storia, che si riduce a un sacco di meandri filosofici in vaghi registri di storia. Pensa a The Talos Principle 2 con una costruzione del mondo meno concreta.

Più allettante è il suo approccio alla progressione, che mantiene la risoluzione di enigmi non elaborati in modo gratificante per tutta la durata del gioco. Il punto centrale è che devo raccogliere oggetti chiamati Mirabalis per sbloccare altre parti dell’isola. Questi oggetti si ottengono attraverso sfide specifiche sparse per il mondo, ma anche su isole autonome che fungono quasi da “dungeon” Questo ciclo di raccolta è sufficiente a far superare ai giocatori una dozzina di ore di gioco solo per vedere tutto il mondo, anche se li costringerà a completare alcuni tipi di puzzle che detestano per progredire nel gioco.

Sto sempre sbloccando qualcosa o facendo progredire il mio personaggio in qualche modo..

L’aspetto più efficace sono gli agganci al gioco di ruolo. Più enigmi i giocatori risolvono, più denaro ottengono che può essere speso in un albero delle abilità. In questo modo si sbloccano altre opzioni di attraversamento che permettono ai giocatori di spostarsi sulle isole, oltre a ricompense bonus per il completamento di specifici tipi di puzzle. I giocatori salgono di livello nel corso dell’avventura e ottengono ricompense cosmetiche che possono essere utilizzate per personalizzare il loro personaggio. Ognuno di questi sistemi si combina per darmi la sensazione di sbloccare sempre qualcosa o di far progredire il mio personaggio in qualche modo, anche quando completo enigmi casuali al di fuori del percorso principale.

L’asso nella manica più grande, però, è la modalità cooperativa che rende Islands of Insight davvero speciale. Gli amici possono esplorare l’isola insieme, risolvendo gli enigmi o dividendosi e affrontando le sfide da soli. All’inizio ero preoccupato di come avrebbe funzionato. Perché avrei voluto che qualcun altro risolvesse i miei enigmi? Ma questa è un’altra area in cui la massa e la diversità delle sfide è molto importante. Se c’è un formato di puzzle che odio, forse ho un amico disposto ad affrontarlo. E quando i rompicapo a griglia della fine del gioco diventano davvero difficili, può essere d’aiuto avere un amico vicino per sfruttare la sua potenza cerebrale.

A character flies through the air in Islands of Insight.
Comportamento interattivo

Tutto questo fa sì che Islands of Insight sia il tipo di approccio lungimirante al genere di cui il gioco ha bisogno. Sebbene la scena indie dei rompicapo sia molto attiva e vivace, si tratta di un genere che i grandi studios hanno ampiamente abbandonato nel corso degli anni. Il genere non è più al passo con le tendenze moderne, come la progettazione di mondi aperti, la progressione dei giochi di ruolo, il multiplayer e gli agganci simili a quelli degli MMO, che hanno lo scopo di tenere i giocatori impegnati più a lungo. Islands of Insight dimostra che queste idee non sono del tutto incompatibili con un puzzle game e questa è forse la soluzione più importante.

Islands of Insight è stato testato su PC.

Leggi di più su www.digitaltrends.com

Potrebbero interessarti